La baia di Marina Piccola, i Faraglioni, il mare dalle acque cristalline, una spiaggia nascosta in un'insenatura e protetta da un antico fortino...





... Torre Saracena, un angolo di paradiso, dà il benvenuto agli ospiti.



Situato in un luogo riparato e intimo, nella Baia di Marina Piccola di fronte ai famosi Faraglioni di Capri, il lido Torre Saracena è uno stabilimento balneare che ha mantenuto intatta la struttura e lo stile che ne hanno reso famoso il nome nel mondo.

Nato all'inizio del secolo scorso, nel 1906, quando sull'isola ben pochi capresi si dedicavano all'arte dell'ospitalità, era rinomato per l'ottima cucina e per l'accoglienza genuina che riservava ai viaggiatori che giungevano a Capri.
In quell'epoca il porto di Marina Grande era costituito per buona parte da spiaggia, un solo piroscafo giornaliero collegava Napoli all'isola e la Piazzetta non era conosciuta come il salotto del mondo.
Il lido Torre Saracena era gestito da Giovanni di "Pennaulo" e sua moglie Raffaela. Attualmente è gestito dal nipote Domenico ed i figli Gemma e Giovanni, che coltivando l'antica tradizione di famiglia hanno mantenuto lo stile dell'accoglienza semplice e informale. Ciò rendeva gli ospiti parte della famiglia e fece sì che ogni volta che tornavano a Capri trascorressero le loro giornate estive ai Bagni di Torre Saracena. Tradizione che anche oggi è rimasta.
Per eventuali altre informazioni non esitate a contattarci.

  RISTORANTE TORRE SARACENA Via Marina Piccola
80073 Capri (NA)
italia
0818370646
torresaracenacapri@gmail.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 2418

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Ristorante Antica Societa' Di Paolo Antonio Cancedda

Un nuovo modo di vedere la ristorazione, tra tradizione ed innovazione, alla portata di tutti.


L’Antica Società è un piccolo angolo di felicità gastronomica nascosto nel ricetto di Ozegna. Nel nostro ristorante puoi assaggiare piatti della tradizione piemontese e sarda, rivisitati con maestria e creatività senza dimenticarci delle loro origini.


Ci lasciamo ispirare da tutto quello che ci circonda: i paesaggi canavesani, la neve delle Alpi, i vigneti delle Langhe, la storia dei nostri antenati.


Ci lasciamo inebriare dai ricordi di quando eravamo bambini. Chiudiamo gli occhi e ripensiamo al profumo di mirto in giardino, alle acque cristalline e al caldo sole della Sardegna.


Cuciniamo badando alla qualità della tua salute. Per questo usiamo solo ingredienti freschi e attentamente selezionati, li acquistiamo da produttori di cui ci fidiamo e che condividono la nostra filosofia del mangiare sano.


I locali del nostro ristorante sono pronti ad accoglierti e accompagnarti in un’esperienza di gusto inaspettata.

Tornerai a casa sorridendo, contento di aver trascorso un momento delizioso all’insegna del buon cibo.


Il ristorante

All’Antica Società di Ozegna trovi un ambiente raffinato, di carattere, ma che al tempo stesso non ama le formalità. L’atmosfera è rilassata: potrai gustare le nostre preparazioni senza farti distrarre dal cicaleccio degli altri tavoli e farti travolgere dai sapori mentre chiacchieri con i tuoi cari.


Il ristorante si trova nei locali della vecchia Società di Mutuo Soccorso: che emozione pensare alle storie dei lavoratori delle Miniere di Traversella

che sono stati di passaggio qui!


Ci siamo adoperati per dare un nuovo volto a questo luogo: abbiamo recuperato e rinnovato ogni sala dando una seconda vita agli arredi, a partire dal bancone. Abbiamo coinvolto nel progetto le mani creative di Marzia Sofia Salvestrini, con i suoi decori eleganti in stile gustaviano che hanno contribuito a rendere gli spazi più luminosi ed eleganti.


Le nostre sale ospitano un massimo di 24 coperti in modo da poterti dedicare tutta l’attenzione di cui hai bisogno.


Il menu

La nostra cucina è una cucina creativa: ci lasciamo ispirare tutti i giorni dalle montagne del Piemonte e dal mare della Sardegna senza porci confini, neanche nel cibo. Crediamo nei piatti della tradizione ma ci piace rivisitarli e dargli nuovi sapori per offrire esperienze di gusto sempre nuove e inaspettate.  Scegliamo solo ingredienti freschi e di qualità, privilegiando i produttori locali e la filiera corta perché pensiamo che questo possa fare la differenza in cucina, ma non solo.

Foto
ristoranti Le Gole Ristorante

Assapora una vista unica

Location suggestiva con una vista panoramica esclusiva tra le gole ed il golfo. Atmosfera riservata e cibo prelibato sono le caratteristiche che ti avvolgeranno al Ristorante Le Gole.


Utilizziamo con sapienza esclusivamente materie prime freschissime e di prima qualità per garantire alla nostra clientela portate eccellenti.


Lasciatevi guidare dal nostro Chef, per gustarvi un viaggio ricco di sapori unici, con un crescendo di sensazioni, che esplodono nel palato come una sinfonia sapientemente diretta.

Foto
ristoranti Il Castello Di Casapozzano

Abbiamo realizzato il tuo sogno più bello. Trasformalo in realtà.

