ciclisti
Mancano ormai pochissimi giorni e cresce l’emozione per l’esordio del Giro d’Italia 2015 , uno degli eventi annuali più attesi per tutti gli appassionati di ciclismo.

La 98esima edizione della storica manifestazione sportiva partirà sabato 9 maggio dalla Liguria , esattamente daSan Lorenzo al Mare(IM), la prima tappa culminerà a Sanremo attraverso un percorso di 17,6 chilometri, mentre il 31 maggio chiuderà il fitto percorso del Giro la Torino-Milano con il rush degli ultimi 185 chilometri, che celebrano l’arrivo della moltitudine in bici nella capitale dell’Expo 2015.

percorso_giro_italia
La corsa torna a disputarsi quasi interamente entro i confini dello Stivale, con la sola variante dello sconfinamento in territorio svizzero, in occasione della 17/a e 18/a tappa da Tirano a Lugano e da Melide a Verbania; il Giro 2015 toccherà quidi 11 regioni , spostandosi dal versante tirrenico a quello adriatico, scenderà fino alla Campania, nel Sannio, per poi risalire dalle Marche.

Le 21 tappe sono state così suddivise: 1 cronometro a squadre, 1 cronometro individuale, 7 tappe per velocisti, 5 tappe di media montagna, 3 tappe di media montagna con arrivo in salita, 4 tappe di alta montagna con arrivo in salita.

Saranno 22 le squadre , ciascuna composta da 9 corridori, ad affrontarsi lungo i 3489 chilometri di strada .
Ma chi sono i favoriti per la vittoria di questo Giro d’Italia?
Le speranze azzurre sono riposte in Fabio Aru , capitano dell’Astana, che dovrà guardarsi le spalle da:Alberto Contador, spagnolo della Tinkoff e compagno di Ivan Basso, dall’australianoRichie Portedel Team Sky, dal colombianoRigoberto Urandella Etixx-Quick Step e dal belgaJurgen Van den Broeckdella Lotto-Soudal, senza però sottovalutare tutti i possibili outsider.

giro-ditalia-2015-logo
Questo l’elenco dettagliato delle 21 tappe

1/a tappa, 9 maggio: San Lorenzo al mare-Sanremo, km 17,6 (cronometro a squadre).

2/a tappa, 10 maggio: Albenga-Genova, km 177, pianeggiante.

3/a tappa, 11 maggio: Rapallo-Sestri Levante, km 136, pianeggiante.

4/a tappa, 12 maggio: Chiavari-La Spezia, km 150, media montagna.

5/a tappa, 13 maggio: La Spezia-Abetone, km 152, media montagna.

6/a tappa, 14 maggio: Montecatini Terme-Castiglione della pescaia, km 183, pianeggiante.

7/a tappa, 15 maggio: Grosseto-Fiuggi, km 264, pianeggiante.

8/a tappa, 16 maggio: Fiuggi-Campitello Matese, km 186, media montagna.

9/a tappa, 17 maggio: Benevento-San Giorgio al Sannio, km 215, media montagna.

10/a tappa, 19 maggio: Civitanova Marche-Forlì, km 200, pianeggiante.

11/a tappa, 20 maggio: Forlì-Imola (autodromo Ferrari), km 153, media montagna.

12/a tappa, 21 maggio: Imola-Vicenza (Monte Berico), km 190, media montagna.

13/a tappa, 22 maggio: Montecchio Maggiore-Jesolo, km 147, pianeggiante.

14/a tappa, 23 maggio: Treviso-Valdobbiadene (cronometro individuale), km 59,4.

15/a tappa, 24 maggio: Marostica-Madonna di Campiglio, km 165, alta montagna.

16/a tappa, 26 maggio: Pinzolo-Aprica, km 174, alta montagna.

17/a tappa, 27 maggio: Tirano-Lugano (Svizzera), km 134, pianeggiante.

18/a tappa, 28 maggio: Melide (Svizzera)-Verbania, km 170, media montagna.

19/a tappa, 29 maggio: Gravellona Toce-Cervinia, km 236, alta montagna.

20/a tappa, 30 maggio: Saint Vincent-Sestriere, km 199, alta montagna.

21/a tappa, 31 maggio: Torino-Milano, km 178, pianeggiante.

Foto
notizie Ristorante Antico Mulino: tradizione veneta con un tocco di creatività e modernità Se siete degli estimatori della cucina veneta a base di risotti, polenta, baccalà mantecato e tiramisù e vi trovate in Germania, vi consigliamo di fare tappa presso Il Ristorante Antico Mulino nella città di Todtmoos. Situato in una struttura antica che quattrocento anni ospitava un mulino, l’Antico Mulino, vanta un ambiente suggestivo, accogliente e familiare in cui vi sentirete accolti come se foste ospiti di una famiglia italiana. Qui lo chef Andrea Marini vi accoglierà con umanità e professionalità per avventurarvi tra i sapori autentici del Veneto, regione di cui è originario e che porta nel cuore, come le ricette che gli sono state tramandate dalla nonna.
Foto
notizie Ristorante Da Vito: la fedeltà del Made in Italy dello chef Vito Signorello Nella zona tedesca della suggestiva Lipsia, lo chef Vito Signorello ha fondato da più di ventiquattro anni il suo ristorante italiano all’estero, il Ristorante Da Vito. In un ampio e luminoso locale dai colori tenui e rilassanti, è possibile gustare le vere ricette tradizionali della cucina regionale italiana. Le ricette dello chef Vito sono autentiche, tramandate di generazione in generazione. Molto richiesti sono i primi di pasta fresca come i tortelloni, le tagliatelle, i ravioli e le lasagne offerte in tutte le varietà e con ingredienti freschi e di qualità come funghi porcini, spinaci, salmone, parmigiano. Apprezzato è anche il pesce di come la gustosa sogliola alla griglia e il prelibato filetto di salmone al vino.
Foto
ristorazione La Dolce Vita Annecy: quando l’Italia conquista i francesi a tavola Julien Kaim, francese “folgorato” dalla tradizione italiana, ha lasciato Gordon Ramsay per realizzare il suo sogno. Avere un ristorante 100% italiano nella sua città: Annecy, gioiello dell’Alvernia