I sapori di una volta


La crescia, specie di pane azzimo, al tempo degli Umbri si cuoceva su una lastra di pietra infuocata o “panaro. In seguito la lastra ha assunto forma rotonda. In epoca ancora più recente il panaro in pietra è stato sostituito da alcuni, con un disco di lamiera di ferro piuttosto spesso.
È ideale servita con affettati, carni o verdure e può essere sostitutiva del pane… ORA NON VI RESTA CHE PROVARLA!


Nata intorno al 1900 a.C. la torta al testo deve il suo nome originale alle particolari tegole di terracotta (chiamate “testum” in latino) su cui si era soliti cuocere pani e focacce fin dai tempi dei romani. In seguito il testum ha assunto una forma rotonda e prende il nome di panaro.
Il panaro, anticamente un disco fatto con scaglie di ghiaia di fiume impastate con argilla, veniva riscaldato su un focolare ed usato direttamente come piano cottura per la torta. In epoca recente il panaro in pietra è stato sostituito con un disco di lamiera piuttosto spessa con manico e treppiede, ma ancora oggi in molte case eugubine si continua ad usare il panaro ottenuto però da un impasto di cemento e “pietra serena” macinata.
La crescia, piatto povero per eccellenza, veniva preparata in occasione delle giornate di lavoro nei campi, quando occorreva saziare grandi appetiti ma bisognava risparmiare sul più prezioso pane.
La crescia sul panaro si chiamava mefa al tempo degli Umbri e poteva essere condita (come oggi) con i formaggi freschi, le verdure di campo, le carni nostrane, gli affettati, e… accompagata da un buon bicchiere di vino.


La scelta dei prodotti a KM0 è stata ben mirata per poter cosi far assaporare ai nostri clienti i sapori di un tempo spesso perduti e messi nel dimenticatoio. La nostra scelta è anche stata determinata dal fatto che vogliamo evitare tutti quei prodotti che sono trattati con concimi chimici, per quel che riguarda la farina, con antibiotici per la carne, con pesticidi per gli ortaggi e utilizzare i prodotti genuini del nostro territorio.


La nostra filosofia

L’arredo ha dei canoni ben precisi ai quali si sono rifatti scenografi e architetti. La priorità è quella di raccontare la storia rurale e gastronomica della civiltà contadina, la sua identità, lo sforzo e la dedizione per raggiungere prodotti di qualità quali il grano, la farina, la carne, le verdure,… per il sostentamento della famiglia all’epoca numerosa. Raccontiamo la storia dell’Italia della fine del ‘700 inizi ‘900 per questo la maggior parte degli elementi d’arredo sono autentici: torchio, trincia foraggi, botti, banchi da lavoro,… L’ambiente, unico nel suo genere,diventa un museo contadino, un ambiente che ben ricorda la tipica cantina italiana dove in primis gli amici erano i benvenuti e si festeggiava il buon raccolto brindando alla fertilita e prosperità. L’allegria e il semplice vivere rendevano questi momenti unici…


La Cresceria - SENIGALLIA

Lungo Mare Dante Alighieri, 3
60019 – Senigallia AN
+39 071 632 53


Orario di APERTURA

Lunedì:
07:00 – 24:00
Martedì:chiuso
Mercoledì:
07:00 – 24:00
Giovedì:
07:00 – 24:00
Venerdì:
07:00 – 24:00


07:00 – 24:00
Domenica:
07:00 – 24:00


La Cresciamia - GUBBIO                                                                       

Via Cavour, 23
06024 – Gubbio PG
+39 334 117 88 81
+39 075 3751509


Orario di APERTURA

Lunedì:12:00 – 15:0018:30 – 24:00
Martedì:12:00 – 15:0018:30 – 24:00
Mercoledì:12:00 – 15:0018:30 – 24:00
Giovedì:12:00 – 15:0018:30 – 24:00
Venerdì:12:00 – 15:0018:30 – 24:00
Sabato:12:00 – 15:0018:30 – 24:00
Domenica:12:00 – 15:0018:30 – 24:00





  LA CRESCIAMIA Via Camillo Benso Conte di Cavour 23
06024 Gubbio (PG)
italia
3486982272
valerio.mischianti@virgilio.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 10616

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Albergo Ristorante Terme

Situato ad Acquasanta Terme, l'Albergo Ristorante Terme offre un bar e un campo da tennis.

