Gli itinerari del gusto: Milano, capitale della modernità

duomodimilano
Duomo e dintorni
Punto di partenza obbligato per chi voglia, viaggiando, conoscere la storia e l’arte di Milano è il Duomo.
La Piazza sulla quale si affaccia costituisce il grande polo attrattivo della città, sia per gli appuntamenti pubblici, sia per la presenza di moderni esercizi commerciali nell’ambito della ristorazione, dell’abbigliamento e della discografia.
Sul lato nord della cattedrale si apre imperiosa la Galleria Vittorio Emanuele II, a cui si contrappone, frontalmente, l’Arengario. Adiacente, la piccola Piazzetta Reale, dall’omonimo Palazzo, chiude a sud l’enorme slargo.

Il Duomo riassume in sé la storia artistica e religiosa di Milano.
La complessa stratificazione di periodi e stili che giustificano per questa struttura l’espressione “longh come la fabbrica del Domm” (l’inizio risale alla fine del ‘300 sotto Gian Galeazzo) è avvertibile raffrontando le finestre a timpano della facciata del ‘600 con i tre finestroni ottocenteschi, di fattura neogotica.
Alcuni numeri daranno conto della monumentalità dell’opera.
Oltre ad essere per estensione la terza chiesa cattolica nel mondo, infatti, il Duomo può vantare circa 3400 statue che vivacizzano la sua mole con il vertice d’altezza a 108 metri raggiunto dalla celebre “Madonnina”, che svetta sul tiburio a simbolo della città.
A tanta abbondanza vanno aggiunte le 135 guglie, i giganti dei doccioni ed i numerosissimi altorilievi. L’edificio risale al tardogotico ed il marmo utilizzato ha le caratteristiche venature grigio-rosa tipiche delle cave di Candoglia. All’interno la struttura a croce latina si suddivide in cinque navate.
Al centro del transetto sinistro (dietro, un ascensore porta ai terrazzi del tetto con archi e pinnacoli) il candelabro Trivulzio, alto 5 metri, appartiene al 1100. Le vetrate, le più alte del mondo, mostrano icone della vita dei Santi e della Bibbia. Sotto l’elevato presbiterio, in un’urna della cripta riposa S.Carlo Borromeo.
Attraversando la Galleria Vittorio Emanuele II (dall’altra parte della piazza del Duomo), il “salotto” di Milano con impianto a crociera in ferro-vetro risalente agli anni dell’unificazione italiana, si accede alla piazza dove sorge uno dei templi musicali più celebri nel mondo: il Teatro alla Scala.
Struttura neoclassica progettata dal Piermarini e costruita tra il 1776 e il 1778, tutta la sfarzosità dell’edificio è nella sala interna con quattro ordini di palchi, due gallerie, un palcoscenico che supera per estensione la stessa platea e una resa sonora straordinaria. Considerevoli anche lo splendido lampadario centrale ed il foyer d’entrata, ricco di specchi e stucchi.
Numerose le “prime” storiche di Rossini, Verdi, Donizetti, Puccini, ricordate dal Museo alla Scala, nella stessa costruzione.
L’altro importante edificio sulla piazza è Palazzo Marino, sede comunale del secondo ‘500. La parte che aggetta verso la Scala è opera tarda di Luca Beltrami, mentre la fronte originaria, di Galeazzo Alessi, è rivolta sulla piazza S. Fedele. La chiesa omonima è del periodo controriformista come il palazzo vicino e di commissione gesuitica (navata unica e cappelle laterali).
Se si attraversa piazza Meda e il successivo corso Matteotti si raggiunge piazza S. Babila.
La chiesa da cui prende nome risale al 1000, ma i continui rifacimenti l’hanno resa molto diversa dalla sua forma originaria. Percorrendo, in direzione del Duomo, il Corso Vittorio Emanuele, tra portici e gallerie laterali, e, svoltando in via Pattari, ci si trova in Piazza Fontana, dove si affaccia l’Arcivescovado, sede della curia milanese.
La collezione interna di tele rinascimentali e del ‘600 – la quadreria – è una delle più ricche di Milano.
Poco distante svetta la Torre Velasca, grattacielo di 27 piani eretto nella metà degli anni cinquanta con la struttura superiore aggettante e l’utilizzo di calcestruzzo armato ordinario: opera avanguardistica del design milanese.
Tornando verso il centro, si approda in piazza Missori, dedicata al celebre generale garibaldino, il cui monumento lo ricorda. Da qui, prendendo per via Unione e poi via Torino, si arriva alla chiesa di Santa Maria presso S. Satiro, capolavoro rinascimentale a tre navate del Bramante.
Il trompe-l’oeil del finto presbiterio è stato ideato dalla stesso Bramante perché la progettata croce greca della pianta potesse realizzarsi con questo gioco prospettico, malgrado il poco spazio a disposizione per il braccio longitudinale. Con il transetto sinistro comunica la cappella di Ansperto (a croce greca), nucleo originario del IX secolo. Dal transetto destro, invece, si accede al battistero, altra opera bramantesca. Attraversando via Falcone (sul retrostante lato della chiesa) e imboccando via Mazzini, si ha la possibilità di vedere, in distanza, la cappella di Ansperto con tiburio ed antichissimo campanile.
Si torna, infine, al Duomo.

mappa_milano_litte
Vi segnaliamo:

Ristorante Santa Marta, via Santa Marta 6
Nel cuore delle 5 vie di Milano, gli spazi intimi, ricchi di luce e raffinatezza, si incastonano in questo suggestivo angolo storico della metropoli. Gusto, ricercatezza e piacere trovano nel Santa Marta la cornice ideale e l’equilibrio perfetto. Fra gli ottimi piatti serviti prevale il pesce. Da provare: ravioli di branzino in delicato sugo di pesce al timo, e le chitarrine screziate alla polpa di granchio e zucchini all’acetosella.

Sotto Il Gazebo, Via Cardinal Federico 1
Un negozio laboratorio specializzato in oggettistica da wundercammer, composizioni, antiquariato da giardino e da interni. Regno della creatività dove prendono forma composizione e decorazioni personalizzate.
I materiali naturali che vengono utilizzati sono soprattutto: peperoncino, melograni, foglie, lavanda, semi, e anche fagioli, confetti, chiodi di garofano, chicchi di caffè, che grazie a sofisticate tecniche di lavorazione acquistano una insospettabile nobiltà.

Pescheria “I Pesciolini”, Corso di Porta Romana 51
Pescheria ristorante a pochi passi dal Duomo. Personale molto educato e disponibile. È possibile sia mangiare il pesce che comprarlo e portarlo a casa. Troverete pesci molto particolari, dalla tartare di tonno fino alle ostriche e pesce spatola.
I Pesciolini vuol dire un ambiente giovane e allegro, perfetto per un aperitivo da gourmet o una cena a base di pesce crudo freschissimo.

Cdm Corsi Di Moda, Via Sambuco 5
CDM è una scuola di moda post-diploma che sviluppa corsi professionali e aziendali, per corsisti provenienti da ogni Paese, creando un ambiente di inter-scambio culturale.
CDM considera la formazione come un valore aggiunto per ogni singolo individuo ed è strutturata sulla qualità e non sulla quantità.
I corsisti per CDM non sono un’entità numerica, bensì giovani entusiasti, desiderosi di evolvere e crescere, operatori del settore alla ricerca di perfezionamento o aspiranti professionisti che decidono di intraprendere un percorso di studio che gli faccia raggiungere ottimi livelli.

Pasticceria Clivati, Viale Coni Zugna 57
Pasticceria e caffetteria situata nella vecchia Milano adiacente ai navigli di porta Genova.
Le vetrine, esterne ed interne elegantemente allestite con alzate d’acciaio, vassoi e centrini su cui si appoggiano deliziose torte classiche, crostate, semifreddi, dolce all’ananas, plum cake, gelatine di frutta e quanto altro i golosi possano desiderare.
Per chi ama il salato proponiamo, nell’assortimento giornaliero, stuzzicanti Aristine al Salmone, Schiacciatine Farcite, Tartine ai Gusti Assortiti, Pan brioches, Pizzette di Sfoglia al burro, Salatini anche in Bellavista, Tramezzini, Brioches Salate, Piccoli Canapè, Torte Salate.

De Vecchi Milano 1935, Via Elia Lombardini 20
De Vecchi: la storia del design italiano.
Il laboratorio argentiero De Vecchi fu fondato nel 1935 da Piero De Vecchi, scultore e incisore che da giovane prese parte al Futurismo del quale condivideva la costante ricerca del dinamismo che trasmise nella sua produzione.
Con l’obiettivo di fare dell’argenteria una parte importante del design contemporaneo e di portare il design nell’artigianato, dal 2001 la terza generazione De Vecchi, Giacomo e Matteo figli di Gabriele, iniziano a coinvolgere i più importanti interior designer del mondo come Bouroullec, Norguet, Urquiola, Massaud, Dordoni, Dixon, Ferreri, Crasset, Grcic, De Lucchi.

Pasticceria Lizzy, Piazza Giorgio Ambrosoli 1
Fondata nel 1981 nel Quartiere Magenta, Lizzy è una pasticceria artigianale tout-court dove i prodotti esposti sono rigorosamente di produzione propria, rappresentando al meglio il nostro modo di intendere la pasticceria.
Le materie prime sono scelte dopo accurate analisi e selezionate con un precisa convinzione: la qualità finale nasce solo ed esclusivamente dalla qualità iniziale.
Non ci appartiene la presunzione di voler trasformare in buono ciò che inizialmente non lo è.

I Caminetti Del Sempione, Via Giulio Cesare Procaccini 60
C’è un angolo di Milano dove l’aspetto metropolitano lascia spazio alle atmosfere calde della sera.
Un’ambientazione da favola dove gustare maccheroncini flambati e mantecati nella forma di parmigiano, fiorentina, filetti, tartare, dolci fatti in casa.

Ristorante Da Giulia, Piazza Gramsci 3
Semplicità, genuinità e tradizione: questi gli ingredienti che rendono magico il ristorante Da Giulia. Un luogo dove si riscopre il gusto autentico della cucina mediterranea con un tuffo nel mare della Puglia e una piacevole navigazione che porta fino alle coste della Sicilia.
A orchestrare le gustose danze ci pensa Giulia Grande (di nome di fatto), capace di interpretare con i suoi piatti un universo gastronomico fatto di tipicità, dove colori, profumi e sapidità regionali si incontrano con un pizzico di fantasia.
Negli anni, il locale ha collezionato diversi riconoscimenti, fra cui la Corona Radiosa come Miglior Tavola della Provincia, assegnata dalla Guida Critica Golosa 2014.

Il Massimo Del Gelato, Via Lodovico Castelvetro 18
La gelateria di Castelvetro a Milano vi farà degustare la più vasta scelta di gelati con molte varianti di cioccolato (10 gusti differenti), granite di pura frutta fresca e pasticceria fredda.
Solo il meglio al “Il Massimo del Gelato” il piccolo angolo di paradiso, aperto e amorevolmente gestito dal simpatico proprietario Massimo Travani.
Specialità della casa sono diventati i gusti al cioccolato: ormai ce ne sono 10 tipi diversi che si differiscono innanzitutto per la percentuale di cacao utilizzato, si va dal 75% al 100% dell’Oro Puro arricchito addirittura da scaglie leggerissime di vero oro, ottimi sono il Domori che prende il nome appunto dal celebre cioccolato, il Giamaica al rhum, l’eccellente Cavour, rifacimento del mitico “bicerin” di Torino di cui si riprendono alcuni ingredienti (il caffè, l’amarena ed liquore Rosolio), l’Esmeralda (il cioccolato più classico), l’Azteco (speziato con cannella e peperoncino), il Gianduia, il Wiener küsschen (versione del Bacio), il Fiji (gran marnier, scorze d’arancio farcite e condite).

Ristorante Cook Book, Via Cenisio 72
L’obiettivo di Cookbook e’ quello di dare ai suoi clienti una cucina impeccabile a prezzi contenuti, mantenendo sempre un’altissima qualità dei prodotti.
La cucina, diretta dallo chef Mirko Caserini, è molto attenta all’utilizzo delle materie prime, fresche e genuine e all’utilizzo di prodotti di stagione.
Tutte le paste e i dolci sono fatti in casa giornalmente.
Da Cook Book potete passare meravigliose serate con amici o romantiche cene nella nostra confortevole saletta, degustando i vostri vini preferiti.
Potrete scambiare i vostri libri scegliendone gratuitamente altri dalla nostra fornita biblioteca.
Potrete gustare o acquistare torte e dolcetti per le vostre ricorrenze o per piccoli dolcissimi doni che i vostri amici sicuramente apprezzeranno.

Artico Gelateria, Via Porro Lambertenghi 15
Da 30 anni lavoriamo ogni giorno per offrire il miglior gelato possibile ai nostri clienti.
Tutta la nostra produzione contiene solamente prodotti naturali di prima scelta senza aggiunta di nessun tipo di colorante né conservante aggiunto, ecco perché da noi la menta è bianca ed il pistacchio non è verde-acido.
Ricerchiamo direttamente sul territorio di produzione le materie prime del nostro gelato, lavorate da piccole medie aziende Artigianali.
Le creme, gusti alla frutta e al cioccolato o i nostri gusti speciali?
Tu quali preferisci? Oltre al nostro gelato assaggiate anche le altre specialità, per una pausa golosa o per concludere in dolcezza una bella cena tra amici.

