getCompanyVOById(10074029)
Azienda Agricola di Francesco Lorenzon Le Magnolie
DEBUG 1

Azienda Agricola Le Magnolie

L’Azienda Agricola Le Magnolie trova le sue radici secolari nei vigneti del fiume Piave. Da sempre a conduzione familiare, l’identità de Le Magnolie viene portata avanti dal culto del lavoro e dalla passione sanguigna per l’uva e la sua lavorazione. Ormai arrivata alla quinta generazione, la cantina Le Magnolie fa del suo scopo principale la salvaguardia e la tutela del territorio proponendo una nuovissima linea di prodotti biologici e cercando di mantenere altrettanto in evidenza i vini classici del territorio tra i quali non possono mancare le bollicine del Prosecco DOCG e Doc Treviso.

I nostri vini

Come accennato nella presentazione dell’azienda, la territorialità dei nostri prodotti ha un ruolo fondamentale per dare un’identità al nostro lavoro, ecco perché i nostri prodotti sono tutti certificati a seconda delle zone dove si trovano i mappali dai quali viene realizzato un prodotto. La nostra volontà è ovviamente quella di realizzare vini che rimangano impressi nella mente dell’assaggiatore e che rispecchino dalla prima all’ultima goccia di sudore e sacrificio coinvolte nella lavorazione dei nostri prodotti.




  AZIENDA AGRICOLA DI FRANCESCO LORENZON LE MAGNOLIE Via S. Romano 122/3
31047 Ponte di Piave (TV)
italia


Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Le Nocciole Di Cascina Palazzo

Cascina Palazzo: due parole quasi in contrasto.
Sembra un gioco di uno scenografo teatrale: un palazzo signorile del ‘600 che spunta fra le colline dell’Alta Langa.

È un edificio completamente diverso dall’architettura tipica delle tradizionali cascine di Langa, perché fu costruito come residenza di campagna per una famiglia della nobiltà torinese.
Immaginiamoli, gli aristocratici torinesi barocchi, incipriati e imparruccati, salire sulla carrozza nel cortile del loro palazzo di città, dopo che i domestici avevano caricato i bauli, e partire verso le terre allora selvagge dell’Alta Langa.

È tempo di feste, di balli, di caccia, di quel breve periodo di villeggiatura spensierata che l’aristocrazia sabauda si concedeva fra gli affari e le guerre.


Nel 1915 il mio bisnonno Luigi acquista il palazzo da un discendente della nobile famiglia torinese e lo trasforma in cascina.
Immediatamente cambia lo spirito del luogo: non più feste e villeggiatura, ma il lavoro duro della campagna.
Pianta subito degli alberi di nocciole, ben 300, che colloca nei versanti di terreno più soleggiati.
All’inizio l’attività della cascina comprende anche l’allevamento di buoi da lavoro, l’animale più usato nella vita agricola del tempo. Mano a mano, con il progredire delle macchine e dei trattori, l’allevamento dei buoi si è ridotto, lasciando sempre più spazio alle nocciole.
Così mio nonno Alberto, poi mio papà Angelo hanno costantemente ampliato la superficie destinata alle nocciole.


Per chi nasce in una cascina dell’Alta Langa, le nocciole sono compagne di vita fin da bambino, prima per giocare ad arrampicarsi sugli alberi, poi per fare merenda con la torta di nocciole preparata dalla nonna.


Questa è stata la mia infanzia: andavo nel noccioleto con mio papà, che mi raccontava e mi trasmetteva le sue conoscenze su come lavorare e preparare il terreno, come potare i rami, come controllare gli insetti.
Adesso tocca a me. Insieme a mio papà Angelo, mia mamma Rosalia, mia moglie Elisa, e i miei figli Mattia e Andrea a cui sto insegnando come amare e prendersi cura delle nocciole.
Come ogni persona che mi ha preceduto, ho voluto dare il mio tocco personale a Cascina Palazzo: così ho deciso di aggiungere alla coltivazione e alla raccolta delle nocciole anche la tostatura e la lavorazione. Per ottenere la crema, la pasta, la granella, la farina di nocciole. Tutto fatto in casa. Da noi. Con le nostre nocciole.


