getCompanyVOById(10068943)
Zoo d'Abruzzo

Chi siamo


Lo Zoo d’Abruzzo è una realtà a gestione familiare nata nel 2007 dall’amore per gli animali come semplice esperimento, che oggi offre la possibilità a grandi e piccini di vivere un giorno a stretto contatto con animali da tutti i continenti. Nel nostro parco troverete giraffe, rinoceronte, leone, zebre e lemuri del Madagascar, africani, gli asiatici elefanti e i cammelli, specie animali australiane e americane ma anche europee, come daini, gufi, e altro ancora. Lo Zoo d' Abruzzo è un parco faunistico con percorso pedonale in cui poter vedere gli animali da molto vicino. Potrete interagire con loro, assistere a dimostrazioni didattiche e partecipare a laboratori interattivi che metteranno in contatto diretto grandi e piccini con i nostri amici animali.

Non solo zoo

Il parco si trova a pochi minuti dal casello autostradale della A14 (uscita Lanciano), in un territorio ricco di mete da poter abbinare alla visita allo zoo: basti pensare al Santuario del Miracolo Eucaristico di Lanciano situato a pochi chilometri, all’Abbazia di San Giovanni in Venere a Fossacesia, o alla meravigliosa costa dei trabocchi.


La nostra missione

Vogliamo diventare una struttura dedicata ad aumentare la consapevolezza dello stretto rapporto di interconnessione tra uomo ed animali. In questo quadro, evidenziamo da un lato le relazioni di reciproco beneficio che esistono tra uomo ed animali domestici, e dall'altro siamo un centro di educazione popolare sulle misure preventive necessarie a garantire un futuro alla biodiversità, sia a livello locale che planetario.

Didattica

Grazie allo staff della didattica, sarà possibile approfondire la biologia e le curiosità inerenti alle specie presenti nel parco, durante le visite guidate e le tante attività didattiche. Così, una giornata al parco diventa un’emozione unica, a stretto contatto con la natura.

Scopri chi troverai al parco
Lemuri, rinoceronti, giraffe, pappagalli, leoni, foche e tanto altro ti aspetta al nostro parco

Tantissimi animali da tutti i continenti ti aspettano per un'avventura a contatto con la natura e tanto divertimento




  ZOO D'ABRUZZO Contrada Scalzino 27/E
66020 Rocca San Giovanni (CH)
italia
0872618012
info@zooabruzzo.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 11493

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
b&b Bed & Breakfast Le Due Volpi

Il piccolo Bed and Breakfast “Le Due Volpi” è situato vicino a Molezzano (Vicchio)
immerso nelle dolci colline del medio Mugello, zona prettamente rurale rimasta miracolosamente indenne alla cementificazione delle valli.


A soli 35 km da Firenze, 25 da Fiesole, 15 da Scarperia e 5 da Vicchio ci consideriamo al centro di una zona ricchissima di cultura e antiche tradizioni.


E’ una zona ideale per una vacanza tranquilla e rilassante, che offre anche tante possibilità di attività sportive. Ad esempio, uno dei più rinomati campi da golf europei, si trova ad appena 15 km di distanza.
Ricavato da un’antica casa colonica dispone di camere accoglienti e spaziose, arredate semplicemente, ma molto confortevoli, tutte con bagno (Minerva, Superla, Brionvega e Nicoletta per via delle storiche radio del passato collezionate dal proprietario, Lorenzo), con la possibilità di un terzo letto in due delle camere, e bagno privato.


Nella nostra casa seguiamo uno stile di vita “verde” con pannelli solari, riscaldamento a legna, e lampadine a risparmio energetico e usiamo prodotti locali e biologici ove possibile.


Una abbondante prima colazione a buffet viene servita sotto il loggiato in estate e davanti al grande camino in inverno.
Il giardino e la piscina sono a completa disposizione degli ospiti, che troveranno il loro angolino preferito per riposare o farsi un bagno in santa pace nel rispetto della tranquillità della campagna circostante o addormentarsi sotto la pergola di vite con le cicale in sottofondo.


Su richiesta, si potranno organizzare degustazioni di vini e prodotti tipici toscani, merende, picnics e quant'altro. Inoltre, si possono anche organizzare mini corsi di cucina Toscana, conversazione in inglese e weekend a tema.



Foto
ricettività e turismo Le Case Cavallini - Sgarbi

Residenza di Charme Appartamenti di Lusso 4 soli ****



Edificato in epoca medioevale nelle adiacenze della chiesa di Santa Maria delle Bocche, il palazzo passò nel 1471 dal notaio Rinaldo Mezzaprile alla famiglia Ariosto, assieme all’edificio contiguo (la Magna Domus dell’illustre casata), al quale è unito da un cavalcavia in vicolo del Granchio. Nel 1484 l’edificio divenne proprietà del canonico Brunoro Ariosto: è verosimilmente di quest’epoca il monogramma cristologico collocato sulla facciata, a ricordo della predicazione in Ferrara di San Bernardino da Siena, che lo adottò come proprio emblema. Il portale in marmo con archivolto e mensola a chiave può essere fatto risalire al Cinquecento.


Mentre Brunoro era canonico a Rovigo, nel palazzo si stabilì il fratello Nicolò, dal quale nacque il celeberrimo Ludovico, allora decenne. In questo edificio, il futuro autore dell’Orlando Furioso studiò con il precettore, Domenico Catabene di Argenta, e probabilmente vi compose le prime poesie e alcuni acerbi testi teatrali. Alla morte del padre, il grande poeta abbandonò Ferrara per recarsi a Canossa in qualità di capitano della Rocca, anche se ritornò più volte a vivere in queste stanze, sino a quando acquistò la casa in contrada del Mirasole. Nella casa di via Giuoco del Pallone 31, di cui divenne in seguito l’unico proprietario, Ludovico scrisse ampi brani della prima versione dell’Orlando Furioso, edita nel 1516.


Dopo gli Ariosto, il palazzo divenne della nobile famiglia Canani e, via via, dei Federici, dei Righetti, degli Agnoletti, finché nel XIX secolo fu acquistato dal paesaggista e critico d’arte Ferdinando Ughi. Questi lo vendette al pittore Oreste Buzzi nel 1913, il quale era tornato dal Brasile fornito di cospicue risorse economiche, dopo aver lavorato anche per il presidente della Repubblica. Alla morte di Buzzi, avvenuta nel 1943, il figlio Ugo cedette la casa ai Cavallini, genitori di Bruno (padre di Eleonora Cavallini), Rina e Romana (madre di Mario, Giovanni, Bruno e Anna Verdi). Rina Cavallini sposò Giuseppe Sgarbi e concepì Vittorio Sgarbi ed Elisabetta Sgarbi.


Di gusto rinascimentale è il prospetto, di squisito taglio esornativo legato alla tradizione del “cotto” ferrarese. L’antico portico al pianterreno venne tamponato durante il XVI secolo, mentre la facciata fu sopraelevata dopo l’acquisto da parte di Buzzi su progetto del medesimo, che si preoccupò intelligentemente di mantenere l’unità stilistica con il piano nobile e lo decorò personalmente con raffinate tempere di gusto tardo-liberty e art déco, sia nei soffitti che sulle pareti. All’epoca in cui Oreste Buzzi comprò la casa, permaneva al pianterreno uno stanzone (allora rivendita di legno e carbone) dove, secondo la tradizione, Ludovico Ariosto metteva in scena le proprie commedie davanti ai famigliari, a mo’ di anteprima.



Foto
ristoranti Il Castello Ristorante Pizzeria Albergo

CHI SIAMO

L 'Albergo è frutto di un attento e accurato restauro che ha tenuto conto del particolare sito archeologico in cui è ubicato, nonché il vecchio Castello Normanno successivo 1062. "Il Castello" propone un'atmosfera esclusiva fra storia e cultura. Gli ospiti vengono accolti in un ambiente di raffinatezza, cortesia e ospitalità. All'insegna del confort e del buon gusto sono le 9 camere di cui 3 suite con camino e terrazzo panoramico. Le camere sono dotate di tutti i comfort indispensabili tra cui Tv satellitare, free Wi-Fi, bagno in camera e aria condizionata per una rilassante e confortevole permanenza. Nello stesso tempo mantengono le caratteristiche rustiche di antica fattura tipica del luogo. Nella prima colazione a buffet potrete assaporare i sapori di un tempo come le torte, le marmellate e i biscotti preparati dalla padrona di casa. Rilassante, entusiasmante e gustosa sarà la vostra permanenza nel nostro paese albergo...
Per maggiori informazioni, non esitate a contattarci


IL RISTORANTE

Ristorante Il Castello a Petralia Sottana nel cuore del parco delle madonie
Il Ristorante offre la buona cucina madonita ricca di gustose prelibatezze locali e ricette tipiche. Immergetevi nella calda atmosfera del nostro ristorante ricavato nell'antico teatro del Castello. Assaggiate la nostra pizza preparata con sapienza artigianale, pura acqua delle madonie e "48 ore" di lievitazione naturale. Provate il nostro stinco di maiale cucinato nel forno a legna per ben otto ore dopo una paziente cottura che ne esalta tutti i sapori, e la tagliata di vitello servita su letto di funghi di ferla (Pleurotus eryngii) e basilisco (Pleurotus nebrodensis). Per accompagnare i nostri piatti lasciatevi tentare dall'ampia selezione di vini che potrete scegliere direttamente nella nostra cantina scavata nella roccia. Nel nostro ristorante la tradizione e la genuinità sono valori che vi condurranno verso una esperienza gastronomica mai provata.
Guarda il Video: Campionato Mondiale della pizza


Foto
b&b Dolce Vita Ambiez Rooms&Breakfast - Suite&Apartments

Mi presento, sono Francesca.


DolceVita Ambiez Rooms&Breakfast nasce da un sogno: quello di offrire a chi alloggia a San Lorenzo Dorsino un nuovo tipo di accoglienza, più familiare e più in sintonia con la natura.


La passione per l’ospitalità fa parte della storia della mia famiglia. Fin dagli anni Settanta, quando mio padre si spostò prima in Svizzera e poi a Milano per imparare il mestiere. Tornato a casa, ha proseguito l’esperienza insieme a mia madre qui in Trentino. Da ben 35 anni potete trovarli dietro il bancone del bar-tabaccheria Ambiez, nella frazione di Dorsino. Fra il 1995 e il 2003 hanno anche gestito l’hotel Soran, a San Lorenzo in Banale.


Ora tocca a me portare avanti la tradizione: con il sostegno e il supporto dei miei genitori ho recuperato e restaurato un edificio nel centro storico di Dorsino. Gli anziani del paese ancora ricordano quando qui dentro si affumicava la ciuìga, l’insaccato tipico di questa zona fatto con carne suina e rape cotte.


Dai miei genitori ho imparato che l’attenzione per le persone passa soprattutto dai piccoli gesti: la colazione servita al mattino con un sorriso, la cura meticolosa della pulizia, la disponibilità ad ascoltare le esigenze degli ospiti.


Vi aspetto