Il vice ministro allo Sviluppo economico con delega al Commercio estero, Adolfo Urso giovedì a Skopje, insieme al presidente dell’Ice Umberto Vattani e ai dirigenti di Simest, Sace e Finest, aprirà i lavori del primo forum economico bilaterale e guiderà una delegazione di circa 50 imprese. L’interesse politico del governo italiano e di tutta l’Unione europea per lo sviluppo dei rapporti politico-commerciali con la Macedonia, è quello di promuovere al massimo l’integrazione regionale, al fine di stabilire una sempre più attiva cooperazione bilaterale.

Avendo ottenuto lo status di candidato all`Ue e parallelamente proseguito all`ammodernamento delle sue strutture in vista dell`adesione alla Nato, la Macedonia sta diventando un interessante mercato per le imprese italiane del settore energia e ambiente, infrastrutture e meccanica.Il vice ministro Urso incontrerà il ministro dell’Ambiente, Nedzat Jakupi, il ministro dei Trasporti, Mile Janakieski e firmerà una dichiarazione congiunta per la promozione della collaborazione economica e degli investimenti bilaterali. La visita di Urso in Macedonia, a pochi giorni dalla missione in Kosovo, rientra nel Piano Balcani promosso dal ministero dello Sviluppo economico che ha come obiettivo di incrementare gli investimenti italiani nell’area e di portare il nostro export oltre i 10 miliardi di euro entro l’anno.

Considerata la dipendenza dai settori ad alto impiego di mano d’opera e ad alta sensibilità alla volatilità dei prezzi, ultimamente il governo di Skopje sta cambiando la struttura dell’industria favorendo gli investimenti esteri nei settori ad alto impiego di tecnologia e capitale. A tale scopo sono state istituite delle “zone di sviluppo tecnologico e industriale”, a regime particolarmente favorevole per gli insediamenti produttivi delle imprese estere. Nel biennio 2007-08 imprese italiane leader del settore energia hanno già realizzato importanti progetti, per un ammontare di oltre 50 milioni di euro, riguardanti produzione di energia di biomassa, efficienza energetica nei grandi impianti produttivi, costruzioni di centrali idroelettriche, utilizzo delle acque geotermali per investimenti. Adesso è il turno delle medie imprese. A Skopje giovedì il vice ministro Urso presenzierà alla firma del contratto di una società campana produttrice di tubi flessibili per fluidi con il governo macedone per l’investimento nella zona franca di Skopje.
L’interscambio dell’Italia con la Macedonia ha fatto registrare nel 2009 un aumento di circa 56 milioni di euro rispetto all’anno precedente realizzando così un surplus di 25 milioni. Incoraggianti i dati di gennaio 2010: l’export tricolore ha conosciuto un aumento, rispetto allo stesso mese del 2009, pari al 20 per cento. Le importazioni italiane dalla Macedonia nel 2009 hanno subito, rispetto al corrispondente periodo del 2008, una contrazione del 29 per cento, passando da 255 a 181 milioni di euro Dal punto di vista regionale il 22 per cento dell’export italiano in Macedonia proviene dalla Lombardia, seguono il Veneto e l’Emilia Romagna, Le nostre esportazioni in Macedonia sono basate su prodotti delle attività creative, artistiche e d’intrattenimento, articoli in pelle e autoveicoli. Per quanto riguarda gli Ide italiani – modesti anche se in crescita – si registra un aumento delle iniziative volte alla creazione di filiali di imprese italiane o di joint-venture nel paese.

Fonte: Il Velino

Foto
notizie Rasmo salumi tipici di qualità Produttori di salumi da 5 generazioni
Foto
notizie Pasticceria Chiara, dove l’arte pasticcera diventa una dolce ed emozionante “coccola”   La Pasticceria Chiara ad Olgiate Olona (Va) è il luogo ideale in cui fare il pieno di energia al mattino gustando un’indimenticabile colazione in cui regnano sovrani inediti croissant dei quali vi innamorerete letteralmente. Qui potrete anche fare il pieno di gustosi dolci per una pausa relax, per festeggiare una ricorrenza o semplicemente per concedervi una prelibata coccola. La Pasticceria Chiara nasce nel 1974 per regalare emozioni e “coccole” ai suoi clienti tramite un assortimento di dolci tradizionali, torte, croissant, prodotti lievitati. È in grado di soddisfare qualsiasi esigenza di palato. Oggi è gestita da Fabio Longhin che con tanto amore ha apportato alla tradizione della sua famiglia di pasticceri un’impronta moderna grazie alla sua costante voglia di sperimentare e ricercare materie prime sempre più innovative, salutari e gustose. Il suo lavoro da pasticcere gli consente di non smettere mai di dare sfogo alla sua fantasia e alla sua voglia di mettersi continuamente in gioco. Grazie alla sua verve creativa è nato Delirium, il panettone che ha alla base una miscela arabica e robusta dalla crema consistente e dal gusto morbido, un candito orientale, una tipologia di farina evoluta e un cioccolato equo solidare. Delirium è un panettone in vasocottura. Il suo originale vaso in vetro garantisce il mantenimento di tutti gli aromi e una shelf-life molto più estesa nel tempo. Dell’amore e della passione che Fabio Longhin ci mette ogni giorno nel creare le sue specialità e dell’importanza delle materie prime che sono alla base delle sue creazioni ci parla in questa esclusiva intervista.
Foto
notizie Pomodoro Ristorante in Francia, una cucina in grado di stimolare inedite emozioni   Il ristorante Pomodoro in Francia vi consente di intraprendere un viaggio autentico nell’arte culinaria italiana. Nelle sue tre sedi (a Metz- Augny, Marie aux chenes e Longeville- les Saint Avold) sarete accolti da un team rigorosamente italiano che vi guiderà tra i sapori degli autentici prodotti Made in Italy. La cucina che avrete la fortuna di assaggiare è gustosa e al tempo stesso salutare perché alla base vi è un’accurata selezione di ingredienti la cui qualità e genuinità fanno la differenza. Come non resistere al gusto di una vera pizza napoletana e un piatto di pasta preparato con tanto amore da chi svolge questo mestiere con entusiasmo passione e soprattutto passionalità! Pranzare o cenare presso il Ristorante Pomodoro sarà un’esperienza indimenticabile perché vi immergerete in un’atmosfera unica e conviviale in cui vi sembrerà di essere in famiglia. Inoltre i piatti che gusterete saranno in grado di emozionarvi. Di come cucinare sia una vera e propria arte in grado di stimolare inedite e indimenticabili emozioni ci parla con tanta passione Chef Cristiano con il supporto di Claire, figlia di Luca il proprietario di questa catena di ristoranti di grande successo in Francia