Manuel Quazzo

Foto
aziende agricole Azienda Agricola Gatti Piero

L’azienda è situata sulla collina di Moncucco, zona da sempre rinomata per la produzione del moscato

Fondata nel 1988 da Piero Gatti, uomo dalla grande passione per il proprio lavoro e legato ad una lunga tradizione contadina, è tutt’oggi a conduzione familiare e continua ad ambire ad una qualità eccellente.


Questa è il frutto di un’attenta selezione delle uve in vigna e di un’accurata e rigorosa vinificazione in cantina. Dal 2000 l’azienda è tutta al femminile: Rita e la figlia Barbara si occupano a tempo pieno di tutti i processi di lavorazione e delle pubbliche relazioni sia in Italia che all’estero.

Il fiore all’occhiello è il Moscato, vino dolce e frizzantino dall’aroma fine e penetrante e dal sapore fresco e coinvolgente; trova un abbinamento ideale con tutti i tipi di dolce, eccetto quelli a base di cioccolato.

Per un perfetto connubio con desserts di frutta, poi, non deve mancare un vino porpora luminoso con sentori di rosa e geranio come il Brachetto.


Ad accompagnare questi due vini da fine pasto, ecco una piccola produzione di rossi: la “Violetta”, dai tannini piuttosto sviluppati, da bere con formaggi e salumi, e la “Verbeia”, da abbinare a primi piatti e carni rosse.

Dall’annata 2007 c’e’, poi, un nuovo arrivo in casa Gatti: il “Vignot”. E’ un passito ottenuto dalle uve di una piccola vigna (in piemontese un vignot, appunto) lasciate ad essiccare su pianta e su graticci fino a fine ottobre e poi vinificato tutto in acciaio. E’ un vino dal colore giallo intenso e dal bouquet delicato e ricco ad un tempo, da gustare con formaggi stagionati o semplicemente in compagnia di buoni amici.


A completare la gamma dei nostri prodotti, con la magnifica annata 2016, è arrivato il “2 Gatti”. Un vino bianco secco, leggero e piacevole, con una lieve nota di aromaticità, soprattutto al naso. “2 Gatti”… perché? Il nome è stato scelto per i 2 tipi di uva, per Barbara e Rita, le 2 Gatti che gestiscono l’azienda, e per Alice e Sonny, i 2 micini agricoli disegnati in etichetta.

E per finire 2 grappe ottenute dalla distillazione delle vinacce dell’azienda di moscato e brachetto.

Foto
aziende agricole Azienda Agricola Rio

L’Azienda Agricola Rio è una piccola azienda a conduzione familiare e si avvale dell’esperienza di tre generazioni.

Foto
aziende agricole Azienda Agricola La Bonifica di Medina Mario

Produzione propria latte vaccino, formaggi freschi e stagionati,mozzarelle, ricotte,burrata,AGRIGELATERIA e carne nostro allevamento CASARO PUGLIESE DOC.


La Bonifica
E’ un’ azienda agricola storica, nata a seguito della bonifica nel 1935 dei terreni circostanti. Già il nonno di Mario Medina nel 1959 aveva incominciato un cammino di agricoltura dedicandosi nel tempo libero alla coltivazione ed all’allevamento. Oggi a capo dell’ azienda c’è Mario Medina, coadiuvato dalla moglie Vanda: sotto il suo impulso, spirito imprenditoriale e passione l’azienda si è sviluppata raggiungendo traguardi estremamente lusinghieri per un’ azienda della nostra provincia che non ha una forte connotazione agricola: per diversi anni infatti, l’ azienda Medina, ha occupato i primi posti nelle speciali classifiche italiane dedicate alle aziende produttrici di latte bovino. Oggi l’azienda conta di circa 100 Mucche e 80 tra Vitelli e Manzette.


La produzione di latte aziendale viene oggi conferita in CARNINI ed in parte venduta attraverso i distributori di latte fresco. E’ presente nel caseificio uno spaccio aziendale dove è possibile acquistare i prodotti dell’azienda come formaggio, gelato e carni di animali allevati in azienda. L’azienda è dotata di impianto fotovoltaico che produce l’80% dell’ energia da noi consumata. Mario, stà incrociando delle nuove razze per migliorare la qualità del latte e dei prodotti e per avere animali più robusti senza l’ausilio di farmaci e antibiotici.