Prontissimo per l’Expo, il Museo Egizio di Torino si riveste di modernità 2.0

egitto
Il grande momento è arrivato, ci sono voluti cinque anni di lavori e un investimento di 50 milioni di Euro, ma alla fine l’apertura del rinnovato museo Egizio di Torino è stata festeggiata dalla presidente della Fondazione museo delle antichità egizie Evelina Christillin.
“Siamo felici di esserci riusciti rispettando tempi e costi”, ha esordito ringraziando i soci fondatori.
“Ora – sottolinea – abbiamo un mese di rodaggio prima dell’Expo per offrire al suo pubblico un museo perfettamente fruibile.
Averlo tenuto aperto durante tutto il periodo dei lavori è stata una scelta faticosa ma vincente, in quanto ha consentito al pubblico di non dimenticarlo, ma anzi affollarlo in linea con le presenze record (oltre mezzo milione di visitatori, ndr) registrate nel 2014″.

All’inaugurazione odierna hanno partecipato il sindaco della città, Piero Fassino, il presidente della regione Sergio Chiamparino, e il ministro dei beni culturali Dario Franceschini.
Da oggi primo aprile la collezione sarà distribuita su una superficie complessiva ampliata da 6.400 a 10mila metri quadrati, su quattro piani collegati da un sistema di scale mobili che ricreano idealmente un percorso di risalita del fiume Nilo, creato dallo scenografo Dante Ferretti.

egitto2
Assieme a quello del Cairo, il museo di Torino è l’unico interamente dedicato alla cultura dell’antico Egitto, annoverato tra i primi 10 musei più visitati d’Italia e tra i primi 100 al mondo; è stato fondato nel 1824 grazie all’interessamento del re Carlo Felice di Savoia e custodisce un patrimonio di circa 32.500 reperti comprendenti statue di pietra, stele, amuleti, mummie, sarcofagi e papiri, che coprono un arco temporale tra il 4.000 a.C. e il 700 d.C.

Tra i pezzi più importanti la tomba di Kha e Merit, rinvenuta intatta nel 1906 nei pressi di Deir el-Medina dall’egittologo Ernesto Schiapparelli, il Canone Reale o Papiro di Torino e la Cappella di Maia.
Il museo diventa multimediale a tutti gli effetti: i visitatori hanno la possibilità di seguire ogni reperto su tablet e smartphone.

Tra le novità regalate dal restyling ci segnala inoltre la possibilità di vivere un’emozionante passeggiata virtuale in 3D all’interno della galleria dei sarcofagi.
Quest’oggi l’ingresso è gratuito, con apertura non-stop dalle 9 alle 24.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *