getCompanyVOById(10068811)
Il Galeone - Braceria dal 1900

Locale unico nel suo genere che si affaccia sul Lungomare di Mola di Bari.
Cucina tipica pugliese, ricette di carne e di pesce preparate alla brace.


Braceria tipica sul folcloristico lungomare di Mola di Bari, dove è possibile gustare specialità tipiche pugliesi, gran varietà di tipologie di carni e prodotti ittici rigorosamente cotti alla brace.


La struttura e il personale competente sono disponibili per cene, buffet, finger food da asporto e soprattutto pronti ad accogliere ogni tipo di richiesta.


Servizio di consegna a domicilio dalle ore 12:00 fino alla chiusura




  IL GALEONE - BRACERIA DAL 1900 Lungomare Dalmazia 30
70042 Mola di Bari (BA)
italia
3453982367
salvatorecassano77@gmail.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 11377

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
agroalimentare La Zaira

"La Zaira è una piccola azienda situata al di fuori del centro storico di Gradisca d’Isonzo, uno dei borghi più belli d’Italia, e ha una storia quasi centenaria, che risale al 1930 quando Attilio Lorenzon con la propria famiglia prendi in gestione i poderi di Marizza, situati in Borgo Viola con contratto di mezzadria.

Proprio qui, “nella casa davanti al recupero”, negli anni ’50 Luciano, il figlio, avvia l’attività di “privata” che prevedeva la sola mescita di vino e uova sode. Negli anni 60 fu uno dei primi a servire accanto al vino di propria produzione anche affettati ed in particolare il cotechino, tutt’oggi prodotto simbolo della nostra attività.


Dietro al bancone una certezza è la moglie Zaira, che con il tempo e la particolarità del nome diviene il simbolo dell’attività, conosciuta e successivamente nel 2019 ribatezzata anche su carta La Zaira.


Nel 1997 l’attività si trasferisce in Borgo Tintor, con ufficiale licenza di agriturismo e oggi viene gestita in sinergia da tutta la famiglia: assieme a Luciano e Zaira, le figlie Paola e Gianna con i mariti Lucio e Ariano e le nipoti Erika, Melissa e Martina.


L’azienda conta 13 ettari, suddivisi in seminativo atti alla produzione di cereali, e in vigneto.
I vini serviti sono di produzione propria, vengono prodotti 3 bianchi: Malvasia,Pinot Bianco, un uvaggio a base di Friulano “Misturòn di Blanc”; 2 rossi: il “Misturòn di Neri” uvaggio di Merlot e Cabernet Franc e lo stesso uvaggio passato per 12 mesi in legno e uno spumante a base di Pinot Bianco.


Dal 2020 avrà inizio anche la produzione di birra agricola, in associazione con la rete ASPROM.

 Il portafoglio prodotti aziendale offre anche una produzione di carne derivante dall’allevamento suinicolo: cotechino, salsicce, salami, marcundelle, pancette che possono esser acquistati direttamente presso il punto vendita aziendale o, come nel caso del cotechino e dei salumi consumati in agriturismo.


L’agriturismo offre un’atmosfera accogliente e famigliare dove passare un pomeriggio in compagna e consumare i piatti caldi della tradizione friulana durante il periodo invernale potrete trovare cotechino con brovada, trippe, goulash con polenta, fegato, salame con l’aceto e baccalà tutti da provare e accompagnare con il nostro vino.


Vi aspettiamo!!"

Foto
ristoranti Le Piemontesine

Ci sono un sacco di piccoli miracoli nella ristorazione e nell’hotellerie italiana. E più in particolare, in quelle piemontesi. Miracoli che son, bisogna dirlo, spesso figli delle crisi che ha spinto molti giovani a reinventarsi, e creare nuovi modelli o a esplorare nuovi territori, lanciandosi in sfide da far tremare i polsi.


