getCompanyVOById(10070476)
La Vinicola del Titerno

È il 1982 quando Talio e Alfredo Di Leone, seguendo la passione e l’esempio del padre Angelo, fondano la Vinicola del Titerno. Da allora ne è passato di vino nelle botti e l’azienda di Massa di Faicchio è leader nella produzione e nella vendita del Solopaca Dop – uno dei vini più venduti in Italia – mentre la Coda di Volpe, la Falanghina, l’Aglianico, il Sangiovese, la Barbera viaggiano per il mondo: dalla Cina agli Stati Uniti, dalla Germania alla Gran Bretagna alla Serbia, dal Canada a Singapore.


Il segreto del buon vino è la ricerca della qualità. La Vite e il Vino del Sannio antico e moderno sono per la famiglia Di Leone la tradizione da curare e rinnovare ogni giorno. Nel 2017 è nata Terre Di Leone: la società agricola ideata da Alessio, Giovanni e Davide, la terza generazione Di Leone, che cura e governa esclusivamente terreni e uve.


La cantina è di 6000 mq distribuiti su tre livelli. La linea di produzione delle uve è di ultima generazione: una capacità oraria di 150 ql di uva, una bottaia di circa 200 hl e botti da 18 e 23 hl e barrique. La lavorazione oraria, automatizzata, è di 6000 bottiglie per una produzione annua di circa 3 milioni di bottiglie. La continuità della fornitura è garantita e le richieste dei clienti soddisfatte per quantità, qualità, prezzo.




  LA VINICOLA DEL TITERNO Via Iacovelli Zona PIP
82030 Faicchio (BN)
italia
0824814380
info@lavinicoladeltiterno.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 12882

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
vini Naranji

L’amaro Naranj nasce dall’idea di un giovane siciliano mosso dal suo piglio imprenditoriale e dalla sua voglia di sfruttare al massimo la produzione agricola dei terreni di famiglia.


La ricetta segreta di questo delizioso e speziato amaro, a base d’arance, risale a molto tempo fa.


Questa, infatti, è stata tramandata da una lontana prozia, Madre Badessa che visse in un convento dell’entroterra siciliano nel lontano 1930.


L’amaro Naranji viene prodotto solo ed esclusivamente con arance biologiche siciliane di prima scelta che conservano intatto il loro sapore originale; ne vengono utilizzate 2 tipologie, le arance tarocco bionde e le arance amare, si aggiunge la menta ed un mix di altre 3 erbe aromiche di montagna che fanno parte della nostra ricetta segreta.


Abbiamo una tiratura molto limitata che si ferma a 3000 btg all'anno.

Foto
vini Tenute Poma

Gentilissimo cliente,
ho il piacere di parlare dei miei vini e della loro storia.
Circa 10 anni fa, scaduto un vecchio diritto all’impianto, mio marito decide di impiantare i vigneti nei terreni di famiglia valorizzando la “nostra terra” cercando di mantenere il legame con la Sicilia dato che noi viviamo a Milano.
Le campagne sono a Lenzi e Regalbesi, a Trapani.
Il perito agrario Mimmo Coppola cura con attenzione le nostre terre, l’enologo Vincenzo Leone crea i vini.
I vini vengono lavorati ed imbottigliati nella cantina “ Terre di Giafar” a Paceco, confiscata alla mafia e gestita da una coppia di giovani; in cantina Ciccio, uomo fidato e sempre sorridente oltre che competente, cura i nostri vini.
Noi viviamo a Milano con la nostra famiglia, mio marito è un dirigente in una banca d’investimento e io mi occupo della distribuzione insieme ad agenti anch’essi scelti da noi.
Spesso siamo in Sicilia e con attenzione curiamo tutto il processo di preparazione.


Passito
L’uva è raccolta a mano, posata nei cesti, collocata sui cannucciati ad essiccare, tutti i giorni girata e la sera coperta per evitare l’umidità.
Quando l’uva è essiccata e diventa “uva passa o sultanina” viene messa in infusione nel mosto di zibibbo dentro i serbatori.
Dopo sei mesi, viene pressata nel torchio e filtrata. Dopo imbottigliata.
Prodotto moderatamente dolce con sentori di agrumi.
Premiato in concorsi internazionali e al Vinitaly insieme al Ben Rye.


Nero d’Avola
Uve di nero d’avola,vino rosso strutturato, è stato in barrique per sei mesi.
Vitigno coltivato a Lenzi.
Premiato al concorso inglese Decanter.


Grillo
Vino bianco secco, grappoli raccolti a mano e subito messi sotto il ghiaccio secco per mantenere gli
odori e il sapore.
Vitigni coltivati a Lenzi.
In serbatoio d’acciaio.Vino piacevole al gusto.


Zibibbo e Catarratto
Vino bianco secco tratto da uve di zibibbo e Catarratto, vino profumato e dal sapore delicato.
Vitigni coltivati a Lenzi e Regalbesi.
Ideale per aperitivi e piatti a base di pesce.
Ha ottenuto vari premi nazionali e internazionali.


