“Life”: ridurre i consumi idrici nel settore agricolo

life project

La Regione Emilia Romagna inaugura un nuovo progetto per ridurre i consumi e gli sprechi di acqua nel settore agroalimentare. Coordinatore del progetto “Life” è Arpa Emilia-Romagna accanto ai partner Regione, Legacoop Emilia-Romagna, Legacoop agroalimentare nord Italia e nazionale in collaborazione con l’associazione Indica.
E’ stato presentato, nel corso di un convegno a Bologna, il progetto europeo Life “Aqua”. Gli obiettivi del progetto sono ridurre i consumi e gli sprechi di acqua nel settore agroalimentare. A questo scopo sono selezionate circa 30 imprese regionali per testare il “water saving kit”, una serie di strumenti tecnologici innovativi capaci di ottimizzare il risparmio d’acqua necessaria al ciclio produttivo.
Ridurre gli sprechi e consumi idrici delle numerose aziende della filiera agroalimentare in Emilia Romagna: il progetto europeo Life, finanziato grazie anche ad un contributo dell’UE, pari a 48 mila euro, coinvolge una trentina di imprese del settore agroindustriale regionale per testare un pacchetto di strumenti di innovazione produttiva e soluzioni tecnologiche – il “water saving kit” – in grado di ottimizzare il risparmio dell’acqua necessaria al ciclo produttivo, massimizzandone riutilizzo e riciclo.
“Per la buona riuscita del progetto è centrale la collaborazione fra il settore pubblico e privato, che – come ha sottolineato l’assessore regionale all’Ambiente Sabrina Freda nel corso del convegno di lancio del progetto che si è svolto a Bologna – dà garanzie sulla qualità e l’attendibilità dei risultati della sperimentazione”.
“Il tema della tutela dell’ambiente – ha sottolineato Freda nel suo intervento – si incrocia oggi con una nuova sensibilità dei cittadini e dei consumatori che mettono in testa agli elementi di valutazione per l’acquisto di un prodotto, anche prima del prezzo, il rispetto della sostenibilità ambientale durante i processi produttivi. E l’attenzione va soprattutto alla risorsa acqua”.
Approvato dalla Commissione europea e avviato a gennaio 2011, il progetto Life “Aqua, Adoption of quality water Use in Agro-industry sector”, ha una durata triennale (2011-2013) e un budget complessivo che ammonta a 850mila euro, cofinanziato al 50% dall’Unione europea.
L’agroalimentare e agroindustriale è oggi in Emilia-Romagna un comparto di eccellenza a livello di produzione, conservazione, trasformazione dei prodotti, fino ai settori limitrofi del packaging industriale, con un’articolazione che comprende cooperative, grandi imprese e collaborazioni proficue tra pubblico e privato.
Eccellenzeitaliane.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *