“E’ vero che un balsamico invecchiato potrebbe essere denso ma non è detto che un balsamico denso sia invecchiato”



“Una bella radice” Perché il nome Valeri
Se non dobbiamo riscrivere la nostra storia è coretto aggiornare quella sulle origini del nostro soprannome, lo “scutmai” di famiglia: Valeri. Gli ultimi studi riguardo le famiglie del nostro territorio, conclusi nell’estate scorsa, 2012, hanno accertato che”Valeri” non è un soprannome ma il nome vero e proprio attribuito alla nostra gente all’epoca dell’insediamento romano.
La ricerca storiografica, anche attraverso l’analisi degli ultimi ritrovamenti archeologici, ha dedotto che “gens Valeri” ( gente di Valerio n.d.r. ), comunemente detta “gens Valeria” ( gente Valeria n.d.r. ) si sarebbe insediata a ridosso di quella che oggi è Magreta, nei cosidetti Campi Macri, fra il secondo e il primo secolo avanti Cristo.
Il Console romano Valerio si avvalse infatti di truppe Sabine per sconfiggere gli Etruschi ed è quindi probabile che alcune di quelle genti si siano spinte oltre l’appennino, nella zona Cispadana, e nei pressi di un fiume, l’attuale Secchia, come era indispensabile per una buona sopravvivenza.
Attrezzature e monili in ceramica di varia natura con il simbolo VAL sono state ritrovate di recente e si è stabilito che fossero proprio le fornaci dei Valeri a produrle per poi commercializzarle fino all’attuale medio Oriente.
Se così fosse si avrebbe la spiegazione circa l’evoluzione del nome quale necessaria trasformazione di un indice di riconoscimento per un modesto numero di individui divenuto, con le oltre cento generazioni succedutesi, quel cospiquo insieme di famiglie che oggi occupano queste terre.
In si fatta ricognizione è lusinghiero prendere atto che, quanto meno, le ultime 6 generazioni ricordino il nome Valeri a provata testimonianza di un’origine lontana e storicamente riconducibile a questa porzione di territorio.
Con essa origine si coniuga la lavorazione del mosto quale elemento indispensabile per la continuazione, nelle centenarie botti, del nostro orgoglio di famiglia: l’aceto Valeri.


Expo 2015: La cultura e le tradizioni della Provincia di Modena attraverso la guida dell’acetaia Valeri a Magreta di Formigine.

In occasione di questa eccezionale opportunità potete contattarci allo 059-554496 o al 3332320194 per coordinare, gratuitamente, un programma e un itinerario che possa soddisfare le Vostre aspettative.
Dai Musei al Duomo di Modena, patrimonio dell’Unesco, dal Palazzo Ducale di Sassuolo alle case automobilistiche Ferrari, Maserati e Lamborghini, le più prestigiose del mondo, dall’Abbazia di Nonantola al Museo Casa Natale Enzo Ferrari già MEF, piuttosto che attraverso la collezione Panini Hombre e la Casa Pavarotti, o poter entrare nella storia medioevale direttamente nel castello di Formigine, trovate presso di noi ogni informazione necessaria per un soggiorno che soddisfi curiosità e piacere.
La provincia di Modena è famosa anche per la sua gastronomia di eccellenza e, fra queste eccellenze, non può mancare l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena di cui l’acetaia Valeri si è fatta testimone nei secoli.
A Magreta, frazione di Formigine, potrete vivere l’aceto come se il tempo si fosse fermato a quel 2° secolo A.C. in cui la famiglia Valeri si insediò nel territorio.
In un’accogliente residenza a conduzione famigliare sarà possibile apprendere le fasi di lavorazione del mosto per giungere, al fine, ai profumi e ai sapori del nostro prodotto.
L’acetaia Valeri, già “Custode del Balsamico” avrà il piacere di condurvi per mano fra botti, vascelli e cimeli storici corredati da una biblioteca di famiglia che testimonia l’amore per la tradizione.
Pochi, volendo, potranno riposare al fianco di questi reperti storici e vivere, per davvero, il sogno dell’oro nero dopo aver pranzato al ristorante di famiglia.
Contattandoci via mail o ai numeri che Vi abbiamo indicato e avrete ogni altro, ulteriore, dettaglio.

Grazie e Buon Expo con l’aceto ……… “naturale” Valeri!

  ACETAIA VALERI DI GIACOBAZZI VALERIO Via Eugenio Curiel 9
41043 Magreta di Formigine (MO)
italia
059554496
info@acetobalsamicovaleri.it

TUTTI I PRODOTTI

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 3846

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
aziende agricole Azienda Agricola Ballone Claudio

Cooperativa agricola

Foto
aziende agricole Azienda Agricola La Torretta

L’Azienda Agricola la Torretta di Giovanni Cifrodelli, ubicata nel comune di Castelnuovo di Conza, in provincia di Salerno, è una realtà storica nel panorama delle Produzioni Agroalimantari Tradizionali che si tramanda da padre in figlio.


Oltre 250 Vacche Podoliche allevate allo stato brado che pascolano sul massiccio del Monte Marzano, in aree poco antropizzate, ai confini con la Basilicata.


In questo paesaggio incontaminato, dal 1950, a soli 11 km dalla costa cilentana, la famiglia Cifrodelli da decenni produce il Caiocavallo Podolico.


L’Azienda, oltre ad essere dotata di caseificio aziendale (nel quale viene lavorato esclusivamente il latte proveniente dal proprio allevamento), è anche dotata di Macelleria Aziendale e rappresenta la reale filiera corta.

Foto
macellerie Macelleria 'A Chianca Di Gaetano Petrancosta

Varietà di specialitá e preparati

Foto
aziende agricole Oleificio Prudenzi Riccardo

Fin dal 1870 che la Famiglia Prudenzi coltiva e produce il suo olio extravergine d'oliva, il tempo passa ma le tradizioni restano, infatti, al giorno d'oggi l'azienda agraria Prudenzi può contare ben 9.000 piante di olivo a monocono ed un frantoio a ciclo continuo con lavorazione a freddo.