Cosi come tutto il territorio della Puglia è inciso dalle cosiddette lame (solchi torrentizi di origine carsica, percorse per secoli dalle acque di ruscellamento superficiale) anche la proprietà della famiglia Barnaba, quella di contrada Stomazzelli, è caratterizzata fortunatamente da questo meraviglioso e tipico elemento paesaggistico. Non a caso questo “segno” naturalistico distintivo di cui vantarsi è correlato al nome dell’antica famiglia che possedeva la dimora, ossia i Taveri. Anche questa lama è poco profonda, breve e tortuosa (anche se spettacolare), come tutte quelle che sono diffuse sul versante adriatico e presenta un tipico profilo ad “U”, creatosi per una ridotta altezza delle pareti e per un fondo largo e piatto. Le acque, che hanno scavato le lame, scorrono oggi nel sottosuolo e sfociano con sorgenti carsiche in prossimità del mare o in mezzo alle sorgenti marine. La presenza di acque nelle lame, proprio per l’elevata penetrabilità dei terreni, è riscontrabile oggi solo in occasione di precipitazioni intense. Anche nelle proprietà della famiglia Barnaba, i fianchi della lama non sono particolarmente ripidi e sono scanditi su ampie gradinate a varie altezze. Inoltre, si scorgono terrazzamenti, porzioni di antichi fondi valle e testimonianza di una fase di scarsa erosione, mentre i salti tra di essi sono il risultato di fasi di intensa erosione.


Ideale per una passeggiata

Il fondo della lama si presenta poi ampio e pianeggiante, adatto quindi ad essere coltivato o a lasciar liberi animali al pascolo o godersi delle salutari camminate. Le condizioni climatiche, la morfologia, le presenza di terra fertile sul fondo, di grotte carsiche lungo i fianchi tufacei delle lame, hanno fatto di questi siti degli ambienti peculiari anche dell’agro monopolitano, da sempre, come ci ricordano tante testimonianze storiche, luoghi privilegiati per l’insediamento. Lo confermano i numerosi insediamenti rupestri, in parte siti in grotte carsiche e in parte scavati nei fianchi tufacei della lama, i terrazzamenti delimitati dai muretti a secco per le colture arboree, la presenza vicina di masserie fortificate o dimore storiche, con trappeti e ovili in grotta, presenti lungo i cigli delle lame. All’interno della lama sono intervallati tratti in cui è ancora presente una vegetazione naturale, caratterizzata dalle essenze tipiche della macchia mediterranea e tratti coltivati per lo più a uliveti, vigneti e orti.


Riconciliarsi con la natura

Oggi sono asciutte e continuano a canalizzare le acque soprattutto durante le “mene” (grandi precipitazioni di pioggia) trasportando i materiali disgregati. Per la presenza della depressione naturale, sopravvivono ampie tracce di un paesaggio naturale originario, per cui è stato possibile individuare due distinti tipi di ambienti naturali e di ambienti: l’uno “costruito”, localizzato, nel territorio pianeggiante, l’altro “spontaneo” che si estende nella depressione naturale e caratterizzato dalla presenza di specie vegetali a sviluppo naturale come il carrubo, l’alloro, il rovo, il leccio, il fragno, mentre lungo i costoni, nei punti più rocciosi e aridi, crescono piante di caprifoglio, biancospino, asparago selvatico, ecc.. Non mancano erbe aromatiche usate in cucina come timo, menta, salvia, ruta e quelle medicinali come la borragine e la salsaparicina. Piuttosto varia è anche la fauna. Infatti, oltre a specie di animali facilmente adattabili al mutamento delle condizioni ambientali come ad esempio, la volpe, rane, ricci di terra, la lama ospita anche animali più interessanti come, ad esempio, la donnola o la faina. Sempre sotto l’aspetto naturalistico quella della famiglia Barnaba può considerarsi una tra le aree più interessanti della provincia di Bari e la sua biodiversità è una ricchezza da salvaguardare attentamente, per le particolari piante scomparse altrove e che si sono salvate per la difficoltà di raggiungere determinati luoghi della lama e per le condizioni naturali della stessa.




  COUNTRY HOUSE SORELLE BARNABA C.da Stomazzelli 46
70043 Monopoli (BA)
italia
3450689035
info@sorellebarnaba.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 9260

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
agriturismi Azienda Agricola Le Tre Querce e Agriturismo Maria Sofia Di Borbone

L'agriturismo Maria Sofia di Borbone è immerso nell'azienda agricola di 28 ettari "Le Tre Querce". I terreni coltivati ad oliveto, agrumeto, vigneto, frutteto e orto sono a conduzione biologica dal 1998.
Ci troviamo in Calabria, nel centro del Mediterraneo, a soli 20 minuti da Palmi e dalla seducente Costa Viola.   
L'agriturismo è la struttura ideale per chi vuole rilassarsi stando a diretto contatto con la natura.



Giuseppe Spinelli Mayer:

nato a Reggio di Calabria, Agronomo, dottore di ricerca in educazione ambientale. Ha conseguito un master in direzione dei parchi nazionali e uno in Olivocoltura mediterranea.

E' stato consulente del Ministero per l'educazione ambientale e ricercatore al CIREA dell'Università di Parma. Ha pubblicato libri sull'ambiente per la Rizzoli e ha scritto per varie testate giornalistiche su argomenti di difesa del territorio e sull'educazione ambientale.

Ha ricevuto per la sua attività a favore del rispetto ambientale il "premio Consiglio dei Ministri" e la "Medaglia d'oro dei calabresi".

