FRANCESCA E DANIELE ti aspettano per farti assaggiare ...il buon mangiare e il buon bere..il tutto in una rilassante atmosfera



PASSIONE IN CUCINA


Una passione per la cucina che nasce sin da bambina. Francesca aveva solo 4 anni quando ha capito che avrebbe voluto trascorrere la sua vita all’interno della cucina di un ristorante. Insieme a mamma Vittoria cucinava pasta fatta in casa per il pranzo della domenica.
La passione e l’entusiasmo sono cresciuti insieme alla voglia di imparare i segreti di questo incredibile mestiere e sperimentare nuove tecniche e piatti.

Finalmente a 24 anni è arrivata la prima occasione per mettersi in gioco con l’apertura del primo ristorante. Dopo 10 anni ha deciso di prendersi una piccola pausa, ma la mancanza del tram tram di fornelli e cucina ha prevalso.

Così ha deciso di creare un ristorante a conduzione familiare che desse l’opportunità di coccolare i clienti trattandoli come se fossero i propri ospiti.

“La Casa di Francesca” prende vita nel 2010. È un piccolo ma accogliente ristorante proprio sotto casa, lontano dalle rotte turistiche ma facile da raggiungere, immerso nella campagna tra Toscana e Umbria, vicino a Cortona e al Lago Trasimeno.


Quest’avventura imprenditoriale è stata condivisa con Daniele, giovane, appassionato e preparato maître e direttore di sala originario di Torre del Greco (Na), con un diploma all’istituto alberghiero Artusi di Chianciano Terme in tasca e un bagaglio professionale acquisto sul campo in lungo e in largo per l’Italia.

Oggi La Casa di Francesca non è solo un accogliente ristorante, ma anche un laboratorio creativo dove imparare a cucinare, sperimentare e divertirsi assaporando solo prodotti di primissima qualità e rigorosamente del territorio.


Una ricercata proposta gastronomica

TRADIZIONE E INNOVAZIONE


Il punto forte del ristorante La Casa di Francesca è la cura nella scelta delle materie prime per la realizzazione dei piatti proposti nel menù.

Chef Francesca seleziona scrupolosamente carni, salumi e formaggi di sola provenienza locale e nazionale con i quali prepara ricette della tradizione regionale umbra e toscana ma anche tante altre prelibatezze frutto di rielaborazioni personali e sperimentazioni sempre in equilibrio tra tipicità e ricercatezza.



Le migliori etichette nella nostra cantina

ASSORTIMENTO E QUALITA'


Un buon piatto deve essere sempre accompagnato da un vino degno di nota. È un legame a doppio filo che non va sottovalutato. La giusta etichetta, abbinata al giusto piatto riesce a farne risaltare le caratteristiche, senza rubargli la scena.

Nel ristorante La Casa di Francesca la cantina è ricca e ricercata con oltre 200 etichette. Sono disponibili le migliori tipologie nazionali e la carta è sempre aggiornata con le ultime novità in modo da proporre un assortimento che possa raccogliere il gusto di ogni cliente.

Un particolare spazio viene dedicato ai vini della zona di origine, dal Cortona Doc al Trasimeno Doc che esprimono sempre grande armonia e raccontando un territorio ricco di storia e tradizione.

  LA CASA DI FRANCESCA Loc. Ferretto Fraz La Piana 24
06061 Castiglione del Lago (PG)
italia
075953396
info@ristorantelacasadifrancesca.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 8183

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Ristorante Orlando Dal 1960

Pizzeria e Braceria, locale SKY e DAZN, cucina casareccia

Foto
ristoranti Trattoria Alpina

Trattoria & Osteria: accogliente e pensata per farvi assaporare i prodotti del nostro Territorio, come a Casa.

Trattoria gestita dalla Cooperativa di Comunità I Raìs.

Prodotti tipici del Terrtorio, delle nostre Aziende Agricole e di stagione.

Foto
ristoranti Le Piemontesine

Ci sono un sacco di piccoli miracoli nella ristorazione e nell’hotellerie italiana. E più in particolare, in quelle piemontesi. Miracoli che son, bisogna dirlo, spesso figli delle crisi che ha spinto molti giovani a reinventarsi, e creare nuovi modelli o a esplorare nuovi territori, lanciandosi in sfide da far tremare i polsi.