Tra i servizi di questa struttura figurano un ristorante, una reception aperta 24 ore su 24, un bancomat e il WiFi gratuito in tutte le aree.

L'hotel dispone di camere familiari.


Al mattino vi attende una colazione a buffet o all'italiana.


Come ospiti dell'Albergo Ristorante Terme potrete praticare varie attività a Acquasanta Terme e nei suoi dintorni, come il ciclismo e la pesca.


La struttura dista 19 km da Ascoli Piceno.


Foto
ristoranti Ristorante Orlando Dal 1960

Pizzeria e Braceria, locale SKY e DAZN, cucina casareccia

Foto
ristoranti Ristorante Gassa d'Amante di Antonio Malanga

Storia di una passione che si rinnova giorno dopo giorno con intensità. Dall’estate del due 2010 abbiamo dato vita ad un ristorante pizzeria, raffinato stile marinaro, nell’espressione più alta della cucina moderna.


Con amore e dedizione siamo riusciti a costruire quello che, da oltre 25 anni, è un posto ideale per chi sceglie di mangiare con saggezza.


Lo chef Antonio Malanga e alla ricerca degli ingredienti tipici del territorio, nella sua cucina crea innovazione e armonia dei sapori.

Le verdure selvatiche, il pescato giornaliero, la pasta fatta a mano, fanno di lui di direttore del vostro piatto.


Un elegante cucina a vista diventa il cuore di questo ristorante.
Aspettando di essere serviti al tavolo potrete vedere lo staff al lavoro e potrete capire che l’ingrediente che differenzia i piatti è la semplicità e l’esperienza di chi li realizza.


Ai colori del pomodoro pachino, del basilico fresco, dei carpacci sfilettati al momento, si aggiungono i profumi della mozzarella, del ciccio del pane fatto da noi.


Per chi ama il mare da noi può trovare carpacci (abbattuti per 24 ore a -18°) per garantire la massima igiene.
La tartare di pesce misto, i crostacei sfilettati, le zuppe, i sautè, il consommé e cosa che non può mancare mai:

i frutti di mare.

Foto
ristoranti Ristorante Berta

La storia della famiglia Berta è la storia del forno a legna che ancor oggi fa bella mostra di se nel retro del caratteristico ristorante.


Un forno a legna vecchio più di duecento anni che è forse uno degli ultimi in attività nel Canavese: testimone di un tempo lontano e di un’arte che va via via scomparendo soppiantata ormai da nuove tecnologie.
Nel 1945 in nonno Vittorio rilevò il negozio dal precedente proprietario e cominciò a lavorare tutte le notti facendo pane.
Un’attività che andò pian piano espandendosi mentre di pari passo aumentavano i clienti del ristorante fino a dover richiedere un grande ampliamento negli Anni 60, periodo in cui subentra alla gestione il figlio Giorgio.


Dal forno, utilizzato anche dalla gente del posto per infornare i loro impasti e dolci, uscivano pagnotte, zuppe saporite, pentole di fagioli, torcetti e paste di meliga. “Il forno a legna per la cottura del pane è senza dubbio il migliore”, racconta Giorgio Berta, “ma per ottenere buoni risultati il solo forno non basta. Io faccio il pane con il sistema che mi ha insegnato mio padre: farina, acqua, sale e lievitazione senza additivi e grassi; e lo stesso discorso vale per i dolciumi”.


La giornata di Giorgio è impegnativa: sveglia prima dell’alba per sfornare il pane di primo mattino per tutta Pertusio e i paesi vicini, poi in negozio per la vendita dei prodotti tipici alimentari incominciando già a pensare al pranzo perché (come anche oggi) arrivavano un centinaio di persone a gustare i manicaretti della famiglia Berta.


Nel 1997 la figlia Clara Berta si sposa con Antonino Presti ( "Tony" ) ed insieme rivoluzionano la cucina facendo diventare il ristorante Berta una tappa fissa per chi è alla ricerca della cucina del territorio rivisitata con originale e raffinata fantasia creativa che ripropone piatti della tradizione in chiave contemporanea combinando i sapori e giocando sui contrasti.
Piatti serviti con estrosità e simpatia nei rinnovati locali con foto d’epoca appese alle pareti e accompagnati da ottimi vini selezionati versati in calici di cristallo.