Milan Fashion Week
Da piazza Cordusio a Piazza Cavour
Partendo da piazza Cordusio ed imboccando via Broletto, l’antica direttrice per Como, ci si introduce nel quartiere dell’alta finanza milanese.
Fatti pochi passi, infatti, sulla sinistra gli uffici della San Paolo e sulla destra quelli del Mediocredito Lombardo forniscono una prima idea dell’attivismo bancario di questa zona.
Poco più avanti la Chiesa di San Tomaso con interno del ‘500 ad una navata e facciata neoclassica (colonne ioniche sovrastate da un timpano).
Se si svolta poi sulla destra, in via Bossi, su una laterale sorge palazzo Clerici, costruzione del 1600 ristrutturata ed ampliata nel secolo successivo. All’interno la notevole galleria degli arazzi e un affresco del Tiepolo: “Il carro del sole circondato dai pianeti”.
Proseguendo sulla principale via Broletto, ci si imbatte in una piazzetta, in fondo alla quale si eleva la quattrocentesca chiesa di Santa Maria del Carmine.
La facciata è ad opera del Maciachini e ricalca il modello neogotico di fine Ottocento con un grande rosone centrale e due laterali.
Il portale centrale ha una volta musiva con Madonna e Bambino.
Opere seicentesche del Fiammenghino all’interno. Intorno alla chiesa stretti vicoli con alti palazzi creano la cerchia “nobile” del quartiere di Brera.
Riportandosi sulla direttrice di partenza, via Broletto cambia in Corso Garibaldi, lungo il quale, fatta qualche decina di metri, sulla sinistra, si arriva ad un insieme di edifici ex Fossati, ora appartenenti al teatro Piccolo.
La ristrutturazione ha dato origine al Teatro studio di originale pianta cilindrica. Poco distante sorge, invece, il Nuovo Piccolo, in corrispondenza della fermata di Lanza della metropolitana.
Poco oltre, sulla destra, in fondo ad una bella piazzetta, la chiesa di San Sempliciano, tra le più antiche, perché voluta nel quarto secolo dal vescovo Ambrogio. Come per il precedente edificio religioso del Carmine, anche San Sempliciano ha facciata del Maciachini (1870), ma impianto che dall’originaria pianta centrale paleocristiana ha subito successive modifiche fino all’attuale configurazione a tre navate con nuova abside.
Continuando sul Corso Garibaldi si giunge al largo Foppa, dove, con una sorta di giro di boa, l’itinerario torna indietro ma per via Statuto, verso largo Treves.
Se si attraversa tutta via Solferino, sulla quale si trova l’edificio del “Corriere della sera”, il primo giornale d’Italia, e si sbuca a sinistra in via San Marco, bisettrice tra le vie Pontaccio e Fatebenefratelli.
Sull’omonimo slargo sorge la chiesa di San Marco, la cui costruzione originaria risale alla metà del Duecento.
All’interno, degne di nota le tele del Cerano nel presbiterio e nella navata sinistra quelle di Camillo e Giulio Cesare Procaccini.
A breve distanza sorge il palazzo di Brera, costruzione gesuitica di fine ‘500 di straordinario valore storico ed artistico.
La struttura si è notevolmente ampliata a fine Settecento, quando l'”illuminata” dominazione austriaca ha imposto lo scioglimento del secolare ordine dei Gesuiti, ordinando la costruzione di un Osservatorio astronomico, della Biblioteca Braidense, di un Orto Botanico e della prima milanese Accademia di Belle Arti aperta al pubblico.
Sotto Napoleone l’accademia si è arricchita di importantissime opere d’arte che hanno segnato la storia della pittura nel mondo. A proposito di altissimi documenti dell’arte passata, salendo al primo piano del palazzo per uno scalone, si accede alla Pinacoteca.
I tre assoluti capolavori che fungono da grande richiamo internazionale sono il “Cristo Morto” del Mantegna, splendida e innovativa pietà di fine quattrocento, la Pala di Federico da Montefeltro e la Sposalizio della Vergine di Raffaello.
Procedendo, si incontrano una serie di interessanti edifici: palazzo Cusani n°15, la galleria “il Diaframma” (storica per le esposizioni di fotografia) al n°16 e il rococò palazzo Citterio al n°12.
Nella successiva via Verdi la chiesa San Giuseppe fu costruita su progetto del Ricchino con pianta ottagonale. A pochi passi Piazza della Scala. Se si svolta a destra, si entra nel cosiddetto “quadrilatero della moda”.
Tornando sulla principale via Manzoni, qualche metro più avanti si giunge al Museo Poldi Pezzoli, la cui raccolta risale alla generosa e scrupolosa opera di Gian Giacomo Poldi Pezzoli che fece della propria abitazione uno straordinario museo di valore mondiale.
Oltre al “Ritratto di giovane donna” del Pollaiolo, opera principe della collezione, a rendere unica la casa-museo sono i numerosi prodotti delle cosiddette “arti applicate”, tra cui tappeti, orologi, ceramiche, smalti, armi.
Tra le opere pittoriche capolavori di Piero della Francesca, Botticelli, Raffaello.
Continuando il proprio itinerario su via Manzoni e prendendo a destra per via Montenapoleone, ci si trova sulla strada cittadina più prestigiosa per l’alta moda e più nota al mondo.
Una infinita teoria di vetrine, negozi, botteghe e gioiellerie lussuosissime costellano questa passerella costosa per folli shopping e certo unica nello stile.
La parallela via S.Andrea conduce ad un altro museo di assoluta rilevanza, ossia quello di Storia contemporanea, all’interno di palazzo Bolognini.
Ritornando all’inizio di via Montenapoleone e attraversando via Manzoni, ci si immette in via Borgonuovo, sulla quale aggetta il neoclassico palazzo Moriggia, sede del civico Museo del Risorgimento.
Questa giornata in Milano termina con l’ultimo tratto di via Manzoni, (dopo l’incrocio con Montenapoleone). Si incontrano in successione, infatti, la canonica di S.Francesco ed i palazzi Gallarati Scotti e Borromeo d’Adda. Via Manzoni si conclude con gli arconi di Porta Nuova, con lapidi funerarie romane e un tabernacolo del ‘300. L’itinerario termina in Piazza Cavour.

