getCompanyVOById(10071828)
Accordini Igino

La famiglia

La storia della Cantina Accordini Igino inizia nel 1821 nel cuore della Valpolicella, area dalla forte e radicata tradizione vitivinicola. Una passione nata da un’eredità ricevuta: tre ettari di vigneti le cui uve venivano vinificate solo per la famiglia, che amava passare la primavera e il tempo libero nel Cru chiamato “Le Bessole”.

È l’inizio di una storia di successi, dalla produzione familiare al commercio nazionale e internazionale, grazie al lavoro instancabile e attento di Guido Accordini, il figlio di Igino, e di sua moglie Liliana, in grado di guidare l’azienda nell’innovazione in ambito enologico, senza mai dimenticare la tradizione.

Dagli originari tre ettari di terreno, la Cantina Accordini Igino è passata ad oggi a 35 ettari sul territorio della Valpolicella.


Presente e futuro

Il cuore pulsante dell’azienda risiede tuttora a San Pietro in Cariano, tra le colline veronesi, a pochi minuti dal centro di Verona. La cantina originaria è stata rinnovata nelle linee e nello stile per adattarsi alle esigenze commerciali e di immagine di un’azienda proiettata verso business e mercati sempre più estesi.

Barrique e legno si intrecciano con linee moderne, accogliendo gli ospiti in un ambiente confortevole e informale dove poter degustare i vini Accordini Igino, accompagnati dai prodotti gastronomici tipici della zona.


I vigneti e le uve

Frutto di una costante attenzione e cura da parte di Guido e dei suoi collaboratori, i vigneti Accordini Igino producono uve di alta qualità, atte a produrre i vini tipici della Valpolicella.

Le varietà di Corvina Veronese, Corvinone, Rondinella e Rossignola vengono seguite nelle fasi di crescita e maturazione per assicurare una vendemmia di pregio, grazie anche ad accorgimenti tecnici che consentono di limitare al massimo i trattamenti antiparassitari e di ottimizzare l’utilizzo delle risorse idriche nel pieno rispetto dell’ambiente.


La Cantina

Dagli originari tre ettari di terreno, la Cantina Accordini Igino è passata ad oggi a 35 ettari sul territorio della Valpolicella. Il cuore pulsante dell’azienda risiede tuttora a San Pietro in Cariano, tra le colline veronesi, a pochi minuti dal centro di Verona. La cantina originaria è stata rinnovata nelle linee e nello stile per adattarsi alle esigenze commerciali e di immagine di un’azienda proiettata verso business e mercati sempre più estesi. Barrique e legno si intrecciano con linee moderne, accogliendo gli ospiti in un ambiente confortevole e informale dove poter degustare i vini Accordini Igino, accompagnati dai prodotti gastronomici tipici della zona.




  ACCORDINI IGINO Via Dell' Industria 21
37029 San Pietro In Cariano (VR)
italia
0457701985
info@accordini.it

ID ANTICONTRAFFAZIONE
N. 14106

Certifica la tua azienda. Richiedi ID anticontraffazione Certifica che la tua Azienda è in possesso dei requisiti richiesti per l’inserimento in Eccellenze Italiane e richiedere l’erogazione di un ID Anticontraffazione, che sarà impresso sul certificato e sulla vetrofania che provvederemo a consegnarti e potrai poi esporre al pubblico.
RICHIEDI ID
Segnala un’eccellenza Se conosci un’attività che reputi eccellente, puoi segnalarcela e fare in modo che ottenga il giusto riconoscimento
Segnala
Foto
vini Cantina Bacco S.C.R.L.


STORIA DI UN VITIGNO VERACE

La Cantina Bacco è una realtà imprenditoriale radicata nel territorio di Nettuno, a sud di Roma, già dal 1973.

In questa terra fertile, con un clima favorevole dato dal sole e dalla brezza marina, cresce il “Cacchione”, bianco autoctono della zona che pare esista già dai tempi dei Romani. Se ne parla, ad esempio, negli scritti di Plinio e Cicerone.


Coltivato ad un passo dal mare, questo vitigno forte e verace è resistito persino ad un parassita come la fillossera che nell’ ’800 fece strage della maggior parte dei vitigni europei.