Giuseppe saprà sicuramente incantarvi con racconti della storia dei Borboni su cui ha scritto e pubblicato il romanzo storico "Il sigillo di carta" e vi saprà consigliare su come gestire l'orto di casa svelandovi qualche piccolo segreto.


Harriett:

Harriett vi accoglierà e si occuperà di riempire il vostro bagaglio di benessere, esperienze e ricordi indelebili di questa seducente terra.

Justin, Maggie, Mimpi e Susy:

saranno felici di conoscere i vostri amici a 4 zampe


L'azienda agricola in cui si trova l'agriturismo si chiama "Le Tre Querce" in onore di alcune grandi e antiche querce risalenti al bosco planiziale che si estendeva in tutta l'area prima dell'arrivo degli Spagnoli nel XVI secolo. A partire dal 1500 le querce furono abbattute per dare spazio a impianti di vitigni prima e oliveto successivamente.

Attualmente l'azienda è composta prevalentemente da oliveti di cultivar Ottobratica e Sinopolese, per complessive 1400 piante.

Un agrumeto di qualche centinaio di piante di arance e limoni, un frutteto e un orto completano l'area coltivata.

Siamo un'azienda certificata in biologico dal 1998 e la nostra filosofia è di rispettare al 100% la natura e la terra non usando nessun pesticida o altro prodotto chimico per concimare, sacrificando la quantità per ottenere una produzione più ridotta con un eccellente standard di qualità e genuinità.

Una pari attenzione alla qualità e sostenibilità della produzione la poniamo quando scegliamo alcuni prodotti da piccole aziende del territorio locale.



Foto
agriturismi Agriturismo La Torre Rossa

Ospitalità in alloggi suggestivi e sapori tipici della tradizione, tra storia e natura


Ci presentiamo, siamo Ernesto, Mauro, Fiorella e Rodrigo. La nostra è una piccola azienda a conduzione familiare e siamo orgogliosi di potervi offrire i frutti del nostro lavoro in simbiosi e con profondo rispetto della terra e della natura in generale. Fiorella e Rodrigo si occupano della coltivazione e gestione degli orti, dei frutteti e oliveti mentre Mauro ed Ernesto si dedicano maggiormente all'accoglienza, alla ristorazione e al servizio alla Torre Rossa. L'idea di questa azienda nasce da Mauro che attua una scelta di vita, trasferendosi da Roma a Itri per vivere più a dimensione umana e a stretto contatto con la natura, in contrapposizione alla bellissima ma caotica capitale. Inizialmente solo Fiorella è coinvolta nella coltivazione diretta ma con il restauro del rudere e l'inizio del progetto "La Torre Rossa", vengono coinvolti tutti i familiari.

I lavori di restauro partono nella primavera del 2003 dopo aver rifiutato più volte le idee e i consigli di chi, analizzando la situazione molto degradata, i lunghi tempi e i costi elevati, proponeva una nuova e moderna costruzione per poter sfruttare la grande cubatura. Mauro però ha sempre rifiutato questa possibilità a favore del restauro conservativo, capendo da subito l'importanza di questo luogo e della sua conservazione. Questa si dimostrerà la scelta più adatta e soprattutto più suggestiva proprio considerando la grande storia venuta alla luce.

La nostra filosofia è sempre stata rivolta alla rivalorizzazione dei prodotti e delle unicità del territorio locale, avendo sempre un occhio di riguardo al passato per il recupero delle preziose tradizioni, riproponendole spesso in forma originale. Proviamo una profonda empatia per la natura che ci circonda e per questo siamo rispettosi dei suoi cicli e del mantenimento del suo equilibrio. Le nostre coltivazioni ad esempio sono strettamente stagionali e adoperiamo solamente prodotti biologici per produrle come il concime che ci viene fornito dalle nostre tre asinelle, Ramona, Dora e Paloma, che ci aiutano inoltre a mantenere il terreno circostante pulito.

Con questo progetto ci riproponiamo di diffondere i saperi e i sapori del nostro territorio a partire dall'epoca romana fino a oggi, con tutte le contaminazioni che ci hanno arricchito durante i secoli. Cerchiamo di offrire quindi un'esperienza, per tutti i sensi per dare la possibilità a chi soggiorna alla Torre Rossa, di vivere un'esperienza unica a contatto con la natura, la storia e le tradizioni del nostro territorio.

Foto
luxury Pullman Timi Ama Sardegna

Una parentesi di relax fra sole e mare, by Pullman.

Acque cristalline che lambiscono la sabbia candida, palme che agitano le fronde sotto il cielo azzurro. Incastonato in una splendida baia nel sud-est della Sardegna, nel cuore dell’Area Marina Protetta di Capo Carbonara, il Pullman Timi Ama Sardegna vanta uno scenario mozzafiato. L'hotel offre 275 camere, 3 ristoranti, 4 bar, un istituto Thalasso & Spa, 4 sale riunioni, centro di equitazione e un campo da golf 18 buche a 700 mt.


NOVITA’ STAGIONE 2017

Aria di grandi novità al Pullman Timi Ama Sardegna. L’Istituto Thalassa Timi Ama si rifà il look e annuncia la nuova partnership col prestigioso marchio Spa Cinq Mondes.

L’area benessere, ampliata e totalmente rinnovata, si declina nel nuovissimo Percorso Sensoriale. Due ore di puro relax alla riscoperta dell’equilibrio fra mente e corpo, fra vasca di acqua di mare riscaldata, bagno turco, bio-sauna, cascata di ghiaccio, docce aromatiche, stanza del sale, stanza emozionale, tisaneria. Vi aspettiamo dal 22 aprile 2017!