Il Buon Gusto, esercizio a conduzione famigliare, nasce nel 1990 a Chivasso (TO).


Il nostro negozio è specializzato nella vendita di prodotti alimentari di livello. Sicuri di fornirvi un esperto servizio, vi invitiamo a visitare il nostro sito e ..... ovviamente il nostro negozio di Chivasso!




ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 10099

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
agroalimentare Unifruit Srl

Coltiviamo il tuo benessere

Foto
aziende agricole Azienda Agricola Bruno Sodano

L’azienda agricola Bruno Sodano è una piccola realtà agricola tramandata da generazione.


La superficie complessiva è di circa 6 ettari ,parte in fitto e parte di proprieta. Da circa venti anni l'azienda ha adottato un metodo di coltivazione sostenibile e le principali specie coltivate sono varietà tradizionali  orticole campane  in via di estinzione tra le quali ci sono:


- Pomodoro San Marzano (ecotipo 20 SMEC), 
-Peperone Papaccella napoletana gialla e rossa, 
-Zucca lunga di Napoli, 
-Zucchino San Pasquale, 
-Scarola riccia Schiana, 
-fagiolo Cannellino Dente di Morto, 
-cavolo Torzella, 
-Broccolo San Pasquale, ecc.. 
-Cannellino Rosso di Suessola
-Pomodorino Giallo Giaggiù


La coltivazione di tali prodotti viene fatta con operazioni quasi del tutto manuali rispettose dell'ambiente e dell' integrità del prodotto. 


Fa parte della rete degli Agricoltori Custodi della Regione Campania ed è produttore di alcuni Presidi Slow Food: Antichi pomodori di Napoli, Peperone Papaccella napoletana, Fagiolo Cannellino Dente di Morto, Pisello Centogiorni.


Ha partecipato al progetto gli “Orti Di Napoli”(camera di commercio) per il recupero del germoplasma ortivo di cinque prodotti; 


Collabora con l Università Agraria di Portici per il recupero di specie tradizionali 


Organizza visite guidate in azienda attraverso istituti scolastici;


Partecipazione attiva a fiere e mercatini nazionali ed internazionali come : Salone Del Gusto Slow Food,Expo, ecc…


Collabora con le amministrazioni locali per valorizzare i prodotti del territorio.


Membro del consiglio Nazionale Slow Food


Rappresentante di zona per la coldiretti: zona Pomigliano d ‘arco- marigliano


Partecipa come Esperto Esterno a PON con l istituto scolastici


Grazie all’impegno dell’azienda per la salvaguardia di varietà in via di estinzione e alla salvaguardia della biodiversità ha suscitato l’interesse con la conseguente partecipazione a trasmissioni televisive come:Linea verde,Mela Verde,Report e a servizi del Tg5 e Tg3



Foto
aziende agricole Azienda Agraria - Frantoio Oleario Federico Bonifazi

L'azienda agricola


Casale la Forca

Il Casale si trova a ridosso del lago di Piediluco, in cima ad una verde vallata costituita prevalentemente da terreni seminativi. Qui grazie al particolare microclima, si pratica un'agricoltura di montagna e si producono cereali e  legumi: farro, i fagioli, lenticchie e foraggio per il nostro bestiame. Nei boschi limitrofi si raccolgono i preziosi tartufi neri, tipici della Valnerina.


Casale S. Lorenzo

Il Casale si trova ad un altitudine di circa 300 metri. Qui hanno dimora gli uliveti dell'Azienda. La cultivar principale è il Moraiolo, seguito dalle varietà Frantoio e Leccino. Presso il podere San Lorenzo alleviamo il bestiame bovino di razza Chianina che è mantenuto allo stato brado tutto l'anno e che fornisce il concime organico per gli uliveti.


La nostra storia

Il primo frantoio della famiglia Bonifazi fu realizzato agli inizi del '900 da Federico Bonifazi, bisnonno degli attuali proprietari. In quel periodo egli macinava le proprie olive in un frantoio della zona ma a seguito degli eventi bellici, l'allora proprietario del frantoio, al termine della molitura, gli negò la restituzione dell'olio che aveva in deposito. Federico Bonifazi, indignato per il fatto, si costruì con molti sacrifici un piccolo frantoio per molire esclusivamente le olive provenienti dai suoi terreni.

Negli anni successivi, la gestione del frantoio fu ereditata dai figli Paolo ed Alberico che introdussero la lavorazione conto terzi, acquistarono nuovi uliveti e migliorarono la qualità del prodotto introducendo delle innovazioni nel processo produttivo.

La vere svolta si ebbe nel 1968 quando i cugini Federico e Pietro sostituirono gli anziani genitori nella gestione del frantoio e fu proprio in quell'anno che sostituirono il vecchio frantoio a macine con un impianto a ciclo continuo Rapanelli. I tempi di lavorazione delle olive si accorciarono sensibilmente e la qualità dell'olio ne giovò enormemente.

Con il passare degli anni Pietro decise di lasciare la gestione del frantoio, la quale venne interamente rilevata da Federico Bonifazi e da sua moglie Augusta. La quarta generazione della famiglia Bonifazi è rappresentata da Alba e Paolo, figli di Federico che, insieme ai genitori, gestiscono tuttora il frantoio.