getCompanyVOById(10068693)
Al Peperosa Da Paolo


Ristorante Pepe Rosa a Frosinone centro
Un rifugio per gli amanti della buona cucina


Il Ristorante al Pepe Rosa a Frosinone centro è un piccolo gioiello nel panorama locale, regionale e nostrano del food and beverage. Obiettivo dell’attività è quello di promuovere e far emergere le specificità della cucina del territorio, facendo leva sulle tante potenzialità di un background culinario semplice ma che sa regalare sensazioni assolutamente uniche.


Il Ristorante al Pepe Rosa di Frosinone è di proprietà dello stesso chef, referente e responsabile di gestione, affiancato dal prezioso supporto di una collaboratrice di sala. Il target di clientela della struttura è quanto di più vasto e articolato si possa immaginare, spaziando da personaggi pubblici e dello showbiz, fino a gente comune di ogni categoria e fascia sociale.


Questa è proprio una delle peculiarità del posto, l’essere cioè un ritrovo per tutti, accogliendo ciascun utente rispetto e riguardo, in un’atmosfera calorosa e familiare. Il concetto sostanziale è che non vi è differenza tra persona e persona quando si è a tavola a condividere la stessa esperienza di sapore, e non conta il proprio nome o il proprio mestiere, perché chiunque sceglie di entrare nel bistrot, viene a sua volta scelto, e trattato come un ospite gradito. A rendere ancor più piacevole e memorabile un pranzo o una cena presso l’osteria, è anche la splendida ambientazione logistica, vale a dire il cuore antico del capoluogo, pregno di storia, di testimonianze vive del passato e di fascino inossidabile.


L’idea che sta a monte del progetto ricettivo e di ristorazione, è quella di offrire uno stile più a misura di individuo, affrancandosi dai vari esercizi pubblici di oggi che sono un ibrido tra tavola calda, wine bar e osteria. Niente fretta quando si mangia, per quello ci sono i fast food, niente caos, solo relax, gusto e piacere di stare insieme ad altra gente, conservando allo stesso tempo il proprio spazio e la propria privacy. Riuscire a replicare questa formula ogni giorno da anni, è questione di impegno, dedizione e passione per quello che si fa, con un pizzico di collaborazione da parte dello stesso pubblico, parte attiva nel processo di interazione e vero motivo per cui esiste l’attività. Si può anche restituire originalità e genuinità al cibo, ma bisogna anche fornire la giusta ambientazione per fare si che la gente se lo goda in pace e tranquillità. Così nasce un’impresa che sa nel mezzo delle tante strutture di ristorazione del nucleo antico di Frosinone, sa emergere e fare la differenza, per qualità, prestazione e location.


La direzione del Ristorante al Pepe Rosa a Frosinone centro punta molto sui prodotti IGP (Indicazione Geografica Protetta), in particolare per ciò che concerne le carni utilizzate nella preparazione dei secondi. Ciò testimonia il profondo legame che la struttura ha con il luogo, in un opera di valorizzazione delle tipicità e della biodiversità applicata al comparto dell’enogastronomia. Il titolare, chef e conduttore della trattoria, aderisce inoltre all’Associazione Provinciale Cuochi di Frosinone (A.P.C.F.), a sua volta facente parte della Federazione Italiana Cuochi. Questo doppio blasone di qualità è come una sorta di certificazione di appartenenza alla parte più selezionata e prestigiosa del comparto, a tutto vantaggio e garanzia dei consumatori. Nonostante la lunga esperienza maturata sul campo in anni di attività, lo chef della casa impegna parte del suo tempo nell’auto perfezionamento e nell’approfondimento didattico e pratico.


Per questo motivo, periodicamente, il titolare partecipa a diversi seminari e percorsi di aggiornamento professionale, nel dettaglio sugli argomenti della cucina a chilometri zero, su quella tradizionale e rivisitata. Il Ristorante al Pepe Rosa è oggi un avamposto del gusto, un fortino dove viene custodita e preservato il valore dell’arte culinaria mede in Italy, oltre ad essere un rifugio per tutti coloro che amano chiedere qualcosa in più dalla cucina e dal mangiar bene.


Servizio da asporto e servizio di consegna a domicilio

Per prenotazioni contattare il numero 3890390019






  AL PEPEROSA DA PAOLO Via Maccari 33
03100 Frosinone (FR)
italia
0775961342
alpeperosa33@gmail.com

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 11272

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
ristoranti La Cantinola di Zio Jack

Trattoria Contadina Da Zio Jack


Un viaggio nella bellissima Trattoria di Zio Jack, dove riscoprirete la tradizione Napoletana e quella Ischitana Contadina, abbinata alla stagionalità dei prodotti!!!


