getCompanyVOById(10073000)
Nettare Dei Santi

La Nostra Storia

La storia vitivinicola della famiglia Riccardi risale alla fine del 1800, quando le uve coltivate nei vigneti di proprietà venivano vinificate nella vecchia tinaia dell'oratorio di San Rocco a San Colombano.
A quei tempi, il vino ottenuto veniva utilizzato per uso proprio o barattato con altri beni di consumo.


Alla fine degli anni 40 Franco Riccardi, dopo aver lasciato l'attività sportiva che lo aveva portato alla gloria olimpica con ben 4 ori nelle gare di spada, decise di trasformare quella che fino ad allora era stata una passione di famiglia in un'attività imprenditoriale, dando nuova immagine al prodotto ottenuto, imbottigliandolo e facendolo conoscere
sulle tavole dei milanesi. Successivamente egli inventò anche il nome e il marchio che tuttora identifica l'azienda ispirandosi ai versi di una poesia di Francesco Redi che così recita:


Io sono il vino che dall'ameno colle del vecchio Mombrione ebbe i natali.
Con l'oro del sol ch'entro mi bolle dei sogni in dolci voli, allargo l'ali.
Mi esaltano i poeti nei lor canti definendomi Nettare dei Santi.


Si arrivò così agli inizi degli anni 50, quando vennero stampate le prime etichette del "Nettare dei santi", un vino rosso semplice e beverino che rispecchiava la tipicità del territorio. I Colli di San Colombano, carichi di storia e di tradizione, avevano bisogno di produttori che, presane coscienza, rendessero loro nobiltà e importanza, portando sulle tavole, soprattutto dei Milanesi e dei lodigiani, dei vini dall'esuberante freschezza e fragranza e dal profumo intenso.


Alla fine degli anni 60, dopo la scomparsa del padre, il figlio Enrico rilevò l'attività di famiglia e creò due importanti vini che tuttora simboleggiano l'azienda: la verdea la Tonsa e il Roverone.


Nel 1980 Enrico Riccardi trasferì la cantina dal centro del paese alla cima della collina fra i vigneti di proprietà, diventando una delle più affascinanti realtà vitivinicole di San Colombano e insieme alla moglie Giovanna diede grande impulso all'attività investendo tutte le energie nella cura dei vigneti e nella ricercatezza dell'immagine.


Oggi il figlio Gianenrico, con la stessa passione e dinamicità imprenditoriale, dà continuità alla storia vitivinicola di famiglia realizzando nei vigneti, prima ancora che nelle botti, prodotti di qualità, nell'assoluto rispetto dell'ambiente e con lo sguardo sempre rivolto alla qualità e all'innovazione.





  NETTARE DEI SANTI Via della Capra 17
20078 Colombano Al Lambro (MI)
italia

CONTATTACI


0371200523
info@viniriccardi.com

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Azienda Agricola Le Muraglie

L'Azienda Agricola Le Muraglie


“In sintonia con i ritmi della natura e nel rispetto degli ideali tramandati dai nostri avi nascono i nostri vini: una storia di passione, di tradizione e di volontà di migliorarsi costantemente.”

La nostra Azienda affonda le proprie radici nell'anfiteatro morenico del Lago di Garda, a Santa Lucia dei Monti, una piccola frazione di Valeggio sul Mincio.


La cantina si trova tra le suggestive e pittoresche colline moreniche a due passi da Valeggio sul Mincio, rinomato borgo antico medievale e Custoza, teatro delle famose battaglie risorgimentali, ed a soli 25 km dal centro storico di Verona.


La nostra famiglia si dedica alla cura dei vigneti da diverse generazioni. Il nonno Gaetano e il padre Erminio hanno tramandato la loro passione per la coltivazione della vite e l’amore per il vino ai figli Luigi, Franco, Remo ed ora anche al nipote Alessandro.


Con costanza ed entusiasmo i fratelli, con l’ausilio della madre Adele, hanno saputo trasformare una realtà di piccolo commercio locale di vini sfusi in un’azienda che continua a trovare la propria natura nella dimensione familiare.


In azienda vinifichiamo esclusivamente vini provenienti dalle nostre uve attraverso tecniche moderne che mirano a mantenere inalterati e tipici i profumi che sono propri del vino bianco di Custoza, rosso Bardolino e Bardolino Chiaretto doc e degli altri vini che produciamo.

Foto
vini Vini Fieramosca

LA CANTINA
La Cantina raccoglie oggi l’eredità dei vecchi “trappeti” che sino agli anni ’50 erano presenti nel centro storico cittadino. Notevole fu l’opera e l’interesse di importatori francesi particolarmente attirati dal vitigno“Nero di Troia”dal quale si ricava il“Rosso Barletta”DOC. Questo è un vino antico di grande corpo, compagno inseparabile di molti conterranei durante le intense emigrazioni verso le Americhe, l’Australia e la Francia a cavallo del XIX e XX secolo. I registri di imbarco di quegli anni annotavano centinaia di migliaia di ettolitri imbarcati puntualmente nel porto di Barletta e destinati a quei territori, del resto solo il “Rosso Barletta” si prestava brillantemente a superare la prova critica delle lente navigazioni del tempo alle latitudini equatoriali.

IL TERRITORIO
La  produzione delle nostre uve avviene nel meraviglioso territorio  dell’Alta Murgia, con altitudine compresa tra il livello del mare e i  250 metri s.l.m. Dal punto di vista strutturale il suolo è di carattere  calcareo/argilloso a medio impasto o tendente allo sciolto,  sufficientemente e variabilmente profondo e di buona fertilità. Il clima  della zona è tipicamente mediterraneo, anche considerando la vicinanza  della zona costiera, motivo per cui le temperature sono miti, né troppo  rigide nei periodi invernali, né eccessivamente calde nei periodi  estivi. Le forme di allevamento a spalliera o a tendone, i sesti di  impianto e i sistemi di potatura sono quelli tradizionali e tali da  perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle  viti. La raccolta avviene quando le uve sono pienamente mature. Il  fattore umano presenta una straordinaria importanza nella definizione  del territorio, che è vocato alla produzione di questo nobile e storico  vitigno: l’uva di Troia. Tante testimonianze certificano la passione di  Federico II di Svevia per questo vitigno, coltivato lungo la litoranea  adriatica dell’attuale provincia Barletta-Andria- Trani, tant’è che esso  è altresì noto come “Nero di Troia”, “Vitigno di Barletta” o “Uva di  Barletta”.

Foto
vini Azienda Badenchini

UNA STORIA DI FAMIGLIA, UN’IMPRESA DI SUCCESSO, UN LAVORO FATTO DI PASSIONE, FATICA ED ESPERIENZA.

UN'AZIENDA GIOVANE CON RADICI ANTICHE


L’Azienda Vitivinicola BADENCHINI è stata fondata nel 1999 dai fratelli Paolo e Andrea Badenchini che ereditano la passione e l’amore per questo mestiere da una lunga tradizione familiare.

Le nuove idee hanno permesso di coniugare la tradizione e l’innovazione, determinando una produzione a forte carattere personale.


L’azienda si trova in Emilia Romagna, sulle colline nel comune di Ziano Piacentino.

La geografia dei Colli Piacentini è caratterizzata dai quattro affluenti del Po che ne disegnano le valli: Val Tidone , Val Trebbbia, Val Nure e Val d'Arda.


Una terra fortemente legata alla tradizione enogastronomica, ricca di sapori, aromi, gusti, profumi, cultura e storia che saprà offrirvi molteplici itinerari alla scoperta di tutti i suoi tesori. Immersi nel rigoglioso paesaggio potrete assaggiare ottimi prodotti gastronomici (dagli insaccati piacentini - coppa, pancetta e salame - a formaggi e miele senza dimenticare i gustosi tortelli piacentini)


Tutte le uve provengono dai vigneti di proprietà dell’azienda e vengono vinificate nella propria cantina.

Ad oggi l’Azienda Badenchini ha a disposizione, tra proprietà e conduzioni, un totale di circa 17 ettari di vigneti coltivati con uve Barbera, Bonarda, Malvasia, Ortrugo, Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Merlot.


IL VINO NASCE IN VIGNA

L’obiettivo dell’azienda è condurre i propri vigneti  come previsto dai disciplinari di lotta integrata per fornire un vino rispettoso dell’ambiente circostante e del consumatore finale.

Sia la potatura secca che quella verde sono le operazioni colturali più importanti, già dal primo anno

di vita della barbatella, e sono seguite personalmente dai proprietari.

Di grande importanza sono anche le successive operazioni colturali (legatura, cimatura, defogliazione e dirado), che vanno eseguite nel migliore dei modi rispettando le varie fasi fenologiche.


Altro aspetto al quale l’azienda presta la massima cura è la vendemmia, scegliendo accuratamente le uve e

mantenendole, con tutte le precauzioni del caso, il più integre possibile sino al loro arrivo in cantina.

Nella nostra zona l’epoca di vendemmia si svolge nel mese di settembre iniziando dalle uve bianche per poi seguire con le uve rosse.


Soprattutto il Gutturnio, ma non solo ….

Il vino rosso più conosciuto della nostra zona è il Gutturnio, prodotto da un’unione di uve Barbera e Bonarda.

Il nome Gutturnio deriva da un boccale d’argento chiamato Gutturnium, di circa due litri di capacità, ritrovato a Veleia Romana nel 1878, utilizzato dagli antichi romani per bere il vino.

Il Gutturnio viene prodotto in 2 tipologie: Frizzante oppure  Classico Superiore fermo.


Gli altri vini autoctoni sono principalmente:

·  la Malvasia bianca di Candia aromatica, ricca di aroma e personalità il cui nome deriva dalla cittadina greca di Monemvasia sita nell’attuale isola di Creta. Questo vitigno si dimostra molto versatile in quanto è utilizzato per produrre sia vini dolci frizzanti o passiti sia vini secchi;

· l’Ortrugo è tipicamente autoctono della zona di Piacenza e non è presente in nessun altro posto del mondo. Si presenta come un vino bianco fine, poco aromatico e adatto a produrre vini frizzanti .

Foto
vini Azienda Vitivinicola F.lli Porcu

Nel Territorio di Modolo, nel 1971, in località Su e Giagu nasce l'azienda dei F.lli Porcu in un terreno incolto acquistato da Don Giuseppe Porcu, che negli anni successivi progetta ed impianta i primi 20.000mq. di vigneto a monocoltura di Malvasia, introducendo il sistema di allevamento a Guyot.


Fu proprio il forte desiderio di permettere ai due fratelli emigrati in Svizzera di far rientro nel piccolo e suggestivo paesino natio che spinse Don Giuseppe Porcu a dare inizio ad un processo di innovazione nella coltivazione del prezioso vitigno.


E fu così che nel 1975 Don Porcu, assieme a Giovanni e Angelino, effettuano la loro prima vendemmia e nel 1977 il primo imbottigliamento.


L'ampliamento dell'Azienda avviene invece nel 1985 con l'estensione di altri 10.000mq. di Malvasia e nei successivi cinque anni estende la superficie vitata portandola ad un totale di circa 40.000 mq.


Negli ultimi dieci anni, l'azienda ha avviato un importante processo di modernizzazione procedendo inoltre all'acquisto di attrezzature più idonee per la vinificazione e alla predisposizione di opportuni spazi di accoglienza per i visitatori.

L'azienda è iscritta all'Albo D.O.C. dei vigneti dal 1972 e ha una produzione annua di circa 60 quintali per ettaro, che viene interamente destinata all'invecchiamento per almeno due anni in botti di castagno.


Immersa in uno stupendo ambiente naturale l'azienda gode di uno spettacolare panorama.


Su prenotazione si effettuano visite al vigneto e degustazioni guidate.


Per contatti: +39 340 4803081