getCompanyVOById(10073173)
Albertengo Market

Negozio alimentari




  ALBERTENGO MARKET Piazza S. Rocco 23
12036 Revello (CN)
italia

CONTATTACI


0175259232
0175259232
evelina_albertengo@libero.it

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Azienda Agricola Manzi

La nostra è una azienda a conduzione familiare. Ci occupiamo della produzione di olio e del pregiato fico bianco del Cilento.


L’azienda agricola Manzi è passata da padre in figlio e conta circa 3.000 piante di fichi e 300 piante d’oliva. La nostra azienda agricola è situata nel territorio del comune di Monteforte Cilento, in provincia di Salerno. I nostri prodotti cfrescono sulle colline del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano. L’azienda è situata nel cuore del Parco Nazionale del Cilento e i nostri terreni sono completamente immersi nel verde, lontani da zone industriali e da strade ad alto flusso veicolare.


Oggi l’azienda si è aperta alle innovazioni e allo sviluppo tecnologico in tutti i processi produttivi. Grazie alla programmazione delle produzioni l’Azienda Agricola Manzi è presente on-line con la vendita dei suoi prodotti di eccellenza.


Foto
vini L'Avventura Società Agricola

15 settembre 2015:
una data che Stefano e Gabriella non dimenticheranno facilmente. In quella cristallina mattina di fine estate, un po’ per gioco e un po’ per sfida, decidono che ogni tanto i sogni devono uscire dal cassetto e sgranchirsi le gambe, magari passeggiando per la Ciociaria alla ricerca di un di un lembo di terra dove poter coltivare, è proprio il caso di dirlo, la passione per le vigne e per il buon vino. E così, quello stesso anno, vengono acquistati i primi 3,5 ettari nel comune di Piglio.
Il sogno comincia a prendere le forme di un progetto. Si delinea, si staglia sull’orizzonte, come gli antichi tetti di coppi che, simili a vecchi cappelli, ricoprono le case medievali del paese. E si decide così di produrre vino cesanese DOCG, Passerina IGT e altre chicche del territorio come il Rosso del Frusinate IGT. Non solo, perché essendo compreso nei terreni un uliveto di circa 120 piante, la seconda linea di produzione, quella dell’olio extravergine di oliva, viene praticamente da sé. Il progetto suscita l’immediata curiosità di amici e familiari, che spingono per salire anche loro sul carro, o meglio sul trattore, e partecipare attivamente a questa avventura.


Ecco, L’Avventura: è proprio questo il nome giusto.
Così Stefano e Gabriella cominciano a prendere in considerazione le proposte di collaborazione e di ampliamento societario, nell’ottica di un piano di sviluppo pluriennale che a questo punto ai sogni deve affiancare la concreta solidità dei numeri. Il primo nuovo socio è la figlia Marta, a cui segue l’ingresso come dipendente del nipote Simone, che ha dato nuova linfa al gruppo col suo entusiasmo e la sua passione. Nel 2016, poi, nuovi terreni nei comuni di La Forma e Gavignano entrano a far parte della disponibilità de L’Avventura. Nel volgere di qualche mese, quindi, i nuovi impianti vengono completati e i vecchi cominciano a dare i primi risultati.
A questo punto i vigneti a produzione sono cinque: uno di Cesanese di Affile, uno di Cesanese comune, uno misto (Sangiovese e Cesanese comune), uno di Pinot Nero (bella scommessa, questa) e per finire uno di Passerina. E dopo tanto impegno, nel 2017 arriva finalmente il momento di raccogliere i primi frutti. O, per essere precisi, di togliere il tappo alle prime bottiglie. Ad aprire le danze è il nostro olio, il Mattolio, che riscuote un immediato e graditissimo successo. Poi, a distanza di qualche mese, anche i primi vini – Saxa, Campanino e Colline Laziali – sono pronti per lasciare la cantina. Altri, come il Picchiatello, stanno per arrivare, e altri ancora vedranno la luce a breve. Oggi l’azienda sta affrontando la conversione all’agricoltura biologica e segue le tecniche dell’agricoltura organica e rigenerativa, affrontando una nuova, straordinaria parte di questa avventura.
Quello che pochi anni fa era solo un progetto, si è trasformato in qualcosa di concreto, di tangibile: in bottiglie che non contengono solamente olio e vino, ma anche passione, dedizione, impegno.
E un pizzico di follia: quella che ci ha permesso di credere che, se ti ci metti davvero, a volte un bellissimo sogno diventa una bellissima realtà.

Foto
aziende agricole Azienda Agricola Ciaburri

In agricoltura dal 1832

Foto
agroalimentare Zafferano Vero Italian Experience

L’azienda agricola Baresi o cascina Sant’antonio nasce attorno gli anni 60, quando poco più che giovani, 4 fratelli decisero di acquistare una “cascina a corte” datagli in gestione negli anni precedenti. Una cascina a corte è una grande fattoria situata al centro di decine di ettari di terreno coltivabile e normalmente composta da stalle, fienili, granai, pozzi e casaefici.


Creata a fine ‘700 come unità produttiva capitalista essa si presenta in una forma quadrangolare dove al centro è situata la corte ed attorno si trovano i vari edifici agricoli .


In origine le caratteristiche di una proprietà come questa erano:

  •     grandi dimensioni.
  •     il proprietario non gestiva direttamente i fondi ma li dava in gestione
  •     vi era Un’ organizzazione specialistica e salariale del lavoro
  •     la produzione era destinata sopratutto alla vendita.
  •     La struttura accorpava diverse famiglie di contadini.


Tali strutture sono sparse in mezzo alla campagna, lontane qualche chilometro dai centri abitati e anche tra di loro e per dettare i tempi di lavoro e riposo alle persone impiegate nei campi si utilizzava una campana tutt’ora presente.

Questo modello di azienda ebbe un grande successo in quegli anni ed andò via via affermandosi a partire dalla seconda meta dell’ ottocento fino ai giorni nostri.


La cascina sant’Antonio ebbe quindi nei secoli diversi proprietari ed è stata abitata da diverse famiglie contadine, passando la storia di anno in anno fino ad arrivare, nella seconda metà del ‘900, all’attuale proprietà della famiglia Baresi.


La struttura è abilitata alle coltivazioni agricole associate e all’allevamento di animali e poi suddivisa, a fine anni 90, in una ulteriore parte orticola.


Attualmente la struttura dell’azienda agricola Baresi è identica a come fu creata ai tempi, anche se ovviamente ristrutturata ed ampliata con nuovi esercizi e servizi adibiti all’allevamento ed alla produzione agricola, in modo da recepire le regole e i dettami della produzione moderna.