Numero whatsapp per prenotazioni  +39 351 0141430



Foto
agroalimentare La Zaira

"La Zaira è una piccola azienda situata al di fuori del centro storico di Gradisca d’Isonzo, uno dei borghi più belli d’Italia, e ha una storia quasi centenaria, che risale al 1930 quando Attilio Lorenzon con la propria famiglia prendi in gestione i poderi di Marizza, situati in Borgo Viola con contratto di mezzadria.

Proprio qui, “nella casa davanti al recupero”, negli anni ’50 Luciano, il figlio, avvia l’attività di “privata” che prevedeva la sola mescita di vino e uova sode. Negli anni 60 fu uno dei primi a servire accanto al vino di propria produzione anche affettati ed in particolare il cotechino, tutt’oggi prodotto simbolo della nostra attività.


Dietro al bancone una certezza è la moglie Zaira, che con il tempo e la particolarità del nome diviene il simbolo dell’attività, conosciuta e successivamente nel 2019 ribatezzata anche su carta La Zaira.


Nel 1997 l’attività si trasferisce in Borgo Tintor, con ufficiale licenza di agriturismo e oggi viene gestita in sinergia da tutta la famiglia: assieme a Luciano e Zaira, le figlie Paola e Gianna con i mariti Lucio e Ariano e le nipoti Erika, Melissa e Martina.


L’azienda conta 13 ettari, suddivisi in seminativo atti alla produzione di cereali, e in vigneto.
I vini serviti sono di produzione propria, vengono prodotti 3 bianchi: Malvasia,Pinot Bianco, un uvaggio a base di Friulano “Misturòn di Blanc”; 2 rossi: il “Misturòn di Neri” uvaggio di Merlot e Cabernet Franc e lo stesso uvaggio passato per 12 mesi in legno e uno spumante a base di Pinot Bianco.


Dal 2020 avrà inizio anche la produzione di birra agricola, in associazione con la rete ASPROM.

 Il portafoglio prodotti aziendale offre anche una produzione di carne derivante dall’allevamento suinicolo: cotechino, salsicce, salami, marcundelle, pancette che possono esser acquistati direttamente presso il punto vendita aziendale o, come nel caso del cotechino e dei salumi consumati in agriturismo.


L’agriturismo offre un’atmosfera accogliente e famigliare dove passare un pomeriggio in compagna e consumare i piatti caldi della tradizione friulana durante il periodo invernale potrete trovare cotechino con brovada, trippe, goulash con polenta, fegato, salame con l’aceto e baccalà tutti da provare e accompagnare con il nostro vino.


Vi aspettiamo!!"

Foto
ristoranti Castello di Serragiumenta

Dimora d’epoca di campagna del 1600. Eventi, Wedding, Ospitalità, AgriRistorante La Voliera, Prodotti a km0.


Immerso in un incantevole scenario tra ulivi secolari, dominante un’amena vallata, si erge, discreto, nonostante la sua austerità, il castello di Serragiumenta, posto in una delle contrade più feraci del territorio di Altomonte (Cs).
Informazioni generali


Nella prima metà del XIV sec., Filippo Sangineto, illuminato signore di Altomonte, per motivi di carattere militare ed economico, enucleò nel suo feudo ben dodici suffeudi, consolidando così le strutture medievali: ogni suffeudo era costituito da un’apprezzabile estensione del territorio di cui il suffeudatario aveva la gestione e l’usufrutto, non la proprietà.


I suffeudatari realizzarono nel proprio territorio una dignitosa residenza per sè ed abitazioni in muratura per i familiari che vi risiedevano, ma anche strutture solide per il ricovero degli animali, depositi per la derrate e - non ultimo - un adeguato edificio sacro per il culto.


Il feudo di Serragiumenta, assegnato a Ruggero Policastrello, uomo di fiducia del conte Filippo Sangineto, era rinomato per l’allevamento dei cavalli di buona razza, che sarebbero serviti all’occorrenza ai vari suffeudatari. Ed è allora che il feudo ebbe il nome di Serra della giumenta.

Foto
ristoranti Terramare

Ristorantino caldo e accogliente, romantico ideale anche per banchetti, raffinata nei dettagli sopratutto dai piatti, freschi, profumati e di gran classe.