Tra le bellezze e le sorprese che possono offrire i paesi della Regione Campania, immerso nei colori e nei sapori di un’antichità resistente ai tempi moderni, si erge nello splendore di un borgo medioevale, il secolare Palazzo Ducale Capece-Minutolo, comunemente chiamato, il Castello di Casapozzano.


La storia del Castello

Casapozzano o Casapuzzano è un antichissimo borgo nato a ridosso del castello medioevale.

Il nome deriva dalla particolare caratteristica del luogo: il territorio era ricco di pozzi dai quali la gens atellana attingeva facilmente acqua, poiché la falda acquifera si trovava a non più di 7 metri di profondità.

L'antico termine Putei-anum si evolve in Puctianum e successivamente diventa Casapuctianum (territorio del pozzo).


L'odierna struttura nacque come torre di guardia, in epoca longobarda e si sviluppò nella successiva epoca normanna.

Il primo nucleo del futuro castello fu eretto nel secolo XI dai fratelli Mosca, nell'ambito del sistema difensivo della Baronia, posto a guardia dei possedimenti terrieri.


In epoca Angioina il feudo di Casapuzzano fu di proprietà di Isabella Filangieri della Berlingeria de Sangro e, successivamente, vide avvicendarsi, quali Signori di Casapuzzano, i Capece Minutolo, i Magliulo e la famiglia Bozzuti.

Nel 1378 il sito, ritornato in eredità ai Capece Minutolo, fu restaurato a cura del Cardinale Enrico Capece Minutolo, Arcivescovo di Napoli. La memoria di tale evento è preservata da una lapide marmorea che ne riproduce le fattezze, posta dopo il ponte elevatoio che permette di oltrepassare il fossato.


Alla fine del secolo XVIII, Vincenzo Capece Minutolo, rompendo ogni tradizione, sposò una discendente di un nobile casato irlandese, Alicia Higgins. La giovane sposa modificò l'antico maniero medioevale trasformandolo nell'attuale palazzo, arricchendolo con cornici, stemmi e con i comignoli, tipici dell'architettura inglese del '700.

Alicia Higgins, pur contaminando lo stile del Castello con il gusto artistico della sua terra, non eliminò i segni caratteristici di origine medioevale, quali il fossato e la cinta muraria.


Ferdinando Capece Minutolo, figlio della coppia che ha reso il Castello così come oggi lo ammiriamo, completò definitivamente il complesso nobiliare e, per dare ordine al feudo, urbanizzò l'ambiente circostante.

Il complesso nobiliare è stato acquistato dagli eredi della famiglia Del Balzo, i quali ne divennero proprietari a seguito del matrimonio fra Clotilde Capece Minutolo di Bugnano dei Duchi di Miranda e Giovanni Battista Del Balzo, Duca di Caprigliano.


Di particolare interesse storico è la lapide che tuttora si trova nell'ingresso principale, che ricorda il pedaggio imposto ai passanti in epoca longobarda.

Foto
ristoranti Osteria San Maurizio

La nostra storia

L’Osteria San Maurizio si trova al centro di Ivrea, nel rione di San Maurizio, in un locale tra i più antichi e storici della città, nei pressi del Ponte Romano sulla Dora Baltea. L’ambiente caldo ed accogliente fa da sfondo ai piatti tipici della tradizione piemontese presentati in chiave moderna senza rovinarne i sapori .Ad accogliervi  e coccolarvi troverete Cinzia , la padrona di casa che col suo fantastico sorriso e la sua professionalita’  rendera’ la vostra esperienza da noi ancor piu’ piacevole .in cucina troverete Diego , che dopo aver girato tanto per il mondo e tornato a Ivrea dal suo primo amore . Diego e Cinzia vi propongono menu’ stagionali che rispecchiano  la tradizione piemontese . qualche assaggio di pescato fresco , il tutto accompagnato da una ampia cantina vini principalmente del territorio ma non solo .


Chef Diego Mancin

Diego Mancin 45 anni segno del Sagittario ,e cosi gli amanti degli astri potranno trarre tutte le conclusioni del caso sul mio carattere.

Io che non me ne intendo posso dire di essere tenace, al limite dell’ostinazione, orgoglioso, al limite della permalosita’ umorale senza limiti.

Gli odori della cucina (gli entusiasti li chiamano profumi) me li porto addosso fin da bambino, merito di mia nonna che mi ha insegnato tempi e discipline di questo lavoro.

Dopo la Scuola Alberghiera arrivano le esperienze importanti in Italia e Europa con Gordon Ramsey, Marco Pierre White ma sopratutto con Marchesi che con le buone, ma piu spesso con le cattive ha trasmesso a me e ad altri giovani di belle esperienze il rispetto, l’amore e la sensibilita’ per le grandi materie prime.

Qui di seguito alcuni commenti dello chef Diego Mancin su se stesso e la sua cucina: “La mia cucina è in continua evoluzione: leggera con sapori Mediterranei”.

Cerco sempre qualcosa di diverso ed eccitante, dopotutto il cibo ed il vino sono uno dei fattori piu’ importanti di un’ esperienza di viaggio.

La mia intenzione oltre a soddisfare il vostro appetito e di trasmettere emozioni attraverso un’equilibrata miscela di aromi sapori e colori.