FAMILIE TRADITIE

Als kind verhuisde Mario Uva met zijn familie vanuit Taranto naar Cattolica. Zijn grootvader, vader en oom waren lokaal actief als kok en het was daar dat Mario het vak van zijn vader leerde.

In de winter van ‘64/'65 verhuisde Mario alleen naar Nederland waar hij uiteindelijk zijn echtgenote Tine Wingelaar ontmoette. In 1967 kocht Mario het dorpscafé Het Anker in Neck over van zijn schoonvader en opende er samen met Tine een Italiaans restaurant: Ristorante Mario Uva. Mario slaagde er, tezamen met zijn zoons Alessandro en Raffaele, al snel in om vanuit een bescheiden achtergrond het Ristorante Mario Uva naar de voorgrond van het culinaire establishment te loodsen door voor een verantwoorde Italiaanse keuken te kiezen.

Het behaalde niveau, de revolutionaire werkwijze, die tegenwoordig alom geprezen is, gaven het Restaurant MARIO een constante stroom van culinaire bewonderaars die tot op de dag van vandaag is gebleven. De scepter is inmiddels overgedragen aan Mario's zoon Alessandro die de oorspronkelijke werkwijze en filosofie op dezelfde wijze voortzet.


Al in 1967, als pionier op culinair gebied en door de gewaagde introductie van het verrassingsmenu, konden de gasten van Restaurant MARIO zonder menukaart kennis maken met de kookfilosofie van Chef-kok Mario Uva.


Een eenvoudige Italiaanse kookfilosofie en -vaardigheid, die gaat van vader op zoon, om op simpele wijze met een gering aantal ingrediënten een hoogstaand product voor te zetten. Tot op heden en met dezelfde filosofie, kookt onze Chef-kok Fabrizio Pinna en met de input van Alessandro Uva deze verrassingsmenu’s. Met de gerechten, en gebaseerd op de direct uit Italië geïmporteerde ingrediënten, blijven wij de authenticiteit van de smaak garanderen.

Het behaalde niveau en de revolutionaire werkwijze, die tegenwoordig alom geprezen is, geven Restaurant MARIO tot op de dag van vandaag een constante stroom van culinaire bewonderaars.
Dit gaat uiteraard niet onopgemerkt. Naast de bijzondere vermelding en het “Diploma di Cucina Eccellente” van de Accademia Italiana della Cucina, kreeg Restaurant MARIO, als enige Italiaan, in het jaar 2000 ook een Michelinster.
Restaurant MARIO werd twee keer uitgeroepen tot het Beste Italiaanse Restaurant van Nederland.

Vermeldingen:
MICHELIN-Gids 2018: “Bereidingen met kwaliteitsproducten, een vakkundige chef. Gewoonweg lekker eten!” – favoriet!
GAULT&MILLAU-Gids 2018: “Gezellig familiebedrijf, authentiek Italiaanse gerechten, mooie wijnen”- lievelingsadres!

Restaurant MARIO bestaat 50 jaar! (1967-2017)
Ter gelegenheid van dit 50-jarig bestaan…maken wij een 3e KOOKBOEK! Verwachte uitgifte voorjaar 2018.

  RISTORANTE MARIO UVA Neck 15
1456 Wijdewormer
olanda
+31299423949
info@mariouva.nl

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 7653

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristorazione Ristorante Le Grotte Del Funaro Se stai cercando un Ristorante tipico regionale in Umbria, dalla location inconfondibile e dall'atmosfera unica, vieni a trovarci alle Grotte del Funaro! Se cerchi un ristorante tipico a Orvieto dalla suggestiva ambientazione, dove gustare tutte le specialità tipiche della zona, allora non rimarrai deluso dalla nostra proposta di piatti e menù speciali, adatti ad ogni occasione! La cucina delle Grotte del Funaro si basa sui prodotti tipici della regione e sulle ricette della tradizione, cucinati amorevolmente ormai da più di trent'anni dalla famiglia Branca.
Foto
ristoranti Made In Napoli

Francesco Siervo: Ambasciatore della pizza “Made in Napoli” in Polonia


Presso la Pizzeria Trattoria Made in Napoli a Sicòw, in Polonia, potete gustare la vera pizza napoletana preparata dall’ambasciatore della pizza italiana in Polonia, il sig. Francesco Siervo.

Da quasi quindici anni, Francesco diffonde la sua passione per la pizza e l’arte culinaria italiana all’estero.

La chiave del successo di Made in Napoli sta nella genuinità e nella qualità dei prodotti con i quali vengono preparate i deliziosi primi come il ragù napoletano, i rigatoni papiro, gli spaghetti all’amatriciana, i secondi di carne e pesce e naturalmente le pizze preparate nel pieno rispetto della tradizione partenopea.

Dal 17 al 20 Novembre 2018 Francesco Siervo sarà impegnato nella Champions di Pizzaioli che si svolgerà in Portogallo. Del suo successo in Polonia e del suo ruolo di Ambasciatore della Pizza Napoletana in Polonia ci parla in questa esclusiva intervista.


Com’è nata l’idea di Made In Napoli?

L’idea è nata quando mia figlia aveva un anno e mezzo e avevamo intenzione di andare via dalla Polonia. Poi siamo rimasti perché stavamo covando un nuovo progetto. Abbiamo infatti deciso di aprire una pizzeria per rimetterci in gioco, per diffondere il Made in Italy. Il nome è stato coniato da mio figlio.


Come vi ha accolto il popolo polacco?

