getCompanyVOById(10070588)
Frutta Bello Srl

Una tradizione che si tramanda da tre generazioni

“Dimenticare come zappare la terra e curare il terreno significa dimenticare se stessi.”
MAHATMA GANDHI


Su questo principio e sull’amore per la terra ed i suoi frutti che l’Azienda Biologica FRUTTA Bello s.r.l. fonda le sue radici a Massafra in provincia di Taranto, un territorio ridente al settore agricolo, con una tradizione che si tramanda da tre generazioni.


L’azienda si estende su una superficie di circa 60 ettari, suddivisi principalmente in coltivazioni di olive da mensa e da frantoio e di agrumi quali clementine, arance, limoni e lime.


La conduzione è interamente famigliare e cura tutta la filiera del prodotto, dalla preparazione delle terre al raccolto, passando per la trasformazione e il confezionamento, garantendo sempre la certezza di severi controlli durante tutte le fasi.


FRUTTA Bello s.r.l. effettua il trasporto dei prodotti nelle zone limitrofe con mezzi propri e si avvale di compagnie di spedizioni per consegne in tutt’Italia.


Oltre alla conduzione dei propri terreni acquista per conto terzi commercializzando i vari prodotti, selezionando i migliori produttori della zona.




  FRUTTA BELLO SRL Via La Rotonda 19
74016 Massafra (TA)
italia

CONTATTACI


3396364264
info@fruttabello.it

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Azienda Agricola Podere Gaiaschi

L’azienda agricola della famiglia Gaiaschi nasce dall’unione di due poderi loc. Roncona e loc. Cà di Sotto e vanta una lunga tradizione le cui origini risalgono ai primi anni Trenta.


Allora il nonno Luigi curava i suoi terreni, coltivandoli a fieno, cereali e viti e vinificando quel tanto che bastava alle esigenze della famiglia. Fu grazie al suo lavoro che l’azienda nel 1961 è passata a uno dei figli di Luigi, Enrico, che ha portato avanti la tradizione di famiglia, dando all’azienda un impostazione maggiormente vitivinicola.


Nel 1999 il figlio di Enrico, Gabriele, dopo la scomparsa del fratello Davide, con una grande forza, decide di continuare con passione elaborando uno stile dinamico e intraprendente nella conduzione dell’Azienda che nel 2008 viene chiamata PODERE GAIASCHI. L'azienda occupa una superficie di 35 ettari di cui 5 a vigneto, 3 dedicati alla silvicoltura e 27 coltivati a fieno con rotazione di cereali.


Oggi l’azienda è gestita da Gabriele e dalla moglie Monica che per seguire il sogno del marito ha lasciato il suo lavoro ed è diventata imprenditrice agricola. Insieme i due hanno deciso di trasformare l’antica stalla di Cà di Sotto in una modernissima cantina per la lavorazione e la produzione del vino puntando sulla qualità e la specificità del prodotto.


L’attenta scelta dei vigneti più adatti al terreno, la favorevole esposizione al sole, una bassa resa per ettaro, la cura sapiente dei vigneti e l’accurata selezione delle uve in vendemmia, unite alla raccolta manuale, permettono di ottenere vini pregiati e genuini.


CONCORSI 2019


Concorso Vinitaly2019  wine without walls vino premiato:

BARBERA FERMO COLLI PIACENTINI   D.O.C. SENZA SOLFITI AGGIUNTI


 Concorso Mondial du Rosé Francia MEDAGLIA D’ORO  vino premiato:
 ERCOLINO ROSATO FRIZZANTE


Concorso Douja d’Or di Asti MEDAGLIA D’ORO vino premiato:
RICO ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI SPUMANTE D.O.C.


CONCORSI ENOLOGICI NAZIONALI PRAMAGGIORE 2019 MEDAGLIA D’ORO   vini premiati:
RICO ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI SPUMANTE D.O.C.
ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI FRIZZANTE D.O.C.
MALVASIA FRIZZANTE COLLI PIACENTINI D.O.C.


