Turismo: Nasce Tuscany+, guida virtuale interattiva su iPhone

iphone-3g1
Nasce a Firenze Tuscany Plus, primo servizio in Italia per cellulari di ultima generazione, con bussola interna e Gps, che trasforma il telefonino in una guida turistica interattiva. A renderlo disponibile, la fondazione Sistema Toscana di Firenze che ha presentato oggi il nuovo servizio a Palazzo Strozzi, alla presenza del presidente della Fondazione, Claudio Frontera e dell’assessore regionale al Turismo, Cristina Scaletti.

“Per ora funziona solo sull’iPhone 3Gs – ha spiegato Mirko Lalli, responsabile marketing della Fondazione – ma presto sarà disponibile anche per altri cellulari con sistema operativo Android”. L’applicazione, scaricabile gratis dall’App Store di Apple s’inserisce tra le iniziative del progetto di promozione turistica “Voglio vivere così”, ideata nel 2009 da Giuseppe Burshtein e centrata sul portale web www.turismo.intoscana.it. Il principio di funzionamento è la “augmented reality”, ossia la realtà aumentata che consente di ottenere informazioni su monumenti, strade e ristoranti, una volta inquadrato con la videocamera del cellulare il luogo che interessa.Dei ballon su cui cliccare rimandano a informazioni provenienti da Internet, mappe virtuali e commenti di altri utenti. Il cellulare, così, diventerà il nostro Cicerone tra gli Uffizi e Ponte vecchio, informandoci su cosa vedere, dove mangiare piuttosto che su chi ha scolpito il David, o quant’è alta la cappella di Santa Croce. L’obiettivo della fondazione Sistema Toscana, partecipata al 50% da Regione e Monte dei Paschi di Siena, è veicolare l’intera offerta turistica e culturale della Toscana attraverso un percorso multimediale e multicanale che, grazie a internet e al lavoro di una squadra di giovani professionisti, raggiunge ogni giorno almeno 2 milioni di potenziali turisti in tutto il mondo.
Un modo di andare incontro alle esigenze degli utenti, ultimamente arrichitosi anche dall’applicazione per iPhone Tuscany Plus (una sorta di guida interattiva di Firenze), che in qualche modo ha cambiato il concetto stesso di promozione turistica; non più legata a eventi estemporanei e costosi come le fiere ma permanente e adattabile ai gusti dei turisti. “È un approccio molto improntato verso i giovani, verso i ragazzi – ha dichiarato l’assessore Scaletti – un turismo che non ha bisogno di interfaccia alternative o interlocutori intermedi che finiscono per dare una visione parziale e filtrata. Attraverso il portale il turista è direttamente in grado di capire cosa la Toscana offre e cosa può visitare, nella modalità che sceglie”.(Apcom)
 (Apcom)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *