Un secolo di Storia, dal passato al presente.


La nostra storia

Il brand Marchese delle Saline, nasce nel territorio trapanese ed affonda le sue radici in tempi lontani, quando il trisavolo Giacomo Rallo, nel 1860, si trasferì nelle campagne Siciliane ed iniziò la lavorazione dei sui primi appezzamenti di terreno in contrada Baiata.


Da allora, la passione, la preparazione e l’amore di fare le cose con il cuore, si sono tramandate, di padre in figlio, negli anni fino ad arrivare ad oggi. In quegli anni Giacomo Rallo, quando non era impegnato con il lavoro in vigna, raccoglieva il sale presso le Saline di Marsala durante la stagione estiva. Essendo molto zelante e produttivo, nonno Giacomo amava il gusto per le cose ben fatte per questo gli diedero l’appellativo di “Marchese”. La sua storia e il suo amore per le saline hanno portato i nipoti, anni dopo, a onorare la memoria del nonno, dando all’azienda il nome di “Marchese delle Saline”.


L’Azienda oggi

Oggi la famiglia Rallo, con Giacomo e Flavia, quarta generazione di produttori, interpretando i valori del suo fondatore, diffonde la cultura del buon vino e dei prodotti di qualità del suo territorio nel pieno rispetto dell’ambiente praticando tecniche di produzione biologica.

La passione per il lavoro, l’intuizione ottima e l’impegno hanno condotto all’espansione delle prime vendite. L’obiettivo è stata la realizzazione
di vini unici che sono espressione dell’identità di un territorio ricco di tradizioni, sapori e profumi.


Marchese delle Saline, appunto, con i suoi Etna Bianco ed Etna Rosso Biologici ottenuti dalle relative uve Carricante e Nerello Mascalese, e lo Spumante Extra Dry prodotto da uve Catarratto in purezza, coltivate sempre sull’Etna, offre a chi lo degusta l’espressione più vera dei vini vulcanici dell’Etna.
Le particolarità di questi vini derivano principalmente dai terreni vulcanici e dal microclima che fissano importanti profumi nell’uva. Il Nerello Mascalese da origini a rossi di assoluta finezza, il Carricante è ideale per produrre un vino bianco dalla particolare sapidità che raccoglie tutti i profumi del mare alle pendici dell’Etna.




  MARCHESE DELLE SALINE Via Francesco Gambini 9
91025 Marsala (TP)
italia
3889203636
info@marchesedellesaline.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 11727

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
vini Azienda Agricola Nicola Santoleri

LA STORIA DEL NOSTRO VINO

Nascosta e protetta dal famoso monte Maiella, nell’Appennino abruzzese, sorge l’azienda vinicola di Nicola Santoleri. Paesi pittoreschi dove I calanchi incorniciano il paesaggio intorno ai vigneti di Crognaleto.

Per fare un vino eccezionale bisogna iniziare dalle radici. Per oltre 50 anni la famiglia Santoleri ha piantato e potato le loro viti seguendo le più’ antiche tradizioni ed usato sul terreno metodi biologici (fertilizzanti naturali). L’azienda vinicola, produce due tipi di uve per l’imbottigliamento, il Trebbiano D’Abruzzo e il Montepulciano d’Abruzzo, che rispecchiano le condizioni meteorologiche dell’anno in cui vengono le uve vengono raccolte.


La Cantina e’ situata nel cuore della città’ medievale di Guardiagrele, ed e’ qui che inizia la selezione delle uve che daranno vita ai migliori vini d’annata. La struttura, costruita nel 1700, ospita 25 botti (20 - 25 hl) di rovere di Slavonia. Fuori e’ appesa una targa in memoria del maestro del Montepulciano d’Abruzzo, Nicola Santoleri morto prematuramente nel 2007.

Le grandi porte di legno e la dolce melodia della musica di Mozart riassumono il mezzo secolo di storia del Santoleri . Una storia tramandata per generazioni ed ora raccontata da Giovanni Santoleri. Nell’azienda Santoleri la qualità’ non e’ mai compromessa, la pazienza e’ una consuetudine ed il risultato con l’aiuto di madre natura, e’la produzione di un vino eccezionale.