La sfida qui l’hanno lanciata due ragazzi francesi. Lui si chiama Jerome Migotto, la sua compagna e factotum Charlotte. Stavano in un posto niente male, Parigi dove lui ha girovagato tra le cucine dei più famosi ristoranti tristellati a imparare dagli chef più à la page (Yannick Alleno, tanto per citarne uno) come tirare una salsa o cuocere alla perfezione una carne o un pesce. Charlotte però discendeva da una famiglia che viveva sulle colline della Langa Monregalese, una zona bellissima dal punto di vista naturalistico, ma non proprio al centro del mondo. Erano gli avi di Charlotte per la precisione di San Luigi la frazione di un piccolo paese dell’Alta Langa, Igliano. E qui i due ragazzi francesi si sono trasferiti e hanno recuperato un vecchio edificio semiabbandonato trasformandolo in un hotel a quattro stelle. Da oltre vent’anni a San Luigi però non esistevano più attività commerciali. Loro hanno scelto comunque di privilegiare gli artigiani e le aziende locali, realizzando un edificio ad alta efficenza energetica, adeguato all’architettura locale con archi a vista e conservando e ristrutturando due antichi forni con tetti in ciappe che si trovano proprio davanti all’ingresso dell’hotel. E che vengono usati per pane e cucina.


Dopo 5 anni di lavoro hanno aperto: dieci camere e una suite con vista panoramica sull’intero arco alpino piemontese.

E, finalmente ci siamo arrivati, al piano terreno dell’hotel c’è il ristorante. Moderno, elegante e soprattutto molto buono. La cucina (la definizione davvero azzeccata è su Tripadvisor) “unisce la saggezza della cucina francese e la concretezza piemontese”. Qualche piatto: salmone affumicato in casa, uovo su dadolata di zucca con tartufo estivo, ravioli di vitello con ratatouille alla nizzarda scampi arrosto e riso venere, una tradizionale guancia al vino rosso, perfetta. Migotto è anche un ottimo pasticcere, e Charlotte in sala vi aiuterà anche nella scelta del vino in una carta piccola ma completa. La spesa è l’ultimo regaolo. Menu a 32 euro, alla carta poco di più


Foto
ristoranti Samarè

Chi siamo

Samarè è una piccola famiglia che decide di dar vita a questo ristorante nel 2015 accomunati dall’amore per la ristorazione. Papà Giacomo è colui che ha trasmesso questo amore, la moglie e i figli l’hanno coltivato grazie a lui. Lui è l’anima del ristorante, è colui che ha deciso che all’interno del ristorante la cosa che non deve mancare mai è la qualità prima di ogni altra cosa, il rispetto e la gentilezza verso il cliente; è per questo che si dedica all’acquisto dei prodotti, non tralasciando niente, anzi, stando attento ad ogni minimo dettaglio, e se c’è una cosa che ama fare più di tutte è il crudo mare; Non a caso viene preparato solo ed esclusivamente da lui con una cura attenta e minuziosa. Poi c’è mamma Dora, che è uno dei pilastri fondamentali perché grazie alla sua passione per la cucina rende i nostri piatti, insieme alle mani esperte dello chef, semplici e allo stesso tempo raffinati. E infine ci sono i figli, che sin da subito hanno intrapreso questo cammino con entusiasmo, e sono l’anima giovane del locale, quella che lo mantiene sempre vivo, pieno di novità e grandi aspettative. Grazie alla passione per i vini di Leo, il Samarè offre una cospicua carta dei vini con 150 etichette che cercano di ricoprire varie referenze in tutto il mondo.


Ristorante
l Samarè offre una cucina prevalentemente marinara, con crudo mare, carpacci, tartare e pescato locale giornaliero, ma presenta anche piatti di terra, ricercando anche in essi la qualità. Il ristorante è aperto sia a pranzo che a cena.

Ricevimenti

Il ristorante presenta due ampie sale, che offrono la possibilità di svolgere qui da noi il tuo evento.
Il ristorante è circondato da ampi spazi verdi ed offre una meravigliosa vista mare.
È possibile effettuare qualsiasi tipo di ricevimento, dal compleanno al matrimonio, con la possibilità in base al periodo, di usufruire degli spazi esterni o interni.
Non c’è un menù fisso e una modalità predefinita, ma il tutto viene concordato e stilato con il titolare, in base alle esigenze e idee del cliente.


Pizzeria

La pizzeria del Samarè resta ancorata a quei sapori semplici e autentici delle vecchie tradizioni e allo stesso tempo ricerca il “particolare” che è possibile ritrovare all’interno delle pizze GOURMET. L’impasto della pizza è salutare ed eco-sostenibile realizzato con farina di grano tenero MACINATA A PIETRA prodotta a Km0, ed ha una lievitazione di 48 ore.