La sfida qui l’hanno lanciata due ragazzi francesi. Lui si chiama Jerome Migotto, la sua compagna e factotum Charlotte. Stavano in un posto niente male, Parigi dove lui ha girovagato tra le cucine dei più famosi ristoranti tristellati a imparare dagli chef più à la page (Yannick Alleno, tanto per citarne uno) come tirare una salsa o cuocere alla perfezione una carne o un pesce. Charlotte però discendeva da una famiglia che viveva sulle colline della Langa Monregalese, una zona bellissima dal punto di vista naturalistico, ma non proprio al centro del mondo. Erano gli avi di Charlotte per la precisione di San Luigi la frazione di un piccolo paese dell’Alta Langa, Igliano. E qui i due ragazzi francesi si sono trasferiti e hanno recuperato un vecchio edificio semiabbandonato trasformandolo in un hotel a quattro stelle. Da oltre vent’anni a San Luigi però non esistevano più attività commerciali. Loro hanno scelto comunque di privilegiare gli artigiani e le aziende locali, realizzando un edificio ad alta efficenza energetica, adeguato all’architettura locale con archi a vista e conservando e ristrutturando due antichi forni con tetti in ciappe che si trovano proprio davanti all’ingresso dell’hotel. E che vengono usati per pane e cucina.


Dopo 5 anni di lavoro hanno aperto: dieci camere e una suite con vista panoramica sull’intero arco alpino piemontese.

E, finalmente ci siamo arrivati, al piano terreno dell’hotel c’è il ristorante. Moderno, elegante e soprattutto molto buono. La cucina (la definizione davvero azzeccata è su Tripadvisor) “unisce la saggezza della cucina francese e la concretezza piemontese”. Qualche piatto: salmone affumicato in casa, uovo su dadolata di zucca con tartufo estivo, ravioli di vitello con ratatouille alla nizzarda scampi arrosto e riso venere, una tradizionale guancia al vino rosso, perfetta. Migotto è anche un ottimo pasticcere, e Charlotte in sala vi aiuterà anche nella scelta del vino in una carta piccola ma completa. La spesa è l’ultimo regaolo. Menu a 32 euro, alla carta poco di più


Foto
ristoranti Trattoria Del Volante

Fondato nel 1977, da Arduino e la moglie Ester.


All’inizio era poco più di una baracca in legno e offriva ai soli operai della zona due soli piatti: pasta e fagioli e galletto alla brace.


Con il passare degli anni e l’aumentare dei clienti le esigenze di spazio sono cresciute, subendo varie ristrutturazioni e ampliamenti. Oggi, la Trattoria gestita dal figlio Gianluca e dalla moglie Tania ha tre sale: una interna ampia e spaziosa, un’altra sala ben illuminata costruita nel 2008 completamente in legno e vetro ed infine una piccola verandina, aperta solo per la bella stagione molto intima e graziosa.


Negli anni la Trattoria del Volante ha attirato oltre a operai e camionisti anche famiglie, comitive di amici, uomini d’affari e turisti essendo posizionato in un punto strategico a soli 500 metri dall’uscita autostradale Pescara Ovest e a pochi minuti di macchina dal mare e dalla montagna.


La cucina è tipicamente abruzzese, troviamo le classiche penne all’arrabbiata, pasta e fagioli, carne alla brace e i famosi Arrosticini di pecora o se si predilige il pesce chitarrina allo scoglio, soutè di cozze e vongole e frittura o zuppa di pesce cotta negli appositi tegami come vuole la tradizione in modo da poterci “tuffare dentro” una volta terminata dei favolosi spaghetti.


I piatti sono tanti e vari, almeno un paio di volte a settimana possiamo trovare il famoso Maialino al forno con patate e le succulenti sagne e ceci ai frutti di mare, entrambe protagoniste della trasmissione con Chef Rubio di “camionisti in trattoria2” andata in onda nel novembre 2018