Norcineria Ansuini Mastro Peppe artigiani della scuola di norcineria, ci trovate dentro le mura della Vetusta Norcia, nel centro storico a due passi dalla Piazza principale di Norcia, probabilmente siamo gli ultimi mastri norcini di Norcia, Peppe, Emiliano e Fabrizio. Nel nostro negozio laboratorio potete assaporare le vere norcinerie, e vedere come si lavorano, chiunque vuole può far visita anche alle nostre cantine di stagionatura.


Dire Norcino vuol dire Norcia. Oggi con questo termine si indica l’abile artigiano che produce prelibati salumi, venduti presso le Norcinerie. Storicamente invece questo termine ha indicato l’abitante di Norcia, ma anche il chirurgo della scuola preciana, in altri casi il macellaio; fu anche una maschera teatrale. La vicenda storica del Norcino è molto complessa ed è nostra intenzione far comprendere quanto questo mestiere faccia parte della cultura nursina e della nostra vicenda personale.


Tutte la famiglie contadine possedevano un maiale. La sua alimentazione era costituita da ghiande, granturco, patate, con l’aggiunta degli “avanzi di casa”, come le briciole del pane e tutte le altre poche rimanenze di cibo. Era assolutamente vietato sprecare questi preziosi avanzi, accumulati man mano dentro “lu sicchittu de lu puòrcu”, generalmente sistemato in cucina. Il suino di casa era ricoverato dentro “lu stallittu” e spesso anche i bambini dovevano occuparsi di governarlo. Di solito veniva ucciso durante il mese di gennaio e le sue carni lavorate con il favore delle basse temperature. I salumi erano poi messi a stagionare nelle cantine. Il loro consumo era dettato dalla stagionatura: l’ultimo prodotto ad essere mangiato, perché con il tempo di maturazione più lungo, era il prosciutto. A Norcia non esistevano grandi allevamenti di suini, le famiglie, come già ricordato, possedevano il loro capo destinato all’autoconsumo, tutt’al più se ne potevano trovare alcuni liberi per i boschi.


Un appuntamento fondamentale per i Norcini era quello del 16 di agosto. In quel giorno si svolgeva, e si tiene tutt’ora, la fiera di “sienti ‘n può”. Durante quella giornata infatti i Mastri Norcini attivi soprattutto a Roma, Livorno e Pisa arrivavano a Norcia per ingaggiare adulti e giovani, da portare con loro in città come aiuto bottega o “a fà la stagione”. La trattativa per stabilire il compenso del lavoro che i nursini avrebbero svolto in città iniziava proprio con l’espressione “senti un po’ tu…”.


Anche la nostra famiglia ha vissuto questa fase della migrazione stagionale, infatti, il giovane Peppe ha lavorato per anni a Livorno. “Esperienza importante e dura – commenta Peppe – tante volte non potevamo apparecchiare la tavola perchè dovevamo usarla come scala per appenderci sopra i salumi freschi”; prosegue con il ricordo: “in ogni città c’erano tecniche di lavoro diverse, guardando ho capito e imparato quale era giusta e quale no…come dice il proverbio: ‘impara l’arte e mettila a parte!’”.


Ancora oggi produciamo i nostri salumi come Mastro Peppe ha imparato, non solo durante le trasferte toscane, ma anche dai suoi genitori e sta tramandando a noi figli, Fabrizio ed Emiliano. Dal 1938 la nostra famiglia vede oggi la quarta generazione di Norcini, continuando sempre a produrre e stagionare le migliori Norcinerie, proprio come un tempo.





ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 12879

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
caseifici Caseificio Traverso By Milk&Cheese

L’azienda

La nostra è un’azienda a ciclo completo ed a conduzione familiare.
Il nostro segreto sta  nel controllo meticoloso del processo produttivo, nel rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie, e nell’esperienza di un’arte antica.
Quindi attenzione, pulizia, etica, passione, contribuiscono alla qualità  del prodotto finale.

Le origini risalgono al 1888 con le prime 30 vacche da latte e fino al 2004 l’attività era quella del solo allevamento.

Con lo trascorrere degli anni si è resa necessaria una riqualificazione di tutta l’attività, a partire dal benessere animale, passando dalla produzione di formaggi, yogurt e gelati con relativa vendita diretta nei nostri punti vendita di Rubano e Selvazzano Dentro.

L’allevamento

La nostra azienda, ufficialmente indenne, periodicamente controllata dagli organi sanitari di competenza, oggi è composta da circa 100 capi, di cui 50 in lattazione.
Il valore del nostro formaggio dipende soprattutto dalla qualità  del latte, che a sua volta dipende dalla bontà  degli alimenti e foraggi che mangiano le nostre bovine e non ultimo dal benessere ambientale.
Siamo sempre attenti alla qualità  di vita dei nostri animali, perché siamo fermamente convinti che un buon latte nasce prima di tutto da animali sani che vivono in un ambiente appropriato.
Per questo motivo, abbiamo installato un Robot di Mungitura che munge autonomamente le mucche, quando queste ne sentono il bisogno.
Il robot, oltre a mungere, identifica ogni animale, igienizza le mammelle prima e dopo la mungitura, analizza il latte appena munto deviandolo in un contenitore posto a parte in presenza di mastiti o altri valori anomali oltre il limite di legge consentito, e segnala per ogni mungitura tutti i dati utili che riguardano sia il latte e sia l’animale.
Le nostre mucche quindi, sono costantemente monitorate, oltre che dal robot anche dal veterinario aziendale.
Questo ci ha permesso di non utilizzare più né medicinali e né antibiotici negli ultimi anni.
La razione giornaliera dei nostri animali è costituita principalmente da foraggi e cereali a secco oltre al fieno.

Il laboratorio

I nostri laboratori di formaggi, yogurt e gelati soddisfano i requisiti igienico-sanitari richiesti dalle autorità competenti e dei vari organi di controllo, comprendono i locali di produzione, la salamoia, la sala di lavaggio e le sale di stagionatura.


Foto
agroalimentare IMEPA Bonta' Essiccate

Dal 1935 lavoriamo con amore e passione per la natura, con una tradizione che si tramanda da padre in figlio.


Quattro generazioni a servizio di un’azienda che unisce tradizione, cultura e innovazione.


Selezioniamo e trasformiamo solo le migliori materie prime, per realizzare ingredienti alimentari di qualità, certificati e controllati.


I nostri marchi “LA Gustosa” per tutta la linea di verdure, ortaggi disidratati, spezie e erbe aromatiche e “La Macina Rossa” per la linea di peperone, peperoncini e derivati sono conosciuti in tutto il mondo, e da sempre sinonimo di garanzia e affidabilità.

Foto
ristorazione Marisa Cuomo

Tra viti e rocce a strapiombo sul mare di Furore, Cantine Marisa Cuomo!


L’uva che cresce aggrappata alla roccia di Furore è esposta alla magica azione del sole e del mare della Costa d’Amalfi. Al fascino della geometria dei vigneti dell’azienda, si aggiunge la suggestiva cantina scavata nella roccia.
Dal 1980, anno della sua fondazione, Cantine Marisa Cuomo è l’azienda vinicola di Andrea Ferraioli e Marisa Cuomo che si estende lungo 10 ettari di territorio.


La selezione di uve nobili, la ricerca del giusto grado di freschezza ed umidità unito allo scorrere del tempo, vecchi segreti tramandati da vinificatori del luogo e tecniche di elaborazione all’avanguardia danno vita a vini di elevatissima qualità, stimati in tutto il mondo.
Andrea Ferraioli e Marisa Cuomo, con l’enologo Luigi Moio ed i vinicoltori dell’azienda, scelgono di puntare sulla qualità per distinguersi nel panorama dell’enologia italiana con vini dal sapore unico e straordinario come il territorio della costa di Furore.


Gran Furor Divina Costiera, Cantine di Marisa Cuomo

Il marchio che in tutto il mondo porta la grandezza di un piccolo pezzo di terra.

Gran Furor Divina Costiera è un marchio che nasce nel 1942 per accompagnare la vendita dei vini della Costa di Furore, ottenuti dalle vigne sdraiate a picco sul golfo di Salerno.

