getCompanyVOById(10074275)
Società Agricola Terre di Baselice Srl
DEBUG 1

Alleviamo lumache, l'autentica lumaca del Fortore e lo facciamo coltivando il nostro futuro attraverso tecniche e buone pratiche che ci permettono di produrre un alimento sano, di qualità e ad un costo sostenibile.


L ’idea di dedicarci all’allevamento delle chiocciole nasce dalla voglia di quattro amici di realizzare qualcosa di nuovo ed innovativo per noi e per il nostro territorio.


L' obiettivo è quello di riqualificare terreni marginali per trasformare i paesaffi agricoli in un'opportunità per il futuro.

Combiniamo le nostre conoscenze alle capacità produttive della nostra terra per dare vita ad un microcosmo delle chiocciole




  SOCIETà AGRICOLA TERRE DI BASELICE SRL Contrada Campogrande
82020 Baselice (BN)
italia


Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Macelleria Azienda Agricola Vitale

Carni di alta qualità.

Allevamento di razza Chianina - Igp - Bio

Foto
aziende agricole Azienda Agricola Possa

Questa è la mia Storia

Ciao, io sono Heydi e voglio raccontarvi la mia storia, che è anche quella della mia Azienda. Avevo 13 anni, calzoncini a metà gamba, capelli biondissimi, ginocchia e mani perennemente sbucciate perché la domenica, al calcio con gli amichetti di Riomaggiore, preferivo l’esperienza dei nonni nell’insegnare le due facce della campagna e l’arte della creazione dei cosiddetti “muretti a secco“.


In fondo mi piaceva l’idea che una “bella fatica” generasse “buone cose” e che una persona potesse governare e al contempo essere governata dalla natura. Da lì il grande sogno: AVERE UN VITIGNO TUTTO MIO.

Arrivò dunque il 2004. Io ed un amico decidemmo di metterci in gioco. Non ci accontentavamo di un vino qualsiasi. Avevamo un progetto ben preciso: RESTITUIRE ALLE CINQUE TERRE ESATTAMENTE QUEL VINO CHE LE RESE CELEBRI IN TUTTO IL MONDO!


Studiavamo giorno e notte i profumi, i colori delle nostre uve in base alle stagioni ed al clima; osservavamo i mutamenti del frutto a seconda della sua collocazione; sceglievamo le tecniche di lavorazione tradizionali, predisponendo tuttavia una cantina tecnologicamente avanzata. Tutto seguiva il suo regolare corso. Gli anni passarono, i calzoncini si allungarono così come le mie gambe.


Ma il cuore, tra i sentieri della mia terra, la campagna rigogliosa e il vigneto così caoticamente ordinato, batteva alla stessa velocità di vent’anni prima. La cantina Possa nacque così, nella sincerità del mio sentire, nel desiderio di costruire.


Foto
aziende agricole Safinia

La nostra Storia
La nostra azienda, nasce in Italia, precisamente a Circello, nel Sannio.


Tutte le piante utilizzate nelle nostre tisane vengono coltivate nel pieno rispetto della natura, praticando un’agricoltura biologica e biodinamica senza l’utilizzo di pesticidi.


Vengono raccolte nel loro tempo balsamico ed essiccate nel minor tempo possibile.


Il logo nasce dal nostro legame con il territorio, Safinia è un nome di fantasia che fa riferimento agli abitanti del Sannio, chiamati nella loro lingua originale, l’osco, Safineis.

Foto
aziende agricole Le Nocciole Di Cascina Palazzo

Cascina Palazzo: due parole quasi in contrasto.
Sembra un gioco di uno scenografo teatrale: un palazzo signorile del ‘600 che spunta fra le colline dell’Alta Langa.

È un edificio completamente diverso dall’architettura tipica delle tradizionali cascine di Langa, perché fu costruito come residenza di campagna per una famiglia della nobiltà torinese.
Immaginiamoli, gli aristocratici torinesi barocchi, incipriati e imparruccati, salire sulla carrozza nel cortile del loro palazzo di città, dopo che i domestici avevano caricato i bauli, e partire verso le terre allora selvagge dell’Alta Langa.

È tempo di feste, di balli, di caccia, di quel breve periodo di villeggiatura spensierata che l’aristocrazia sabauda si concedeva fra gli affari e le guerre.


Nel 1915 il mio bisnonno Luigi acquista il palazzo da un discendente della nobile famiglia torinese e lo trasforma in cascina.
Immediatamente cambia lo spirito del luogo: non più feste e villeggiatura, ma il lavoro duro della campagna.
Pianta subito degli alberi di nocciole, ben 300, che colloca nei versanti di terreno più soleggiati.
All’inizio l’attività della cascina comprende anche l’allevamento di buoi da lavoro, l’animale più usato nella vita agricola del tempo. Mano a mano, con il progredire delle macchine e dei trattori, l’allevamento dei buoi si è ridotto, lasciando sempre più spazio alle nocciole.
Così mio nonno Alberto, poi mio papà Angelo hanno costantemente ampliato la superficie destinata alle nocciole.


Per chi nasce in una cascina dell’Alta Langa, le nocciole sono compagne di vita fin da bambino, prima per giocare ad arrampicarsi sugli alberi, poi per fare merenda con la torta di nocciole preparata dalla nonna.


Questa è stata la mia infanzia: andavo nel noccioleto con mio papà, che mi raccontava e mi trasmetteva le sue conoscenze su come lavorare e preparare il terreno, come potare i rami, come controllare gli insetti.
Adesso tocca a me. Insieme a mio papà Angelo, mia mamma Rosalia, mia moglie Elisa, e i miei figli Mattia e Andrea a cui sto insegnando come amare e prendersi cura delle nocciole.
Come ogni persona che mi ha preceduto, ho voluto dare il mio tocco personale a Cascina Palazzo: così ho deciso di aggiungere alla coltivazione e alla raccolta delle nocciole anche la tostatura e la lavorazione. Per ottenere la crema, la pasta, la granella, la farina di nocciole. Tutto fatto in casa. Da noi. Con le nostre nocciole.


Manuel Quazzo