Mentre molti viticoltori furono costretti a dover innestare i fusti delle proprie viti su radici di viti americane un numero ristrettissimo di vitigni sopravvisse autonomamente. Pare, infatti, che su un terreno sabbioso qual è quello di Nettuno, ex fondale marino, tale parassita non riesca a sopravvivere.


Ciò ha garantito a questa pianta di mantenere nei secoli la propria autenticità. Oggi il Cacchione è uno dei pochi vitigni coltivati ancora a piede franco (cioè senza innesto alcuno) in Italia.
A Cantina Bacco si deve il recupero e la diffusione di questo vitigno. La storia della Cantina inizia, infatti, almeno un trentennio prima della sua costituzione.


Accumunati dalla volontà di tutelare il Cacchione, negli anni ’40 - ’50 oltre 200 produttori si riunirono in una cooperativa ed estesero le coltivazioni di questa vite che erano state, per la maggior parte, abbandonate.


In pochi decenni centinaia di ettari di terreno vennero dedicati all’esclusiva produzione di questo tipo di uva e ogni Nettunese che si rispettasse aveva in casa almeno una vite di Cacchione.


Oggi, a quasi settant’anni di distanza, la Cantina Bacco è una delle ultime società cooperative del Lazio nel ramo vitivinicolo. A gestirla vi sono gli eredi di alcuni di quei produttori fondatori, arrivati ormai alla loro quarta generazione.



TRADIZIONE E INNOVAZIONE IN BOTTIGLIA
Se da una parte la tradizione è un punto di forza, coi tempi che avanzano il nostro interesse è quello di applicare alla nostra passione le migliori innovazioni tecnologiche sul campo per garantire prodotti qualitativamente sempre migliori.


Il vino di punta della nostra produzione è il Pantastico, frutto di quei vitigni di Cacchione coltivati solo a piede franco, seguito da altre differenti declinazioni del medesimo vitigno nella sua versione da tavola o leggermente frizzante.


A questi si accompagnano altri bianchi nostrani del territorio quali il Bellone nonché i più conosciuti internazionali quali il Viognier, pluripremiato al Vinitaly dello scorso anno.


Sempre il Cacchione è alla base dei nostri spumanti, entrambi metodo Charmat, e dei nostri distillati.
Da qualche anno abbiamo introdotto poi nella gamma anche i rossi. Dai puri quali il Syrah e il Petit Verdot sino ai blend, rappresentati dal nostro Rosso Dop.


Rilevante, infine, la linea interamente bio dello Scoglio d’Orlando nella sua variante bianca o rossa la quale aggiunge questa ulteriore certificazione a quella già comune a tutti i nostri vini del riconoscimento DOP o IGP.


IL CACCHIONE NEL MONDO
Grazie ai valori di autenticità e di appartenenza al territorio che ci hanno sempre contraddistinto, Cantina Bacco si è fatta largo sulle tavole italiche e internazionali tanto da arrivare ad esportare in Germania, Cina e Sudamerica.


In questi Paesi in Cacchione è stato apprezzato per il suo gusto e la sua versatilità di abbinamento divenendo una delle tante Eccellenze Italiane nel mondo.


Foto
vini Cantina Colle Petrito

La nostra storia

Fondata da Antonio Bellini, Giuseppe Giuliano e Michele Preziusi, l’azienda vinicola Colle Petrito è situata nel nord barese, nel meraviglioso altopiano murgiano, un territorio dalle caratteristiche uniche, che conferiscono al nostro vino una forte identità.
L’azienda si trova nei pressi di Minervino Murge, un antico borgo, noto come balcone di Puglia, inserito nel Parco dell’Alta Murgia. Colle Petrito è un’azienda giovane e dinamica, nata nel 2005 come un progetto di tre amici; i soci fondatori hanno unito con sapienza la loro esperienza e la loro passione per la terra associando alle tradizioni la conoscenza delle tecniche più avanzate e la ricerca, per offrire un ventaglio di vini dall’eccezionale qualità.
La nostra è un’azienda che esprime il suo amore e il rispetto per la propria terra, esaltandone la materia prima; il nostro Nero di Troia, il terzo grande vitigno autoctono della Regione Puglia, che evoca il mito di Diomede, eroe della guerra di Troia. Le leggende legate al territorio nel quale ancora oggi si coltiva sono molteplici.

