Il PANE Ha tanto da raccontare un alimento davvero unico.

Quella del pane è una storia antichissima, lunga più o meno quanto la storia dell’umanità.
Considerato nutrimento primario per secoli, il pane fa parte del gruppo di alimenti alla base dell’alimentazione di tutte le civiltà, in virtù delle sue caratteristiche nutritive, del suo prezzo moderato e della sua facilità di impiego delle materie prime necessarie per la sua preparazione, i cereali.

Il pane è anche un alimento “sociale” che ha avuto ed ha un grande ruolo anche nella storia. L’azienda mette sul mercato 18 quintali di pane al giorno, oltre ai prodotti da forno e a quelli di pasticceria, ultima sfida accettata e già vinta.

Tecnologia e tradizione – macchinari moderni nei laboratori dell’azienda della famiglia Cangi, ma anche tanto sudore.


La nostra storia

Quella del pane è un’arte che il tempo non intacca, Emiliana e Oscar lo sanno.

C’erano una volta un giovane fornaio e la sua bella sposa. L’inizio della storia assomiglia a quello tipico di una favola, che non attinge in alcun modo alla fantasia.
Sono assolutamente reali e vissute le pagine che due giovani sposi iniziarono a scrivere quasi 56 anni fa. In una fredda mattina d’inverno, Oscar ed Emiliana ancora sorridevano pensando alla festa di matrimonio che aveva coronato il loro sogno d’amore appena poche ore prima.
Sposarsi l’ultimo dell’anno, il 31 dicembre del 1960, per loro era stata una scelta obbligata. Quello di San Silvestro è uno dei pochi giorni ‘sacri’ per chi la notte, mentre tutti riposano, garantisce che il primo profumo che si spande nelle case al mattino è quello delle paste, delle focacce e del pane. Giorno ‘sacro’ perché nella notte di San Silvestro, e solo in altre rare occasioni, il forno resta spento. Riposa, come riposa il fornaio.
E’ una vita piena di sacrifici, ammette Oscar, che ha ereditato dal padre Eugenio un sapere, un’arte e una tradizione che porta avanti da oltre mezzo secolo, saldamente al timone dell’antico forno che i suoi avevano aperto nel 1954 nel centro storico di Pistrino. Una vita fatta di ritmi serrati che non ammette tentennamenti, ripensamenti o chissà quali cambi di rotta.

‘Nemmeno quando il pane si brucia’, aggiunge Emiliana, ricordando quando un colpo di sonno di entrambi mandò letteralmente in fumo tutta la produzione che attendeva solo di essere sfornata. Nel suo primo giorno di attività, il forno Cangi riuscì a sfornare ‘appena’ 16 kg di pane, tutti rigorosamente confezionati in pagnotte da un chilo. Oggi, dopo migliaia di impasti e quintali di acqua, lievito e farina, l’azienda di Pistrino è in grado di produrre qualcosa come 18 quintali di pane, oltre ai prodotti da forno e quelli di pasticceria, ultimo gioiello nato in casa Cangi. Il vecchio forno a legna, spento da anni, ha lasciato spazio ad un moderno stabilimento, dove cinque forni garantiscono alla tradizione di espandersi e di affermarsi ben oltre la vallata.

I furgoni con il marchio ‘Cangi Oscar Il pane di Pistrino’, corrono veloci lungo l’Alta Valle del Tevere arrivando fino ad Anghiari, Sansepolcro, Umbertide, Monterchi e, grazie ai rifornimenti garantiti ai supermercati, ben oltre i confini regionali.




  PANIFICIO CANGI OSCAR Via della Liberta' 48bis
06010 Pistrino di Citerna (PG)
italia
07592134
info@panificiocangi.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 9423

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
panetterie Panetteria e Stuzzicheria De' Neri

Paninoteca - Pizzeria - Negozio di alimentari

Foto
panetterie Panetteria Baldini
Qualità e cortesia per passione!

Baldini GastroPane
Punto vendita a Montiscendi di Pietrasanta 55045, Versilia, Toscana

tel. 0584/799103 mail. gastropanebaldini@gmail.com

Baldini GastroPane
Punto vendita a Ripa di Seravezza 55047, Versilia, Toscana

tel. 0584/768905 mail. gastropanebaldini@gmail.com 


Baldini GastroPane
Laboratorio di gastronomia e pasta fresca con punto vendita a Pietrasanta 55045, Versilia, Toscana

tel. 0584/80382 mail. gastropanebaldini@gmail.com 


Baldini GastroPane
Panificio e pasticceria con punto vendita a Montignoso 54038, Toscana

tel. 0585/349382 mail. gastropanebaldini@gmail.com

Foto
panetterie Panificio Malagrino' Srl

La nostra attività nasce per passione e vanta un’esperienza che dura da anni.


Il nostro lavoro viene portato avanti con passione e tecnica organizzativa.

Si avvale di una squadra di collaboratori molto attenti nell’espletare le proprie mansioni.


Ogni giorno cerchiamo di portare sul mercato prodotti nuovi DAI SAPORI ANTICHI per soddisfare le esigenze dei nostri clienti, restando sempre legati alle nostre tradizioni infatti molte delle nostre ricette sono abbastanza remote e sono entrate in produzione arricchendo la nostra lunga lista di prodotti solo dopo un’attenta analisi degli ingredienti e tempi di lievitazione.


Quello che ci ha affermati nel tempo oltre alla qualità delle materie prime è stata l’attenta e dovuta igiene in tutto il ciclo produttivo dalla preparazione dei prodotti fino alla consegna nei vari punti vendita in cui siamo presenti e a tal proposito i nostri laboratori ed i nostri mezzi di trasporto sono dotati di manuale di autocontrollo (HACCP) redatto giornalmente e presente in azienda.





Foto
pasticcerie Panificio Pasticceria Camilloni e Belardinelli

Torta del Perugino: le origini.

La torta del Perugino ha origini antiche.
In passato era usanza prepararla durante la Settimana Santa per poi consumarla il giorno di Pasqua.
Oggi la preparazione della torta è uscita dai confini del rito religioso e viene preparata e consumata quotidianamente.


Il Panificio Camilloni e Belardinelli, da oltre 40 anni, prepara la Torta del Perugino secondo la ricetta tradizionale usando solo i migliori ingredienti.


La tradizionale cottura in vasi di coccio dei mastri fornai, si tramanda da padre in figlio da ben tre generazioni.

Il nome della torta si deve a Pietro Vannucci, detto "il Perugino" che nacque proprio a Città della Pieve.
Qui ancora oggi la torta viene preparata con gli ingredienti sani e tipici della zona con l'aggiunta di un ingrediente segreto che la rende unica.


Sono anche l'esperienza dei mastri fornai nella lievitazione e lo speciale recipiente in coccio fatto a mano da un artigiano locale esclusivamente per il panificio a rendere inimitabile la Torta del Perugino.

La Torta del Perugino è speciale anche nella forma: lievemente stretta in fondo e più larga in cima, durante la lievitazione forma quel cuoriso cappello, appena debordante che è il segno distintivo e marchio fedele della torta del Panificio Camilloni e Belardinelli.


Sublime, soffice e profumatissima

Ottima mangiata anche da sola, la Torta del Perugino si accompagna a salumi tipici umbri come capocollo e salame.
Gustosissima anche con la finocchiona toscana, si può apprezzare, come nella tradizione gastronomica pasquale, accompagnata a uova sode.


Ottima con salse come la capricciosa o la salsa ai funghi.


La torta del Perugino, con suo sapore unico, si presta a tantissimi abbinamenti.