I NOSTRI VINI

La promessa e l’impegno di produrre un vino eccezionale e di qualità’ comincia ancor prima dell’approvazione della legge nel 1968 che istitui’ la denominazione di origine controllata dei vini. I vini Santoleri hanno il marchio di Denominazione di Origine Controllata (D.O.C.) non chè la sottozona Crognaleto” ad indicare un territorio particolarmente indicato per la produzione di vini che rappresentino al meglio il vitigno ed il territorio racchiudendo il tutto in poche bottiglie. La proprietà si estende su 28/30 ettari di vigneto, condotto con pratiche volte a favorire il massimo rispetto della natura e del frutto. Le concimazioni sono esclusivamente organiche. Il vigneto di Crognaleto è coltivato principalmente con Montepulciano d'Abruzzo (80%), sangiovese (10%) e trebbiano d'Abruzzo (6%), allevati con il sistema a tendone oltre a piccolissime quantità di pinot nero, grigio e bianco e di riesling.


All’inizio di ogni stagione si scongiurano condizioni meteorologiche adatte a produrre un ottimo vino. Quando ciò’ accade e le nostre preghiere vengono esaudite, l’azienda Santoleri riesce a produrre 40,000 bottiglie di vino all’anno.

Santoleri Vini

È attualmente in vendita in tutta Italia e nei seguenti mercati internazionali: Ontario | Canada | California | Stati Uniti d'America

Foto
vini Naranji

L’amaro Naranj nasce dall’idea di un giovane siciliano mosso dal suo piglio imprenditoriale e dalla sua voglia di sfruttare al massimo la produzione agricola dei terreni di famiglia.


La ricetta segreta di questo delizioso e speziato amaro, a base d’arance, risale a molto tempo fa.


Questa, infatti, è stata tramandata da una lontana prozia, Madre Badessa che visse in un convento dell’entroterra siciliano nel lontano 1930.


L’amaro Naranji viene prodotto solo ed esclusivamente con arance biologiche siciliane di prima scelta che conservano intatto il loro sapore originale; ne vengono utilizzate 2 tipologie, le arance tarocco bionde e le arance amare, si aggiunge la menta ed un mix di altre 3 erbe aromiche di montagna che fanno parte della nostra ricetta segreta.


Abbiamo una tiratura molto limitata che si ferma a 3000 btg all'anno.

Foto
vini Cantine Spanu

loghe è un vino I.G.T. a base cannonau,vinificato unitamente ad altri uvaggi autoctoni a bacca nera


Una vivida passione per la terra, la cultura vitivinicola tramandata nel tempo, unitamente ad un laico anticonformismo; sul pensiero unico,dell etica sul profitto,dello spirito sulla materia,della natura sull artificio,dell uomo sull automa,per il primato della politica sull economia,del donarsi sul richiedere,dello spirito critico, sui modelli culturali imposti dal gregge,come vuole significare la pecora nera riportata in etichetta,a favore delle idee che diventano azioni,dell essere sul sembrare; questi sono statii presupposti alla base della genesi di ILOGHE. Parafrasando Nietzsche, "Dovremmo sbarazzarci del cattivo gusto di andare d'accordo con tutti"."Le cose grandi ai grandi,le finezze ai sottili,le rarità ai rari".Elaborando questi concetti fondamentali,abbiamo quindi eseguito una vinificazione,con metodo tradizionale,utilizzando solo i migliori uvaggi autoctoni, ottenendo così, questo vino rosso,giovane,autentico,dal sapore morbido,fresco,profumato,ma di carattere,che ben si accompagna con i piatti della cucina mediterranea e internazionale.


"è la dose che fa il veleno"
Paracelso


vinodabere.it/la-classifica-dei-migliori-altri-vini-della-piccola-guida-della-sardegna-di-vinodabere-seconda-edizione-assaggi-effettuati-nel-2019/