Alcuni consigli di Eccellenti Attività:

Norin Caffè Bistrò, Via Fara 33
Pizza per tutti i gusti: questa è la caratteristica principale di questo locale, facilmente raggiungibile dalla stazione centrale di Milano, che offre ricercati accostamenti di sapori raffinati che sapranno saziare il più fine dei palati.
Nel locale potrai ordinare la tua pizza scegliendo dall’ampio menù offerto, oltre alla varietà di primi piatti e ricchi dolci disponibili. Su richiesta si organizzano allegre feste di compleanno e per ogni altra ricorrenza.

Ristorante Ai Giardini Paprika e Cannella, Via Lodovico Settala 2
Nel 2008 Davide Paderi e Giovanna Taddei decidono di dare vita al ristorante “Ai Giardini Paprika & Cannella”.
Simpatia, cortesia, qualita’ e buon bere! Il cibo qui e’ un piacere per tutti i 5 sensi.

Gelatiamo, Via Cilea 8/b
La gelateria vi aspetta per gustare uno fra i migliori gelati di Milano, ed altre delizie tra cui Crepe, Frappè, Granite, Torte gelato e piccola pasticceria.
Molti di questi preparazioni sono fatti artigianalmente da Lory.

Gelateria Ice Dream, Via Crescenzago 36
Indirizziamo i nostri clienti con intolleranze verso una linea di cialde e di gusti gluten free per essere liberi di gustare un buon cono gelato in totale tranquillità e sicurezza.
Gelati e sorbetti vegan friendly, privi di latte, panna, burro, uova, totalmente privi di derivati animali. Il gelato è un piacere che dovrebbero godersi tutti.
Crema di yogurt, cioccolato fondente, cocco e tanti altri gusti privi di zucchero per essere sempre in linea e in salute.

La Taverna, Via Francesco Anzani 3
Per i buongustai della pizza napoletana: cornicione alto, non sottile, ottima cottura, impasto digeribilissimo, ci si alza da tavola leggeri e col sorriso sul volto.
Provate la pizza col bordo ripieno di ricotta e crema di funghi, non ha uguali!! Camerieri gentili e affabili.

Gelateria Secondo Procopio, Via Cadore 6
Secondo Procopio è una gelateria artigianale storica di Milano famosa per la qualità del suo gelato e per tutte le altre prelibatezze che soddisfano i palati dei più golosi.
Vi troverete infatti fantastiche torte gelato e semifreddi ideali per festeggiare un avvenimento importante o semplicemente per concludere una cena fra amici.
Da sempre la gelateria punta ad offrire alla propria clientela prodotti di qualità: è per questo che il gelato viene prodotto con ingredienti di primissima qualità, possibilmente stagionali, senza coloranti ne conservanti aggiuntivi.
La genuinità del prodotto lo rende un pasto completo e sano anche per i più piccoli.
Inoltre la gelateria propone gelato per celiaci e per intolleranti al lattosio.