Sono quindici anni che sono qui in Polonia e il popolo polacco lo conosco molto bene. Ci ha accolti bene come sempre. E’ un popolo molto aperto alle novità. È un popolo che ama il Made in Italy.


Che tipo di clientela frequenta Made in Napoli?

È una clientela variegata. È frequentato da giovani, da una classe medio- alta.


Come potrebbe definire la cucina di Made in Napoli?

Molto italiana. Rispettiamo la tradizione napoletana. Sono originario di Napoli e sono Ambasciatore della Pizza Napoletana in Polonia. Prepariamo una cucina di mare a base di prodotti tipici italiani. Molto richiesti sono gli spaghetti all’amatriciana.


Come deve esser la vera pizza italiana?

La vera pizza italiana è bassa e croccante ed è molto diffusa all’estero. È un marchio che gira in tutta l’Europa. Per la sua preparazione vengono utilizzati usano prodotti rinomati come il pomodoro di San Marzano, la mozzarella di bufala e l’olio di extravergine di oliva.


Un piatto che consiglierebbe ad Eccellenze Italiane?

Tanti piatti come il ragù di mare, il ragù napoletano e la pizza Margherita che è il simbolo per eccellenza di Napoli.


Mentre per quanto riguarda il beverage quali sono le bevande più richieste?

Oggi giorno si sta diffondendo anche qui il culto del vino. Un tempo avevamo solo il Lambrusco e i vini da tavola di basso costo. La carta dei vini si sta ampliando e troviamo vini più raffinati, etichette italiane provenienti da diverse regioni.


Come deve esser la vera pizza italiana?

La vera pizza italiana è bassa e croccante ed è molto diffusa all’estero. È un marchio che gira in tutta l’Europa. Per la sua preparazione vengono utilizzati usano prodotti rinomati come il pomodoro di San Marzano, la mozzarella di bufala e l’olio di extravergine di oliva.


Un piatto che consiglierebbe ad Eccellenze Italiane?

Tanti piatti come il ragù di mare, il ragù napoletano e la pizza Margherita che è il simbolo per eccellenza di Napoli.


Mentre per quanto riguarda il beverage quali sono le bevande più richieste?

Oggi giorno si sta diffondendo anche qui il culto del vino. Un tempo avevamo solo il Lambrusco e i vini da tavola di basso costo. La carta dei vini si sta ampliando e troviamo vini più raffinati, etichette italiane provenienti da diverse regioni.


La pizza più richiesta dal popolo polacco?

Qui in Polonia non devono mancare determinati ingredienti come il pollo, il gorgonzola, i pomodori secchi e la cipolla. Molto richieste sono la margherita, la salame e funghi, la prosciutto e funghi, la quattro stagioni, la quattro formaggi. E poi c’è una pizza creata appositamente per le esigenze del polacco con pollo, gorgonzola, cipolla, pomodori secchi.


Secondo lei qual è il segreto del Made in Italy all’estero?

Il successo è dovuto alla qualità dei prodotti italiani che fanno la differenza ovunque.


La pizza più richiesta dal popolo polacco?

Qui in Polonia non devono mancare determinati ingredienti come il pollo, il gorgonzola, i pomodori secchi e la cipolla. Molto richieste sono la margherita, la salame e funghi, la prosciutto e funghi, la quattro stagioni, la quattro formaggi. E poi c’è una pizza creata appositamente per le esigenze del polacco con pollo, gorgonzola, cipolla, pomodori secchi.


Secondo lei qual è il segreto del Made in Italy all’estero?

Il successo è dovuto alla qualità dei prodotti italiani che fanno la differenza ovunque.


Quali consigli darebbe ad un giovane ristoratore che vuole diffondere il Made in Italy all’estero?

Diffondere il vero Made in Italy. Tutti possono aprire un ristorante italiano ma bisogna offrire prodotti di qualità. Bisogna mantenere quella qualità e non scendere a compromessi per risparmiare.


In base alla sua esperienza quali potrebbero essere le difficoltà nel diffondere il Made in Italy?

Secondo me nessuna al giorno d’oggi. Il Made in Italy è una garanzia. È ben apprezzato. È la chiave del successo.

Quanto la crisi ha influito nel campo della ristorazione?

Sinceramente qui non si è vista tanto la crisi. La gente non rinuncia ad uscire e mangiare fuori. Questo è un popolo che sta crescendo tanto. L’economia è in espansione ed evoluzione.


E il rapporto con lo staff? Quanto conta il lavoro di squadra?

Moltissimo. Senza uno staff competente non si va da nessuna parte. Noi siamo partiti in tre e ora siamo una squadra senza la quale non potrei andare avanti.


Progetti futuri di Made in Napoli?

Tantissimi. Stiamo analizzando e studiando la possibilità di espanderci creando un vero e proprio franchising. Siamo molto impegnati in questo periodo. Ci stiamo preparando per la Champions League di pizzaioli che si terrà dal 17 al 20 Novembre in Portogallo.

Foto
ristorazione Sunset Beach Club Palinuro

La tua Vacanza un’esperienza unica!

Foto
ristoranti Braceria Spizzichi e Bocconi Di Valentina Di Lorenzo

Da Spizzichi e Bocconi troverete la vera carne Chianina e la Cinta Senese DOP! Nel nostro cafè vengono serviti ricchi aperitivi a buffet, con salumi prodotti dalla nostra azienda "Antica lavorazione carni " e formaggi a kilometro 0.