Concorso Enologico Nazionale “Premio Qualità Italia 2019”  Città Sant’Angelo (PE), vino premiato :
‘IL DIAMANTE DI SILVIA BARBERA FRIZZANTE D.O.C. SENZA SOLFITI AGGIUNTI


Concorso Enologico Nazionale Menzione Nazionale Città Sant’Angelo (PE), vini premiati:

‘IL DIAVOLETTO DI MATTEO BONARDA FRIZZANTE DOC  SENZA SOLFITI AGGIUNTI
‘GUTTURNO FRIZZANTE DOC’,
‘MALVASIA FRIZZANTE DOC COLLI PIACENTINI’

‘ORTRUGO DEI COLLI PIACENTINI DOC FERMO’


Foto
aziende agricole Società Agricola Siddura Snc

Società Agricola Siddura Snc
Dalla Sardegna la storia di Siddùra, nove vini per raccontare un'isola


Dalla fusione tra l'esperienza di un industriale tedesco e la profonda conoscenza del territorio e del mercato di un imprenditore sardo, è nata l’azienda vinicola Siddùra, che fin da subito ha dimostrato di voler fare sul serio proponendo sul mercato una linea con otto vini di altissima qualità. La tenuta è immersa in una valle circondata dal granito, protetta dai forti venti di maestrale e accarezzata dalla brezza marina. La cantina è nata intorno al suo fulcro: un edificio modello anfiteatro che sfrutta le potenzialità geotermiche.


Siddùra, Sardegna in Purezza – Vini nobili e generosi per natura –
Lo slogan dell’azienda, “Sardegna in purezza“ rappresenta la filosofia imprenditoriale dell’azienda che ama combinare tradizione e innovazione. Un matrimonio felice che genera vini di alta qualità, ricchi di fascino.


Alcune curiosità…
Siddùra investe molto nella comunicazione: è tra prime cantine social a livello internazionale. Il pubblico viene raggiunto attraverso numerosi canali, tradizionali e innovativi.


La rivoluzione: vini bianchi che vengono lavorati come se fossero rossi
Siddùra ha fatto proprio un concetto rivoluzionario: creare un Vermentino longevo che migliora dopo un anno di invecchiamento. In sostanza l'azienda applica ai vini bianchi lo stesso tipo di lavorazione che subiscono i rossi.


La coltivazione tradizionale con metodi innovativi
Siddùra ha creato dei sistemi che incidono sulla qualità del prodotto e investito in un sistema di irrigazione innovativo, ideato in Israele, che consente di dare alle piante l’acqua di cui esse necessitano. Il controllo avviene attraverso una rete di sondine collegate ad un cervellone.


L’ azienda vinicola Siddùra, fondata dalla famiglia Gottesdiener e amministrata da Massimo Ruggero,  propone sul mercato una linea con nove  vini di altissima qualità. Il valore aggiunto, riconosciuto dai proprietari, è il “terroir”. La tenuta è immersa in una valle circondata dal granito, protetta dai forti venti di maestrale e accarezzata dalla brezza marina. Il connubio tra i fattori climatici e la specificità del terreno a disfacimento granitico conferiscono ai vini una mineralità particolare che, già negli anni ’70, era nota agli anziani proprietari terrieri. La cantina è nata intorno al suo fulcro: un edificio modello anfiteatro, completamente interrato, che sfrutta le potenzialità geotermiche del luogo e vanta un innovativo sistema di controllo per la fermentazione dei singoli serbatoi. Oggi, con le opere di ammodernamento, realizzate senza modificare il microclima, la tenuta si estende per duecento ettari. I vigneti, concentrati in circa quaranta ettari, sono suddivisi in base al tipo di vino che si è deciso di produrre.


Lo slogan dell’azienda, “Sardegna in purezza”, considerato dai proprietari come un sigillo di garanzia, rappresenta la filosofia imprenditoriale che ritorna spesso nei racconti e nelle foto di Siddùra: dalla conservazione del vecchio stazzo, oggi impiegato per accogliere arte e ospiti, alla cantina interrata costruita riutilizzando le stesse pietre emerse durante lo scavo, alla purezza dei vini autoctoni prodotti nella valle e nei terreni che Siddùra detiene in altre zone della Sardegna. Per l’amministratore delegato, Massimo Ruggero, l’obiettivo dell’azienda è quello di conquistare il mercato attraverso un lavoro di qualità. “Il mercato – sottolinea Ruggero - riconosce l’eccellenza e la premia”. A proposito di premi, i vini targati con la S maiuscola, hanno conquistato oltre 450 medaglie nei più autorevoli concorsi enologici nazionali e internazionali.


Negli ultimi anni i vini della cantina gallurese hanno vinto il primo premio, e quindi la medaglia d'oro, al Decanter World Wine Award, al Mundus Vini, al Berliner Wein Trophy, al 5StarWines – Vinitaly e i Tre Bicchieri del Gambero Rosso e sono stati recensiti dalla Bibbia mondiale del vino, il sito e la rivista targate Wine Advocate – Robert Parker. La cantina ha iniziato a volgere lo sguardo all’orizzonte aprendosi ai nuovi e affascinanti mercati esteri, che iniziano a mostrare curiosità e interesse nei confronti del marchio Siddùra.



                                           Siddùra -Sardegna in Purezza – Vini nobili e generosi per natura -


SPÈRA– VERMENTINO DI GALLURA DOCG
La vicinanza al mare, il clima mediterraneo, il granito della Gallura, sono gli ingredienti che danno origine a Spèra, un bianco fresco e profumato. E’ il risultato di un’accurata selezione dei grappoli effettuata durante la vendemmia. Il suo bouquet racconta l’unicità del terroir. Alla vista si presenta con un bel giallo paglierino, con caratteristici riflessi verdolini. Al naso è fine e intenso, con delicate note fruttate di agrumi e macchia mediterranea a completare il bouquet. Sorprende per l’equilibrio perfetto e la piacevole persistenza.
Medaglia di platino al Decanter Asia Wine Awards. Pluripremiato dalla critica internazionale.


MAÌA  – VERMENTINO DI GALLURA DOCG SUPERIORE
È il primo vino nato in cantina da un’accurata cernita dei migliori grappoli. Il particolare tipo di terreno e il  microclima ottimale, hanno contribuito a realizzare Maìa, un Vermentino che, come evoca il nome, “sa di Gallura”. Le uve, accuratamente selezionate, dopo la  diraspatura, vengono raffreddate e lasciate in macerazione in un serbatoio di acciaio prima di essere pressate. Questo consente di estrarre i preziosi precursori aromatici contenuti nelle cellule delle bucce. Al naso è armonico e delicato, alla bocca è minerale e sapido.
Tre Bicchieri Gambero Rosso, medaglia d’oro al Decanter. Corona Vini Buoni di Italia 2019/2020/2021
La critica: “Un fuoriclasse tra i vini bianchi”


BÈRU– VERMNETINO DI GALLURA DOCG SUPERIORE
Questo vino rappresenta la voglia di sperimentare che si respira in tutta l’azienda. La nostra sfida è dimostrare che il Vermentino è un vitigno “versatile”. Pur sottoponendolo a diversi tipi di lavorazioni, mantiene sempre la propria identità che lo hanno fatto conoscere ed apprezzare in tutto il mondo. Abbiamo, quindi, voluto dedicare un angolo della cantina all'élevage en barrique. Al naso spiccano la pesca e la mandorla amara e al palato risaltano le note di frutta tropicale con un finale cremoso. In bocca è setato, strutturato, corposo.
Medaglia di platino al Decanter con 97 punti. La critica: “Vermentino rivelazione, stupendo!”


NUDO -  CANNONAU DI SARDEGNA DOC ROSATO
Frutto di anni di ricerca e di sperimentazioni, un Cannonau rosé dai profumi inebrianti e dal colore accattivante che ne invoglia la bevuta. Perfetto connubio tra tradizione e innovazione in campo viticolo ed enologico, dove si mettono in atto tutta l’esperienza e le strategie per esaltare i profumi prima nell’uva e quindi nel vino, regalando un prodotto giovane e fresco da assaggiare fin da subito. Le uve cannonau, appena raccolte vengono immediatamente separate dalle bucce.

Medaglia d’oro al Grenaches du Monde; diamante all’International Rosè Wine Competition


FÒLA– CANNONAU DI SARDEGNA DOC RISERVA
Fòla è per l’essenza del Cannonau. Vigneti che la cantina segue direttamente dal punto di vista agronomico, monitorando la maturazione della buccia e la gradazione attraverso analisi sensoriali e di laboratorio. Questo vitigno ha trovato in Sardegna il suo habitat ideale e soltanto in questa terra raggiunge quella ricchezza aromatica e polifenolica che lo rendono a pieno titolo il principe di tutti i rossi dell’Isola. Un vino complesso, caldo e ricco in estratto. In versione “Riserva” raggiunge la massima espressione.


Medaglia d’oro al Grenaches du Monde; 92 punti Luca Maroni. La critica: “Fòla è l’anima della Sardegna”

Oro al Concours Mondial de Bruxelles e Premio Qualità Italia


BÀCCO– IGT CAGNULARI 100%
Il nostro Cagnulari è un vino raro e particolare, le uve provengono da una piccola area della Sardegna e vengono lavorate con il metodo Siddùra: estrema attenzione durante tutte le fasi di coltivazione. Intrigante al naso per i suoi marcati profumi di ciliegia marasca, con un bellissimo colore rubino intenso e dal gusto   pieno e avvolgente, Bàcco è dedicato a quanti vogliono essere appagati da un vino raro e unico nel suo genere. Adorato dalla critica, stupisce e seduce.
92 punti James Suckling e Luca Maroni, oro al Mundus Vini. Premio Qualità Italia, La critica: “Un grande vino”


TÌROS – IGT SANGIOVESE E CABERNET SAUVIGNON
La Regione Sardegna con i suoi scenari unici e paesaggi incantati, non è solo terra per grandi vini rossi da uve autoctone, ma è oggi riconosciuta anche per il grande valore del proprio terroir, ideale per la coltivazione di varietà sia nazionali che internazionali, in grado di dar vita a vini di straordinaria struttura ed eleganza, come il Tìros. Uve che la cantina lavora con cura per ottenere un blend armonico e persistente. Un vino importante e da lungo affinamento, che non poteva mancare per completare, con il suo prestigio, la ricca gamma dei vini prodotti a Siddùra.
Annata 2013 nella top 100 dei vini migliori del mondo. La critica: “Uno spettacolo di potenza dell’uva di Sardegna”


NÙALI  – MOSCATO DI SARDEGNA DOC PASSITO 100%
Siamo in prossimità della costa nord dell’isola, sui pendii delle colline che guardano verso il mare. Sono terreni prevalentemente sabbiosi, ben ventilati, ideali per l’appassimento su pianta di quest’uva, il moscato, che raggiunge in queste condizioni una così grande concentrazione del frutto, da permettere la produzione della tipologia Passito. Un vino dolce, mai stucchevole, perfetto in chiusura di pasto e sorprendente anche in abbinamento ai formaggi.
Medaglia d’oro al Decanter con 95 punti; Vinous di Antonio Galloni, 93 punti.
Nominato Wine of The Year dal Decanter (settembre 2020) La critica: “Perfetto”.




Foto
agroalimentare Querce Bettina

Querce Bettina è un'azienda a conduzione familiare che nasce nel 1992 ed è  situata nel versante Sud-Ovest del Comune di Montalcino, ad un'altitudine di circa 440 metri.


Nel 1999, Sandra e Roberto, i proprietari, decisero di impiantare due ettari e mezzo di preziosa vigna coltivati al 100 con Sangiovese (Brunello), desiderosi di far nascere da quelle terre ricche di argilla e marna siltosa mista ai galestri e ai palombini, il Rosso ed il Brunello di Montalcino Querce Bettina. Oggi, a distanza di qualche anno, quel desiderio è diventato realtà e


Querce Bettina firma il suo Rosso di Montalcino DOC e nel 2009 ha presentato il suo primo Brunello di Montalcino DOCG.
La gamma dei prodotti di Querce Bettina si completa con la produzione di Olio Extravergine di Oliva e con la Confettura Extra di Uva di Brunello.


Questa magica e misteriosa terra ha mantenuto la promessa fatta a Sandra e Roberto regalando frutti generosi nei profumi e nella forza.

Foto
aziende agricole Azienda Agricola Le Saiotte - Prodotti Caseari della Valle Camonica

L' azienda agricola "Le Saiotte" di Sacellini Melissa posta ai piedi delle montagne, con i prati che le fanno da cornice, nasce nel 2005.

E' una piccola azienda a conduzione familiare che si trova in località Saiotte nel Comune di Berzo inferiore in provincia di Brescia.

Qui con passione alleviamo bovini da latte e produciamo formaggi locali di ottima qualità.


Le parole chiave che ci contraddistinguono sono:
tradizione, innovazione, trasparenza, passione, identità, conoscenza e territorio.


TRADIZIONE: abbiamo voluto mantenere i vecchi metodi di lavorazione e stagionatura per non alterare gusti e sapori.

INNOVAZIONE: abbiamo affiancato ai metodi tradizionali nuove tecniche e strumenti previsti dalle normative comunitarie.

PASSIONE: pratichiamo il nostro lavoro con amore senza contare le ore, creando un rapporto "amichevole" con i nostri animali.

IDENTITA': Abbiamo voluto creare il nostro marchio per differenziarci e dimostrare il legame che abbiamo con la zona dove risediamo.

CONOSCENZA: siamo sempre attenti a recepire le nuove normative frequentando aggiornamenti.

TERRITORIO: disponiamo di quasi l'80% di foraggio necessario per l'alimentazione dei nostri animali. Grazie anche alla pratica dell'alpeggio estivo gli animali riescono infatti a essere liberi oltre 7 mesi l'anno contribuendo così alla salvaguardia dell'ambiente.
Abbiamo subito sposato la teoria del Km 0, cioè dal produttore al consumatore, crecando di proporre la qualità e non la quantità e questa teoria la estendiamo anche nel nostro allevamento in quanto gli animali devono nascere e crescere nella nostra azienda.