Pasticceria Migliavacca, Via Ajaccio 13
Le prerogative della Pasticceria Migliavacca, oltre alla produzione giornaliera, sono la selezione dei fornitori e l’uso di materie prime scelte e di elevata qualità unite all’utilizzo di metodologie e di impianti classici e moderni al fine di soddisfare anche la clientela più esigente. Fondata nel 1958 da Alberto Migliavacca e dalla moglie Laura, oggi gestita dai figli Alessandro e Luigi e dalle rispettive mogli, Carla e Valentina e coadiuvati in laboratorio dai pasticceri Davide ed Eleonora, dalla giovane commessa Michela.

Nature Service, Via Cesare Lombroso 54
Attratto dai meravigliosi colori che la terra ci dona sotto forma di frutta e ortaggi, Vincenzo SUMMO, titolare della NATURE SERVICE, rileva nel 1980 l’attività di ambulante da suo padre, che giunto a Milano, dal profondo sud (Puglia), nel lontano 1953 cominciò la faticosa ma meravigliosa avventura di venditore.
Questo è un lavoro per veri appassionati della terra, perchè solo chi esercita con passione può avere un bagaglio di conoscenza dei prodotti qualitativi, gustosi, sempre all’avanguardia.
Dopo 20 anni di mercati rionali dando un servizio a tutti, Vincenzo decide di rivolgere la sua esperienza solo esclusivamente alla ristorazione in genere, dalla mensa alla ristorazione più sofisticata.

Bar Pasticceria Vecchia Milano, Via Francesco Reina 14
Vecchia Milano, pasticceria tra le più antiche e rinomate della Lombardia, realizza prodotti dolciari artigianali di alta qualità, usando, nel rispetto delle ricette tradizionali tramandate di generazione in generazione, le migliori materie prime.
La nostra azienda, con oltre cinquantanni di esperienza nel settore, riesce oggi a coniugare la migliore tradizione pasticcera con una particolare attenzione all’igiene ed alla cura nella confezione dei prodotti: riusciamo così ad assicurare alta qualità, asportabilità e freschezza nelle nostre lavorazioni artigianali.

Il Capestrano Ristorante Abruzzese, Via Gian Francesco Pizzi 14
“Il forte legame con la mia terra, la passione per la cucina e l’orgoglio abruzzese mi hanno spronato a creare questa realtà, per far conoscere le tradizioni e i sapori della mia regione.” (Il titolare)
Lo Chef patron ha seguito e segue il progetto de Il Capestrano come un figlio: un work in progress che ogni giorno cresce arricchendosi di nuove ricette, etichette speciali, degustazioni di prodotti tipici, incontri, che hanno sempre come punto di riferimento la cultura, la storia e le tradizioni dell’Abruzzo.
Abruzzo protagonista a 360°, a partire dal menu, i piatti in carta recano semmai la firma dello chef nell’alleggerimento di alcuni condimenti, che oggi, rispetto al passato, non hanno più senso di esistere, ma i protagonisti assoluti restano i prodotti e gli ingredienti del territorio, di cui Il Capestrano si fa con orgoglio vetrina: dall’oro di Navelli, il leggendario zafferano, alla Mortadellina di Campotosto, agli speciali Pecorini, ricordando che qui tutto è fatto in casa, dal pane casereccio, alle paste all’uovo, dagli arrosticini tagliati a mano, alle salse madri per la carne, e per completare con i tradizionali dolci.

Tropi & Co Pizza Club, Viale Ortles 31
Il concetto Tropi&Co nasce dal desiderio di dare vita ad un nuovo modo di mangiare la pizza.
Un pool di imprenditori, esperti nel campo della ristorazione, della produzione alimentare e dell’immagine nella grande distribuzione, che, uniti insieme, hanno sviluppato questa nuova formula unendola ad un elegante layout creato da un famoso studio milanese di architettura.
Non più il concetto classico della pizza a piatto, che per metà diventa fredda e che propone un solo gusto, ma una simpatica e ghiotta carrellata di gusti, sempre diversi e caldi, senza nemmeno l’attesa iniziale del dopo ordine.

Micronido Il Paese Di Alice, Viale Caterina Da Forli 40
Il Micro Nido di Milano è distribuito su circa 95 mq. Una sala polivalente dove i Bambini pranzano o giocano e un’altra stanza polivalente dove è possibile giocare o dormire. Spazio Catering e Bagno Bimbi e personale.
Il Micro Nido Il Paese di Alice , affiliato alla rete in Franchising Il Pianeta dei Bambini ® Srl, sito a Milano è un servizio socio educativo gestito e coordinato dalla Dott.ssa Alice Sacchi Laureata in Psicologia Evolutiva.
L’ Asilo Nido di Milano in Viale Caterina da Forlì è sito in una zona molto tranquilla a pochi minuti dal centro di Milano e facilmente raggiungibile con la metropolitana e i mezzi di superficie. Lo spazio può essere affittato per feste di compleanno, e feste a tema.

Make Up Music & Music, Via Pellegrino Rossi 55
Nata e cresciuta in Francia ma italiana di adozione, Fabienne Rea è da più di vent’anni presente sulla scena italiana ed internazionale, come make up artist del circuito moda. Appassionata di make up fin dalla più tenera età, ha frequento nell’infanzia una scuola d’arte ed incisione su vetro, esponendo in mostre collettive.
Dopo gli studi universitari, ha iniziato la sua carriera da visagista e beauty teacher, a Roma, al fianco del suo grande maestro Gil Cagné. Da sempre affascinata dal mondo della moda, dell’arte, della fotografia, si è trasferita a Milano, dove attualmente lavora come make up artist, per riviste di moda, campagne pubblicitarie, sfilate.
La sua esperienza in Europa, Asia, Stati Uniti, per i più importanti marchi internazionali si è ha arricchita nel tempo di nuovi stimoli artistici. La collaborazione con fotografi, hair stylists, fashion editors, stylists e designers di consolidata professionalità, sui sets fotografici e nei backstages delle sfilate, porta oggi Fabienne a curare meticolosament ogni dettaglio, nella creazione di un’immagine.
Fabienne si occupa da anni di formazione, per accademie di trucco e di estetica e acconciatura.
Organizza corsi di specializzazione professionale, workshops, masterclasses, il cui obiettivo è quello di offrire una formazione centrata sui fondamenti della storia del trucco, ma sempre con occhio attento ai trends stagionali, di cui si rivela sensibile anticipatrice.

Iliprandi, calzature

Anadima Bistrot, Via Pavia 10
Anadima è un ristorante di qualita’ con l’anima del bistrot e colpisce per la sua semplicita’ e il suo modo di coccolarti. E’ un luogo in cui ci si sente come a casa, rasserenati da un’atmosfera informale e familiare ma incredibilmente trendy. Anadima ha un animo versatile capace di uscire dagli schemi e porsi al di fuori delle mode. Anadima è un ambiente in divenire, fatto di appuntamenti musicali, incontri letterari, esposizioni e serate a tema.

Calzature “Have a Kickers Day”, Via Doninzetti 20
Nessuno stereotipo al quale adeguarsi; nessuna identificazione sociale, nessuna tendenza da seguire per sentirsi parte integrante del quotidiano, nessun vincolo al di là dei veri valori Kickers: originalità, libertà, indipendenza, anticonformismo.
Un forte impatto emotivo e uno stile funzionale dal sapore dichiaratamente informale, caratterizzano la collezione pensata per lei e per lui.
Rigorosamente prodotta in Italia da esperti maestri calzaturieri per renderla confortevole e portatrice dello spirito Kickers.

Trattoria Popolare Alla Manu, Via Paolo Rotta 10
La Trattoria Popolare alla Manu è un conosciuto luogo di ritrovo per tutti gli amanti della cucina tipica locale. Il menu del ristorante, infatti, propone numerose proposte culinarie invitanti e realizzate con ingredienti stagionali e genuini.
Il brand e nome dell’insegna è stato concepito in proiezione di una filosofia di convivialità e di stretto contatto con la clientela alla mano, su una visione di un quartiere popolare come Niguarda in Milano. Si accettano tutti i tipi di ticket.
Il ristorante nasce da un progetto della patron Manuela Schiavone ideatrice della filosofia nonché niguardese di origine e dal marito, Pietro Saitta, alchimista della buona cucina. Peculiarità principale del ristorante è proporre piatti realizzati utilizzando ingredienti poveri, ma rivalutati nella loro stagionalità.

