Tra viti e rocce a strapiombo sul mare di Furore, Cantine Marisa Cuomo!


L’uva che cresce aggrappata alla roccia di Furore è esposta alla magica azione del sole e del mare della Costa d’Amalfi. Al fascino della geometria dei vigneti dell’azienda, si aggiunge la suggestiva cantina scavata nella roccia.
Dal 1980, anno della sua fondazione, Cantine Marisa Cuomo è l’azienda vinicola di Andrea Ferraioli e Marisa Cuomo che si estende lungo 10 ettari di territorio.


La selezione di uve nobili, la ricerca del giusto grado di freschezza ed umidità unito allo scorrere del tempo, vecchi segreti tramandati da vinificatori del luogo e tecniche di elaborazione all’avanguardia danno vita a vini di elevatissima qualità, stimati in tutto il mondo.
Andrea Ferraioli e Marisa Cuomo, con l’enologo Luigi Moio ed i vinicoltori dell’azienda, scelgono di puntare sulla qualità per distinguersi nel panorama dell’enologia italiana con vini dal sapore unico e straordinario come il territorio della costa di Furore.


Gran Furor Divina Costiera, Cantine di Marisa Cuomo

Il marchio che in tutto il mondo porta la grandezza di un piccolo pezzo di terra.

Gran Furor Divina Costiera è un marchio che nasce nel 1942 per accompagnare la vendita dei vini della Costa di Furore, ottenuti dalle vigne sdraiate a picco sul golfo di Salerno.

Andrea Ferraioli, discendente da un’antica famiglia di vinificatori locali, acquista il marchio Gran Furor Divina Costiera nel 1980, per produrre un vino di altissima qualità recuperando i segreti dei suoi avi e la secolare tradizione vinicola del suo paese natio.

Insieme alla moglie Marisa Cuomo inizia un’avventura imprenditoriale che si confonde con il legame famigliare che li unisce: il loro amore ed una straordinaria passione per il vino porteranno Cantine di Marisa Cuomo tra i migliori marchi dell’enologia italiana a livello internazionale.


Il Medagliere

Importanti riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale premiano gli sforzi e la passione di Marisa Cuomo e Andrea Ferraioli. Dalla caparbia volontà di tenere in vita le antiche tradizioni vinicole di Furore nascono vini pluripremiati dalla critica e dagli estimatori.

Oscar 2006 al Fiorduva come migliore Vino Bianco: uno dei premi più ambiti e qualificanti nel settore dell’enologia italiana, assegnato ogni anno dall’Associazione Italiana Sommelier. L’Oscar 2006 al Fiorduva è un riconoscimento senza precedenti per un vino prodotto nel sud della nostra penisola, che contribuisce ad aggiungere il nome di Marisa Cuomo nella lista delle cantine italiane più rinomate.

Fra il 2005 e il 2006, numerosi premi di notevole livello arricchiscono il medagliere della Cantina di Furore: i “Tre Bicchieri” della guida I Vini d’Italia di Gambero Rosso, due medaglie d’argento per il Furore Rosso Riserva e per il Fiorduva, una medaglia d’oro a Los Angeles ed il riconoscimento “Best of Class” Award Limited Production, sempre negli USA.

E ancora, l’inserimento nell’Annuario dei migliori vini d’Italia di Luca Maroni e i “Cinque Grappoli” conferiti dall’AIS (Associazione Italiana Sommelier) nell’edizione di “Duemilavini”, la Guida ai Vini d’Italia. Le bottiglie della Cantina Marisa Cuomo rientrano nella lista dei cento migliori vini inseriti nel Glossario di Paolo Massobrio del Club di Papillon, nella Guida Oro I Vini di Veronelli e vengono premiate con numerose medaglie d’oro alla Selezione del Sindaco delle Città del Vino.


Le Cantine

La roccia della Costa d’Amalfi custodisce i vini Gran Furor Divina Costiera.

Affacciate sul mare a 500 metri di altezza, le Cantine Marisa Cuomo dominano una parte della Costa di Amalfi situata nel Comune di Furore. Le viti, allevate prevalentemente a “pergolato” e spesso piantate sulle pareti rocciose verticali, si estendono su dieci ettari di superficie di cui 3,5 di proprietà.

I vini di Cantine Marisa Cuomo invecchiano in un’antica cantina scavata nella roccia di origine dolomitico-calcarea: un luogo affascinante, umido e fresco, che accoglie le barriques in legno di rovere francese. La vinificazione avviene secondo le più moderne tecniche, in un connubio di natura e tecnologia.

In un territorio come Furore, così caratteristico ed allo stesso tempo estremo, la cura delle viti e dell’uva diventa un lavoro completamente manuale. A stretto contatto con la natura, le Cantine Marisa Cuomo sperimentano tecniche per strappare terreno alla roccia, costruiscono pergolati su cui adagiare le viti, selezionano con rigore le colture più adatte ed i vitigni nobili.

Una straordinaria passione per il vino è il segreto delle Cantine Marisa Cuomo.




  MARISA CUOMO VIA G. B. LAMA 16/18
84010 Furore (SA)
italia
089830348
info@marisacuomo.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 4019

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Caffe' Poliziano

Caffé, Ristorante, Pasticceria


Caffè Polizano dal 1868


Ampio, elegante e raffinato, l'Antico Caffè Poliziano fa parte dei "Locali Storici d'Italia". Dalla sua balconata , che si offre sullo splendido scenario della Valdichiana, si sono  affacciate negli anni intere  generazioni di  Poliziani e di visitatori da tutto il mondo . 


Nelle sue sale , hanno di volta in volta sostato Carducci, Pirandello, Prezzolini, Malaparte, Mario Monicelli, Marina Doria di Savoia, Enrica Rava Mauro Bolognini, Giorgio Battistelli, Franca Valeri , Gianluigi Trovesi, Danijel Zezelj, Maurizio Giammarco, Milo Manara....


Amorosamente curato dai proprietari che negli anni hanno continuato l'attività culturale , letteraria e musicale che lo ha sempre caratterizzato . Il Caffè mantiene l'antico splendore con una veste che non stonerebbe, a giudizio di Federico Fellini, uno dei suoi più illustri visitatori, nella cornice di una grande capitale mitteleuropea .

Foto
pizzerie Biancazerozero

BIANCAZEROZERO

LA PRIMA PINSA ROMANA A FIRENZE


Siamo i primi a Firenze ad aver portato la Pinsa Romana all’insegna della leggerezza, soffice e croccante, da “BIANCAZEROZERO” in Piazza dei Ciompi e in Piazza della Passera e da poco anche in Viale Aleardo Aleardi.


La Pinsa , il cui termine deriva dal latino “pinsere” ovvero allungare, nasce da una ricetta tramandata da popolazioni contadine che risale al tempo dell’Antica Roma, nel primo secolo avanti Cristo, grazie a macinazione di cereali di miglio, orzo e farro.


Oggi viene riproposta e rielaborata a Firenze da BIANCAZEROZERO in una versione ipocalorica con solo 300 calorie - contro le oltre 900 di una pizza tradizionale - grazie a tecniche di lavorazione moderne e con ingredienti naturali e sani come la farina di soia, di riso e di frumento, con lievito naturale e con una percentuale di acqua all’85%.


In collaborazione con Pinsa School (Roma) , con Di Marco Corrado (Roma) per le materie prime e per i condimenti che sono supervisionati da Ino (Alessandro Frassica) BIANCAZEROZERO ha elaborato pinse originali come “ Gerard Loft” con salmone affumicato, avocado, mozzarella fior di latte, misticanza ed olio al limone o come la “Costiera” con stracciatella di burrata, acciughe e scorza di limone e la super apprezzata “Greg” con mozzarella fior di latte, gorgonzola dolce, pere, noci e miele.


BIANCAZEROZERO si distingue per ambienti giovani, gestione professionale e piacevoli locali con anche uno spazio all’aperto su piazza dei Ciompi, uno streetfood in Piazza della Passera , a breve anche un dehor in Viale Aleardo Aleardi dove poter gustare la Pinsa.


LE NOSTRE SEDI


FIRENZE

Piazza della Passera

Via dello Sprone, 13r

Tel. 055 283085


Piazza de Ciompi

Via Pietrapiana, 40

Tel. 055 2466740


Piazza Tasso

Viale Aleardo Aleardi, 13r

Tel. 055/6141400


LIVORNO

Scali Novi Lena

Tel. 0586/1865959


MILANO

Corso di Porta Vigentina, 31

Tel. 02 38269954



Foto
pizzerie Pizzeria Al Contrario

La pizzeria si trova in provincia di Padova, a San Pietro Viminario, ed è la tranquillità a renderlo un posto speciale. La location, rustica ed accogliente, comprende anche uno spazio esterno, adatto a famiglie o a compagnie di amici.
Con più di vent'anni di esperienza, il pizzaiolo e titolare del ristorante, Cristian Toniolo, è riuscito a far crescere questa attività, facendo delle materie prime il punto forte del suo servizio.


Forte di uno studio progressivo ed affinato tramite studi e la continua voglia di sperimentare, ha fatto in modo che fosse proprio la pizza a rendere così celebre questa pizzeria: ce ne sono di tutti i tipi, da quelle classiche a quelle speciali che accostano ingredienti in maniera inusuale e sorprendente, abbinate all'utilizzo di farine e impasti cangianti.


Se non avete voglia di pizza, però, c’è molto molto altro ad aspettarvi: dai calzoni di ogni tipo ai primi piatti, fatti con pasta fresca, senza trascurare le carni. L’ecletticità è un punto di forza della pizzeria Al Contrario ed è per questo che potrete sceglierla per i motivi più disparati: che sia per un pranzo di lavoro, una cena romantica o una semplice pizzata con gli amici, in questo ristorante troverete sempre e comunque gli ingredienti giusti per una serata da ricordare.


Prenotate il vostro tavolo per non rischiare di aspettare a lungo: pensavate che fosse così facile trovarne un libero? Al Contrario!

Foto
ristoranti IPSSAR P. Artusi - Ristorante Didattico

L’attività tecnico-pratica degli Istituti alberghieri, di norma, si limita a simulare l’attività ristorativa attraverso esercitazioni svolte tra gli allievi, senza la presenza di un cliente esterno.


I Ristoranti didattici sono strutture ristorative aperte al pubblico e sono sorte per iniziativa delle istituzioni scolastiche, impegnate a formare i giovani nel settore dell’Enogastronomia e dell’Ospitalità alberghiera.


Come già evidenziato da anni sulla stampa nazionale, i ristoranti didattici sono molto diffusi nel mondo: in Francia, tali strutture sono parte integrante dei “Lycées Hotelleries”, enti scolastici che formano profili professionali collegati al settore della ristorazione e dell’ospitalità alberghiera. In Italia, i primi passi si sono mossi nel 1992 e, da qualche anno, è nata anche una rete di Ristoranti didattici con oltre cinquanta scuole aderenti.


Tali strutture sono organizzate in modo da riprodurre le specifiche condizioni di lavoro di reali imprese ristorative, ma sono realizzate e controllate direttamente dagli istituti formativi che abbiano scelto, in aggiunta ai tradizionali laboratori della scuola, di attivare quella che può essere ritenuta una simulazione d’impresa.


Avere all’interno di un Istituto alberghiero una clientela autentica è un notevole passo in avanti per migliorare la qualità della formazione professionale in questo settore.


Di fatto, non s’intende creare un’attività commerciale aperta tutto l’anno né tantomeno offrire un menù completo e vario come quello che si potrebbe degustare in un qualsiasi ristorante tradizionale: si desidera realizzare un ambiente che possa essere arricchito dalle varie componenti della scuola, ma dove tutto venga organizzato dagli studenti, con il supporto dei docenti e del personale tecnico.


È proprio con questo spirito che il Ristorante didattico Artusi si presenta ai suoi clienti.