Malvasia e Chardonnay
Vino bianco secco, uve coltivate a Lenzi.
Sapore ed odori delicati.
Ideale per aperitivi e piatti a base di pesce.


Foto
aziende agricole Azienda Agricola Podere Gaiaschi

L’azienda agricola della famiglia Gaiaschi nasce dall’unione di due poderi loc. Roncona e loc. Cà di Sotto e vanta una lunga tradizione le cui origini risalgono ai primi anni Trenta.


Allora il nonno Luigi curava i suoi terreni, coltivandoli a fieno, cereali e viti e vinificando quel tanto che bastava alle esigenze della famiglia. Fu grazie al suo lavoro che l’azienda nel 1961 è passata a uno dei figli di Luigi, Enrico, che ha portato avanti la tradizione di famiglia, dando all’azienda un impostazione maggiormente vitivinicola.


Nel 1999 il figlio di Enrico, Gabriele, dopo la scomparsa del fratello Davide, con una grande forza, decide di continuare con passione elaborando uno stile dinamico e intraprendente nella conduzione dell’Azienda che nel 2008 viene chiamata PODERE GAIASCHI. L'azienda occupa una superficie di 35 ettari di cui 5 a vigneto, 3 dedicati alla silvicoltura e 27 coltivati a fieno con rotazione di cereali.


Oggi l’azienda è gestita da Gabriele e dalla moglie Monica che per seguire il sogno del marito ha lasciato il suo lavoro ed è diventata imprenditrice agricola. Insieme i due hanno deciso di trasformare l’antica stalla di Cà di Sotto in una modernissima cantina per la lavorazione e la produzione del vino puntando sulla qualità e la specificità del prodotto.


L’attenta scelta dei vigneti più adatti al terreno, la favorevole esposizione al sole, una bassa resa per ettaro, la cura sapiente dei vigneti e l’accurata selezione delle uve in vendemmia, unite alla raccolta manuale, permettono di ottenere vini pregiati e genuini.


CONCORSI 2019


Concorso Vinitaly2019  wine without walls vino premiato:

BARBERA FERMO COLLI PIACENTINI   D.O.C. SENZA SOLFITI AGGIUNTI


 Concorso Mondial du Rosé Francia MEDAGLIA D’ORO  vino premiato:
 ERCOLINO ROSATO FRIZZANTE


Concorso Douja d’Or di Asti MEDAGLIA D’ORO vino premiato:
RICO ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI SPUMANTE D.O.C.


CONCORSI ENOLOGICI NAZIONALI PRAMAGGIORE 2019 MEDAGLIA D’ORO   vini premiati:
RICO ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI SPUMANTE D.O.C.
ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI FRIZZANTE D.O.C.
MALVASIA FRIZZANTE COLLI PIACENTINI D.O.C.


Concorso Enologico Nazionale “Premio Qualità Italia 2019”  Città Sant’Angelo (PE), vino premiato :
‘IL DIAMANTE DI SILVIA BARBERA FRIZZANTE D.O.C. SENZA SOLFITI AGGIUNTI


Concorso Enologico Nazionale Menzione Nazionale Città Sant’Angelo (PE), vini premiati:

‘IL DIAVOLETTO DI MATTEO BONARDA FRIZZANTE DOC  SENZA SOLFITI AGGIUNTI
‘GUTTURNO FRIZZANTE DOC’,
‘MALVASIA FRIZZANTE DOC COLLI PIACENTINI’

‘ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI DOC FERMO’


Foto
vini Vini Pintaudi

Cantina moderna e innovativa, ma dal carattere forte e tradizionale della vera Sicilia!


Sono gli inizi degli anni ’70 quando Basilio Pintaudi, agricoltore di Piraino, paese nel nord della Sicilia, fonda la Cantina Vini Pintaudi e avvia la produzione di vini bianchi, rossi e rosati che in origine venivano venduti sfusi nel mercato locale. Con il passare degli anni, l’attività dell’azienda Vini Pintaudi cresce, tanto da spingere Basilio a trasferire la cantina in una sede più grande, quella dove si trova attualmente, e ad iniziare la produzione dei vini monovarietali come Nero d’Avola, Chardonnay, Insolia e Syrah.


Nel 1997, dopo la scomparsa del suo fondatore, le redini della cantina vengono prese da moglie, figlia e genero di Basilio che decidono di iniziare ad imbottigliare e di investire nell’acquisto di un nuovo impianto d’imbottigliamento altamente avanzato.


Dal 2017 la gestione della Cantina passa nelle mani del nipote Basilio Catrini che si è perfezionato sui vini imbottigliati e ha cercato di creare un vero brand aziendale con l’ultima linea di A Maré, Masciné, Davé e Ciaulé. In particolare, Mascinè ha vinto, nel 2018, la medaglia d’argento al Primo Concorso Enologico Nazionale “Venere Callipigia”.


Quella della Cantina Vini Pintaudi è una storia di cuore, tradizione e amore per la terra e per i suoi frutti che si coniuga con innovazione e tecnologia per proporre sul mercato vini di alta qualità dal gusto autentico e dal carattere forte e distintivo della Sicilia.