Cremeria Rossi La Nuova Tradizione, Piazza Bolivar 7
Nel giugno 2013 abbiamo voluto realizzare un sogno, aprire un’attività tutta nostra dove poter proporre senza “veli” le dolci specialità della nostra terra, la Calabria, a Milano.
Proponiamo il nostro gelato secondo le ricette della storica gelateria di famiglia che troviamo ad oggi sul più bel chilometro d’Italia. La soddisfazione più grande, però, è quella di offrire fino a 12 gusti diversi di granite ogni giorno oltre alla mandorla e al pistacchio, servite rigosoramente con le brioches “con la pallina” da noi prodotte, oltre ai famosi “gelatini” e i cannoli riempiti al momento. Solo qui potere gustare il Bergamotto DOP.
Il nome “Cremeria Rossi” è un omaggio al nostro Vasco, al quale abbiamo dedicato 6 gusti (Sally, Vita Spericolata, Senza Parole, La Strega, Toffee e Un Senso) reinterpretando in gelato le parole delle sue canzoni.

Rosticceria Palazzi, via Plinio 9
Nata nel 1992 da un’idea del sig. Cheodarci Fulvio, un uomo di eccezionale bontà e modestia.
Il signor Gianluca Palazzi è qui da quasi vent’anni con la sua super-gastronomia, tra le più fornite e affidabili della città. Dietro al banco, una squadra di cuochi in divisa. Qualche piano d’appoggio per il consumo sul posto.
Guardando dentro l’aspic della gastronomia Palazzi si intuisce un frammento del nostro futuro, come fosse la sfera di cristallo di un’indovina. Un futuro di frutta di bosco e mele, rivelate nella trasparenza della gelatina al vino bianco (morbida, non troppo zuccherina) che le avviluppa.

Elettricista Mattia Speranzini, Via Abano 9
Realizziamo impianti elettrici ed offriamo assistenza, riparazioni e pronto intervento per privati, industrie, enti pubblici e condomini.
Specializzato nell’illuminazione con tecnologia led.

Argenterie Bernasconi Milano 1872, Via Manzoni 44
Nel 1872 Ernesto Bernasconi inizia un’attività artigianale di argenteria nel laboratorio di via Speronari, nel centro di Milano che, in breve tempo, diviene un riferimento nella manifattura di eccellente qualità.
Nel 1924, la ditta “Bernasconi” ottiene l’importante riconoscimento di “Fornitore della Real Casa” Savoia Re d’Italia.
Nei primi anni ’30, con il contributo dei figli Renzo e Giuseppe, affiancati dalle rispettive mogli Jole e Paola, sono inaugurati il nuovo prestigioso negozio nell’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele II ed il negozio di Addis Abeba in Etiopia.
Negli anni 2000 viene conferito alla ditta “Bernasconi” prima dal Comune di Milano e poi anche dalla Regione Lombardia la qualifica di “Negozio Storico” per il patrimonio di professionalità e tradizioni che si tramandano da generazioni e per il livello qualitativo dei prodotti offerti.

Ristorante e Macelleria “Mucche & Buoi Dei Paesi Tuoi”, C.so di Porta Ticinese 1
Un ambiente particolarissimo e invitante, servizio veloce, giovane e molto professionale.

Sanident Srl, Via Luigi Settembrini 6
Sanident è centro di eccellenza per le cure odontoiatriche. Odontoiatria Generale – Ortodonzia – Chirurgia Implantare. La clinica è dotata di sala chirurgica interna, moderni strumenti diagnostici digitali 3D e tecnologia CAD/CAM.
Gli Impianti dentali in titanio di prima fascia utilizzati da Sanident hanno garanzia internazionale a vita.
Medici e Odontoiatri tutti iscritti all’Albo tra cui Specialisti Relatori di Congressi Internazionali e Docenti Universitari, Rigido Protocollo di Sanificazione e Sterilizzazione.
Attrezzature digitali e materiali di Altissima Qualità.
Centro Medico Polispecialistico e Clinica Dentistica in un’unica struttura d’avanguardia.

Pasticceria Castelnuovo, Via dei Tulipani 18
Gli arredi, la qualità dell’offerta, l’eleganza della “coreografia” che accoglie il cliente fanno pensare ad una pasticceria degna delle vie del centro, catapultata per qualche incantesimo tra i palazzoni della periferia.
Sia benedetto allora quell’incantesimo, perché “l’altra” città ha bisogno di botteghe artigianali come questa.
Si realizzano torte di compleanno e per qualsiasi evento anche con foto personalizzate del cliente.
I nostri servizi catering si effettuano seguendo le Vostre richieste.
Servizi per eventi di qualsiasi genere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *