Ristorante Pizzeria Rosticceria Braceria Bar


Il ristorante Appost' Accussì è un locale che garantisce ai propri clienti un ambiente fresco e ricco di comfort. La sala interna è dotata di uno schermo lcd, che permette la visione di eventi sportivi importanti. Il locale è disponibile per organizzare grandi pranzi e cene per cerimonie, battesimi e comunioni; grazie allo spazio interno del locale, la disponibilità dei posti permette alle grandi comitive di trovare il giusto spazio per festeggiare.


Il ristorante Appost'Accussì vi offre piatti sfiziosi di pesce e verdura, dall'antipasto al secondo: insalata di polpo con frutto della passione, frittura mista di pesce e crostacei, pesce in guazzetto di cozze e vongole, pesce alla brace, verdure alla brace e parmigiana. Gli antipasti vengono serviti al buffet, grandi piatti di verdure cotte alla griglia o in padella sono disponibili ai clienti in grande quantità; nelle giornate calde e di bella stagione potete pranzare con un misto di assaggi di antipasti, freschi e leggeri.


La pizza da Appost'Accussì è fatta secondo antica ricetta, con la pasta madre, lievitata naturalmente, condita con ingredienti freschi e genuini ed infine cotta rigorosamente in forno a legna.


Una delle specialità di Appost'Accussì è il pollo arrosto. Con un tradizionale pollo arrosto e con un contorno di patate al forno, si mettono d’accordo i gusti di tutta la famiglia. I prodotti per l’asporto vengono confezionati al momento in vaschette di plastica o di alluminio comode da trasportare.


Da Appost' Accussì è possibile la consumazioni di pietanze per intolleranze al glutine.




  APPOST' ACCUSSI' Via Pietro Donadio 262
80024 Cardito (NA)
italia
0818345496
appost.accussi@libero.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 10739

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti Pomodoro The Best Italian Pizza and... more!

The first "Pizza al Taglio" from Rome in Kenya!

Foto
ristoranti L'Antica Roma Ristorante Italiano

Cuisine Méditerranée, Pâtes, Fraiches, Pizzas, Viande et Poissons
Restaurant Fondé en 1991.
Le 1° Juillet 2005 le restaurant change de gestion;
Il est Repris par M.Buonopane Costantino et son Epouse jusqu’a ce jour.
Dans une ambiance Familiale nous vous proposons un vaste choix des plats et pizzas, servie avec générosité et Fraîcheur, avec des produit sélectionner soigneusement par le Patron.
   

Foto
ristoranti Ristorante Il Turcotto Dal 1816

Il ristorante al Turcotto è il locale più antico di Anzio, aperto dal 1816, non ha mai cambiato gestione, sempre tramandata di padre in figlio. Nel 2010 è stato premiato come locale storico e riconosciuto tra i 350 dʼItalia dallʼAccademia della Cucina Italiana.


Location

Il ristorante al Turcotto è situtato nell’angolo più bello di Anzio, con il suo belvedere a picco sul mare tra i resti del vecchio porto romano e la residenza estiva dell’imperatore Nerone. A questo panorama mozzafiato si è aggiunta da qualche anno, nei giardini sottostanti, la statua di Nerone – che ha avuto i natali proprio ad Anzio – la prima al mondo dedicata al controverso imperatore.


Ambiente

In estate si mangia sulla terrazza panoramica dalla quale si possono godere splendidi tramonti e serate incantevoli. L’ambiente interno, completamente a vetri, affaccia direttamente sul mare.


La nostra storia

Il Ristorante al Turcotto vanta una tradizione culinaria di quasi duecento anni. Il locale, aperto nel lontano 1816, è il più antico di Anzio e dintorni e nel corso di due secoli di storia non ha mai cambiato gestione, sempre tramandata di padre in figlio.

Gaetano Garzia proveniente da Toledo approda ad Anzio nel 1816 dove decide di aprire una piccola trattoria: “IL TURCOTTO” lungo il porto di Anzio che sarà trasferita più tardi nel centro del paese.

Per la sua carnagione scura e l’abitudine di portare una specie di fez rosso sul capo i suoi compaesani, come era allora usanza, gli conferiscono il soprannome di Turco e da lì Turcotto.


Negli stessi anni anche i fratelli di Achille aprono due nuovi ristoranti: il “Garda” con Giovanni Garzia, e il “Caprera” con Renato ed Enrico Garzia. La famiglia Garzia inizia così la grande tradizione della cucina portodanzese.

Con la II Guerra Mondiale i progetti per la costruzione del nuovo ristorante subiscono un rallentamento e la famiglia Garzia, come gran parte della popolazione, si rifugia a Roma. Un aneddoto, prima della partenza nonno Achille nasconde sotto le cantine, antichi magazzini del porto di Nerone pertinenti al ristorante, tutte le stoviglie, argenterie e attrezzature di sala e cucina sperando di salvarli dai tumulti dell’invasione dei nazisti e dai bombardamenti. E cosi è stato, perchè al rientro ad Anzio, dopo lo sbarco degli Alleati il 22 gennaio 1944, Achille trovò intatto tutto ciò che era riuscito a nascondere. Il lavoro che li attende a quel punto è duro e faticoso, ma il fervore e la voglia di ricominciare degli anziati e quindi anche dei Garzia è tanta e nel giro di poco tempo, grazie anche all’instancabile lavoro di Achille e dei suoi figli Oreste e Rodolfo, il ristorante Turcotto rifiorisce. Nei primi anni ’60 Achille lascia in eredità il ristorante al primogenito Oreste che nel 1965 muore tragicamente. La moglie Ermelinda, con i suoi tre figli ancora piccoli, Achille, Enrico ed Evangelista prende le redini dell’azienda portandola avanti con grande tenacia e capacità organizzative. Gestione che passerà agli inizi degli anni Settanta nelle mani dell’allora giovanissimo Enrico Garzia coadiuvato dalla sorella Evangelista, settima generazione della famiglia. Oggi il ristorante Turcotto tiene alto il prestigio acquisito nel corso di quasi due secoli, grazie al lavoro di Enrico, della moglie Patrizia e delle figlie Ermelinda e Maria, continuando a essere un fiore all’occhiello della tradizione gastronomica anziate.