Colle Petrito attualmente è gestita dai fondatori e dalla seconda generazione, che affianco alla prima, porta avanti un grande disegno, ossia quello di esportare il nostro vino in tutto il mondo e far conoscere la qualità della produzione vinicola pugliese, in particolare quella del Nord Barese.


Il territorio

I nostri vigneti si estendono in tutta l’area della provincia Barletta-Andria-Trani. Il paesaggio ha un forte impatto visivo: la zona del nord barese è la terra delle murge, uno spazio dal clima continentale con inverni freddi ed estati calde. Siamo nei pressi del Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Il paesaggio risulta modellato dall’azione perenne della natura, tutta l’area si articola tra “doline”, tipiche forme depresse originate dalla dissoluzione carsica delle rocce calcaree, gravine, lame, inghiottitoi e grotte, che affascinano da sempre i visitatori.
La nostra azienda si inserisce in una zona che coinvolge molte aree dal forte interesse storico-culturale, con la presenza di vari siti archeologici e del noto Castel del Monte, testimonianza storica della dominazione Sveva. Il nostro Nero di Troia nasce proprio qui, in un luogo ricco di storia e morfologicamente singolare.


Foto
vini Cantina Bacelli

Situata alle pendici del monte Circe, su cui si posa la città di Cingoli, la cantina nasce nel 1970 per volere di Dario Bacelli.

Nel 2005 suo figlio Giovanni prende le redini dell'attività ed è tutt'ora a capo dell'azienda, aiutato dalla sua famiglia. Abbiamo scelto di valorizzare la qualità del vino limitandone la quantità.


Questo ci permette di gestire in maniera più accurata e controllata ogni singola fase del processo di vinificazione, dalla cura della vigna alla realizzazione del vino in cantina. I nostri 6 ettari di vigneti, impiantati nell'arco dei 50 anni di vita dell'azienda, consentono di poter avere tutto lo spettro di sapori e caratteristiche che la zona del Verdicchio dei Castelli di Jesi offre. Tutta l'azienda si sviluppa nel territorio più antico, vantiamo quindi la definizione di "Classico".


Negli ultimi anni abbiamo puntato sull'enoturismo cercando di trasmettere la passione e l'amore che racchiudiamo nel nostro vino, attraverso la conoscenza della cantina e del territorio.

Foto
vini Vini Pintaudi

Cantina moderna e innovativa, ma dal carattere forte e tradizionale della vera Sicilia!


Sono gli inizi degli anni ’70 quando Basilio Pintaudi, agricoltore di Piraino, paese nel nord della Sicilia, fonda la Cantina Vini Pintaudi e avvia la produzione di vini bianchi, rossi e rosati che in origine venivano venduti sfusi nel mercato locale. Con il passare degli anni, l’attività dell’azienda Vini Pintaudi cresce, tanto da spingere Basilio a trasferire la cantina in una sede più grande, quella dove si trova attualmente, e ad iniziare la produzione dei vini monovarietali come Nero d’Avola, Chardonnay, Insolia e Syrah.


Nel 1997, dopo la scomparsa del suo fondatore, le redini della cantina vengono prese da moglie, figlia e genero di Basilio che decidono di iniziare ad imbottigliare e di investire nell’acquisto di un nuovo impianto d’imbottigliamento altamente avanzato.


Dal 2017 la gestione della Cantina passa nelle mani del nipote Basilio Catrini che si è perfezionato sui vini imbottigliati e ha cercato di creare un vero brand aziendale con l’ultima linea di A Maré, Masciné, Davé e Ciaulé. In particolare, Mascinè ha vinto, nel 2018, la medaglia d’argento al Primo Concorso Enologico Nazionale “Venere Callipigia”.


Quella della Cantina Vini Pintaudi è una storia di cuore, tradizione e amore per la terra e per i suoi frutti che si coniuga con innovazione e tecnologia per proporre sul mercato vini di alta qualità dal gusto autentico e dal carattere forte e distintivo della Sicilia.