getCompanyVOById(10071790)
Nani Rizzi - Spumanti di Valdobbiadene

L' azienda, a conduzione familiare, da oltre cento anni coltiva la vite, Nani Rizzi fu, tre generazioni orsono, colui che diede inizio a tale attività.


Oggi Denis Spagnol continua con convinzione ciò che il nonno prima ed il padre poi gli hanno insegnato, tramandando nel tempo la passione per la vite, l'attaccamento alla terra ed alle tradizioni.


L'azienda utilizza solo uve provenienti dalle colline di Guia, seguendo personalmente la vinificazione nel pieno rispetto delle tecniche tradizionali ma con occhio attento alle innovazioni tecnologiche, per garantire sempre un prodotto tanto genuino quanto ricercato.




  NANI RIZZI - SPUMANTI DI VALDOBBIADENE Via Stanghe 22
31049 Valdobbiadene (TV)
italia
0423900645
info@nanirizzi.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 14088

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
birrifici Azienda Agricola ANDREA BIGI

ORIGINI

L'azienda agricola di Andrea Bigi nasce sulle orme dell'attività del nonno che aveva un vignetto a San Paolo di Jesi.

La passione per la campagna è già forte fin da bambino e ricorda come già a tre anni guidò il trattore per la prima volta.

Grazie agli stimoli e ai preziosi insegnamenti del nonno, Andrea man mano amplia le sue conoscenze sia in vigna che in cantina.


Nel 2004 forte dell'esperienza acquisita, Andrea Bigi si mette in proprio, alla ricerca dei migliori metodi per la produzione di materia prima di qualità, inizialmente venduta a terzi.

Ma presto Andrea si accorge  che questo non valorizza il suo lavoro e quindi si dedica a progetti di trasformazione diretta delle proprie materie prime per la vendita al dettaglio dei relativi prodotti, con l'intenzione di trasmettervi i valori e la genuinità del buon lavoro nella campagna, che possono ancora oggi offrire prodotti di qualità superiore nel mercato.


BIRRA

La materia prima, orzo per poi fare il malto, viene prodotta direttamente da Andrea Bigi.

Il birrificio per la produzione si trova a Staffollo e utilizza processi e macchinari artigianali, identificando quindi la birra come "agricola"

Inoltre utilizzando fino al 90% di materia prima prodotta direttamente dalla propria azienda, la birra Andrea Bigi può vantare del riconoscimento "Birra Agricola Italiana".

La produzione viene interamente venduta con diffusione nazionale tramite i canali HO.RE.CA.

Le birre di Andrea Bigi si contraddistinguono per il sapore riconoscibile del malto, grazie all'attenta produzione di una birra delicata a bassa gradazione e amarezza, una ricetta che si distingue per far esaltare tutte le sfumature di sapore dei componenti della birra. La produzione effettiva di birra nasce come sperimentazione e sfida nel 2015.

A tutti i tentativi delle ricette provate veniva assegnato un numero. Solo il numero delle ricette migliori oggi da il nome alla birra.


VINO

Da anni nel settore vitivinicolo, Andrea Bigi può vantare collaborazioni con diverse cantine. Proprio da queste esperienze, nel 2017 nasce l'idea di trasformare parte dell'uva prodotta in azienda nel primo vino, lo Scacciacorvi.

Nato quasi in segno di protesta nei confronti di una realtà che non valorizza la materia prima e il territorio, quell'anno vengono prodotti i primi ettolitri di questo vino che Andrea Bigi ama definire "diverso" nello scenario del Verdicchio.

Il nome Scacciacorvi rispecchia questa sua "stranezza", ma come lo scacciacorvi la sua diversità è essenziale a proteggere i campi e il lavoro dell'uomo. Da li in poi seguono gli altri vini che si idendificano con oggetti tipici della campagna, capaci di rievocare quell'autentica emozione di vicinanza al territorio e un antico modo di lavorare dedito alla realizzazione di prodotti dai sapori genuini. In ogni vino si possono apprezzare il carattere, la passione per la stessa terra che lo produce, e un idea diversa di crescita che l'azienda Andra Bigi vuole trasmettere, a volte anche in maniera insolita.





Foto
vini Cantina Il Passo

Nel 2012 l’azienda agricola Grimolizzi, risalente agli inizi dell’800, decide di inserirsi in un altro settore. Dopo aver acquistato la vigna, effettua un secondo acquisto: una cantina scavata in grotta naturale di tufo. Questo secondo acquisto implica la decisione di non voler vendere il prodotto ricavato dalla vigna, ma bensì di trasformarlo. La scelta di intraprendere questo cammino, deriva dalla passione per le cose sane e dalla voglia di trasmettere la genuinità in prodotti di qualità. La mission dell’azienda nasce dall’esigenza di portare avanti e sempre più in alto il marchio Made in Italy invidiato in tutto il mondo.


Fondamentale è la scoperta, o per meglio dire, la riscoperta della genuinità e di quanto sia importante in un’era così altamente influenzata dalla globalizzazione, riportare alla luce la tradizione di aziende che hanno vissuto e fatto la storia d’Italia. Non è un caso che la scelta del prodotto sia ricaduta su un’unica linea di vino: L’Aglianico del Vulture.

 

La Cantina Il Passo prende il nome dal primo terreno che si incontra quando si arriva all’azienda: un oliveto soprannominato “Il Passo”, considerato dalla famiglia Grimolizzi il luogo di partenza dal quale si estende tutta l’azienda verso la collina. Il nome del vino “Alberi in piano” prende spunto dalle origini dell’azienda, quando il fondatore Francesco Grimolizzi decise di comprare la masseria che era ed è tutt’ora soprannominata “Contrada Alberi in piano”.


Ecco il motivo per il quale l’azienda si chiama “Il Passo”, perché è il luogo di partenza

Foto
vini Crova Massimo Vini

Dal 1903 la famiglia Crova produce a Sala Monferrato in provincia di Alessandria vini tipici del Monferrato Casalese.


Ad iniziare la tradizione familiare è stato Luigi detto “Il Notu”, poi grazie all’amore per la terra di nonno Lorenzo e del “barba” Luigi si è ingrandita la proprietà.Grazie alla passione di papà Pietro arriviamo ai giorni nostri con Massimo e la moglie Silvia che si occupano della conduzione dei circa 6 ettari di vigneto situati nel comune di Ozzano Monferrato, dal 2014 facenti parte del Patrimonio UNESCO per “I paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato” 


L’ azienda produce vari vini DOC:Barbera del Monferrato , Grignolino del Monferrato Casalese, “BETTA” Monferrato Freisa, “NICCO” Monferrato Dolcetto, Monferrato Rosso da uve nebbiolo, “SISSA” Piemonte Albarossa.


Tra le particolarità troviamo: “LO SFIZIOSO”, vino rosso, secco e fruttato prodotto con uve di aleatico, il “NOTU” uve barbera al 90% e un 10% di altre uve aromatiche, “LA COCCINELLA” vino ottenuto da uve barbera appassite sui graticci e il “TOMMI” da uve barbera, affinato in botti di rovere.


Massimo e Silvia si occupano della vendita diretta delle circa 15.000 bottiglie prodotte annualmente, dal 2013 hanno aderito e prendono parte al Mercatino Regionale Piemontese, fiera itinerante delle eccellenze enogastronomiche piemontesi, ogni week end presente in diverse piazze del nord Italia. Durante ogni evento le aziende, con il contatto diretto con il pubblico, trasmettono la passione e l’impegno con i quali mantengono in vita le tradizioni legate ai loro prodotti tipici.


Dalla vendemmia 2018 abbiamo ottenuto la certificazione SQNPI sistema di qualità nazionale di produzione integrata nel rispetto dell’ambiente.


Dal 2020 facciamo parte del FIVI - Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti.

Foto
aziende agricole Poggio Sorbello

Azienda

L’azienda a conduzione familiare nasce nei primi del ‘900 sulle colline tra Cortona e Montepulciano(terra del Vino Nobile) al confine tra le provincie di Arezzo, Siena e Perugia. Dal centro Aziendale posto a 360 s.l.m. si intravedono il Lago Trasimeno, le montagne cortonesi, il Monte Amiata ed il Subasio. I vigneti da sempre presenti in azienda, iniziano ad essere ammodernati dalla metà degli anni ’90 con l’introduzione di varietà locali e internazionali, che meglio esprimano le proprie caratteristiche in questo territorio.


In queste colline, vocate fin dai tempi più antichi alla produzione di uve di altissima qualità, la famiglia coltiva oggi circa 10 Ha di vigneto con sesto d’ impianto ad alta densità (circa 5200 ceppi/Ha) ed il metodo principale di allevamento è il cordone speronato. Le varietà presenti sono Syrah, che è il vitigno alla base della Denominazione Cortona D.O.C., il Merlot, il Cabernet Sauvignon ed il Sangiovese. Recentemente sono stati impiatati anche dei vitigni a bacca bianca, quali lo chardonnay ed il viognier.


I metodi di coltivazione utilizzati mirano al massimo rispetto dell’ambiente ed al mantenimento del naturale equilibrio tra pianta, terreno e microrganismi, portando all’ottimizzazione e all’elevazione di tutte le caratteristiche organolettiche delle uve. Tale impiego è agevolato dal fatto che tutti i vigneti sono cinti, come in un abbraccio dai boschi che creano un microclima unico, aiutando la diffusione e la riproduzione degli insetti utili. Nel 2014, dopo alcuni anni di prove di vinificazione, viene costruita la cantina che coniuga la tradizione con le moderne tecnologie.


Quello che contraddistingue la qualità delle uve è la loro estrema selezione: dei 10 Ha di vigneto infatti, solo 2 Ha migliori vengono scelti per la vinificazione. Su di essi viene effettuato un diradamento dei grappoli all’invaiatura e successivamente, durante la raccolta manuale in cassette, viene fatta un ulteriore cernita. Per finire dopo la diraspatura viene effettuata, su di un tavolo di cernita, la selezione manuale degli acini. Tutte le altre uve invece vengono destinate alla vendita.


La fermentazione, che a seconda delle uve e dell’annata dura dai 20 ai 35 giorni, avviene in tini di acciaio a temperatura controllata, i mosti non superano mai la temperatura di 27°C, questo per mantenere integri tutti gli aromi ed i profumi. Dopo tale periodo i vini vengono separati dalle vinacce con una pigiatura molto soffice.In seguito alle sfecciature i nuovi vini vengono avviati all’affinamento in barriques o nei serbatoi di cemento, dove rimangono per circa un anno. Le barriques usate sono tutte di rovere francese e rimangono in uso per 5 anni: questo permette di ottenere dei vini che rispettino appieno le caratteristiche pedoclimatiche dell’annata. I nostri vini si contraddistinguono per il loro stile elegante e pulito, profumi netti ma mai aggressivi, rotondità in bocca data da tannini morbidi ma decisi.


Proprietari: Famiglia Baldetti Felice
Agronomo: Baldetti Daniele
Enologo: Saettini Maurizio