Andrea Ferraioli, discendente da un’antica famiglia di vinificatori locali, acquista il marchio Gran Furor Divina Costiera nel 1980, per produrre un vino di altissima qualità recuperando i segreti dei suoi avi e la secolare tradizione vinicola del suo paese natio.

Insieme alla moglie Marisa Cuomo inizia un’avventura imprenditoriale che si confonde con il legame famigliare che li unisce: il loro amore ed una straordinaria passione per il vino porteranno Cantine di Marisa Cuomo tra i migliori marchi dell’enologia italiana a livello internazionale.


Il Medagliere

Importanti riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale premiano gli sforzi e la passione di Marisa Cuomo e Andrea Ferraioli. Dalla caparbia volontà di tenere in vita le antiche tradizioni vinicole di Furore nascono vini pluripremiati dalla critica e dagli estimatori.

Oscar 2006 al Fiorduva come migliore Vino Bianco: uno dei premi più ambiti e qualificanti nel settore dell’enologia italiana, assegnato ogni anno dall’Associazione Italiana Sommelier. L’Oscar 2006 al Fiorduva è un riconoscimento senza precedenti per un vino prodotto nel sud della nostra penisola, che contribuisce ad aggiungere il nome di Marisa Cuomo nella lista delle cantine italiane più rinomate.

Fra il 2005 e il 2006, numerosi premi di notevole livello arricchiscono il medagliere della Cantina di Furore: i “Tre Bicchieri” della guida I Vini d’Italia di Gambero Rosso, due medaglie d’argento per il Furore Rosso Riserva e per il Fiorduva, una medaglia d’oro a Los Angeles ed il riconoscimento “Best of Class” Award Limited Production, sempre negli USA.

E ancora, l’inserimento nell’Annuario dei migliori vini d’Italia di Luca Maroni e i “Cinque Grappoli” conferiti dall’AIS (Associazione Italiana Sommelier) nell’edizione di “Duemilavini”, la Guida ai Vini d’Italia. Le bottiglie della Cantina Marisa Cuomo rientrano nella lista dei cento migliori vini inseriti nel Glossario di Paolo Massobrio del Club di Papillon, nella Guida Oro I Vini di Veronelli e vengono premiate con numerose medaglie d’oro alla Selezione del Sindaco delle Città del Vino.


Le Cantine

La roccia della Costa d’Amalfi custodisce i vini Gran Furor Divina Costiera.

Affacciate sul mare a 500 metri di altezza, le Cantine Marisa Cuomo dominano una parte della Costa di Amalfi situata nel Comune di Furore. Le viti, allevate prevalentemente a “pergolato” e spesso piantate sulle pareti rocciose verticali, si estendono su dieci ettari di superficie di cui 3,5 di proprietà.

I vini di Cantine Marisa Cuomo invecchiano in un’antica cantina scavata nella roccia di origine dolomitico-calcarea: un luogo affascinante, umido e fresco, che accoglie le barriques in legno di rovere francese. La vinificazione avviene secondo le più moderne tecniche, in un connubio di natura e tecnologia.

In un territorio come Furore, così caratteristico ed allo stesso tempo estremo, la cura delle viti e dell’uva diventa un lavoro completamente manuale. A stretto contatto con la natura, le Cantine Marisa Cuomo sperimentano tecniche per strappare terreno alla roccia, costruiscono pergolati su cui adagiare le viti, selezionano con rigore le colture più adatte ed i vitigni nobili.

Una straordinaria passione per il vino è il segreto delle Cantine Marisa Cuomo.

Foto
agroalimentare Oleificio Lupi Igino Solo olive nostrane, di primissima qualità, raccolte direttamente dalla pianta, al giusto grado di maturazione, e poi semplicemente spremute a freddo dalle macine del nostro frantoio.


Questi sono i nostri piccoli segreti per produrre un olio extravergine di primissima qualità, dalla bassa acidità e dal gusto dolce e delicato, e ricco di preziose sostanze naturali antiossidanti e antinvecchiamento!