Donne alla ricerca del benessere, la vita rifiorisce con la Woman body designer

fitness_donna_felice

Seveso (Lombardia) – Il saggio Albert Einstein era solito ribadire che “non è possibile pretendere che le situazioni cambino continuando a fare le stesse cose che le hanno generate”.
Questa massima, che potrebbe declinarsi con facilità ad ampio raggio, nel settore del fitness è in grado di rivelare tutta la propria validità in tempi fulminei, a prova dunque di qualunque scettico.
La conquista di uno stato di benessere, che conferisca alla persona un’armonica percezione di se stessa, non può prescindere da un approccio di sintesi che vada ad abbracciare l’intero continuum costituito da corpo-mente-emozioni. Questa la chiave di volta.

Il cronista della Commissione di Eccellenze Italiane ha potuto approfondire queste interessanti tematiche avvalendosi della consulenza di Giovanna Piras, richiestissima docente di educazione fisica e fitness, counselor personologico, oltre che autrice di programmi personalizzati di allenamento aerobico e resistenza a marchio registrato, quali Legs Program con Rubband, Stepup Walking, Smart Abdominal.

giovanna_piras
Originale, fuori dagli schemi e dotata di una vitalità travolgente, la coach delle donne ha scelto di mettere la propria esperienza professionale ultra-trentennale al servizio delle persone dinamiche dei giorni nostri, per forza di cose esigenti nell’ottenere risultati tangibili senza dover sostenere lunghe e demotivanti attese.

L’autentica passione e l’entusiasmo che lei infonde nel suo lavoro si percepiscono immediatamente…
Grazie, sono una motivatrice naturale! 🙂
Le persone che praticano i miei corsi cercano una soluzione consapevole per riconnettersi al proprio allineamento posturale esteriore ed interiore.
Vogliono sentirsi bene, sentirsi energiche, tornare a piacersi e a sorridersi davanti allo specchio. Sentono il bisogno di impegnarsi in un’attività fisica divertente, motivante, che le entusiasmi e le appassioni.
Nel mio ruolo di Fitness-Coach le alleno alla felicità di muoversi immaginando il loro corpo ideale ed a lavorare sodo per realizzarlo perché non c’è mai limite al miglioramento.
Una volta iniziato il percorso le aiuto ad incanalare la loro energia in un processo comportamentale costante, costituito di abitudini nuove, progettate per realizzare il risultato desiderato.
Le aiuto ad avere una Nuova Vision di Sé e a perseguirla con determinazione.

Da dove nasce tutta questa sua energia?
Ho capito quale fosse la mia vocazione fin da giovanissima.
Sono entrata in palestra a sei anni e non ne sono ancora uscita.
La mia energia viene dal cuore, si chiama amore: amore per il mio lavoro e per le persone che si affidano alla mia competenza.
Vederle soddisfatte dei loro corpi in trasformazione migliorativa è fonte di gioia, forza ed energia a perseverare nella mia Mission.

Quando e come è scaturita l’ispirazione che l’ha spinta ad intraprendere questo particolare percorso professionale?
Avevo più o meno 25 anni, la mattina tenevo corsi scolastici per bambini pieni di gioia, vitalità ed entusiasmo.
La sera tenevo corsi per gli adulti seriosi che dopo qualche lezione diventavano sorridenti, contenti di muoversi, giocosi e scalpitanti che arrivasse il giorno dell’allenamento; inoltre, prima di rinnovare l’abbonamento, si assicuravano che il corso fosse ancora tenuto da me perché diversamente non avrebbero confermato la re-iscrizione.
Il direttore della Società Sportiva per cui lavoravo venne personalmente a domandarmi cosa facessi di così extra-ordinario per questi clienti soddisfatti che mi definivano “insostituibile”.
Questo episodio mi arricchì emotivamente facendomi sentire di essere sul giusto percorso professionale.

donne_manager

Per quali ragioni Lei ha scelto di seguire una clientela prevalentemente femminile?
Eppure i rappresentanti del “sesso forte” dell’ultima generazione sembrano sempre più ansiosi di apparire in forma e non rifuggono più dinanzi a regimi alimentari controllati e a estenuanti sessioni in palestra… mancano forse di adeguata costanza?
Dopo essere diventata madre, 21 anni fa, ho compreso da vicino le difficoltà psico-fisiche-emotive che la donna incontra prima, durante, dopo la gravidanza e nel dover gestire due macro aree importanti: famiglia e carriera.
Tra i bisogni femminili più insaziati emerge il tempo. Il secondo bisogno è disporre di un coach/trainer/ guru da interpellare in caso di difficoltà per “ritrovare il tono muscolare” o semplicemente “per recuperare l’energia mentale e motivazionale”.
La donna/madre/moglie/professionista/lavoratrice deve adempiere a ruoli e responsabilità sempre crescenti ma il ristretto tempo di cui dispone per se stessa la penalizza emotivamente fino alla ripercussione sulla Forma Fisica. E l’eccellente Forma Fisica non può prescindere da un buon allenamento mentale!
Questo fatto mi ha spinta a diventare una Allenatrice Mentale specializzata in Coaching, Counseling e PNL (Programmazione Neuro Linguistica).
Gli uomini? Gli uomini li raggiungo attraverso la donna.
Una donna in crescita e sviluppo personale è un soggetto trainante e l’uomo che ne viene felicemente coinvolto entra anch’egli in un eccellente processo evolutivo mentale, comportamentale, fisico, emotivo e spirituale.
Credo molto negli uomini e quando mancano di costanza – al pari delle donne – hanno una falla in qualche ambito della vita. Non è colpa loro.
L’essere umano non è strutturato per essere demotivato e qualora lo fosse esiste una causa da scoprire, accettare, elaborare, equilibrare. In questo specifico caso occorre lavorare prima la mente e poi il corpo della persona.
Riguardo a diete e regimi alimentari controllati ed estenuanti ritengo – come asserito dalle ultime ricerche scientifiche – che la loro “inutilità” sia del tutto conclamata. Per prima cosa occorre restituire al soggetto fuori forma una sua propria identità e un valore personale che non derivano e non dipendono dal peso.
Poi occorre guidarlo dignitosamente verso un nuovo stile di vita con abitudini e comportamenti diversi dai precedenti. A questo punto il processo di miglioramento è attivato.

“Mens sana in corpore sano”, questa correlazione era già ben nota ai nostri antenati.
Nel percorso odierno di una persona che desideri migliorare il proprio aspetto fisico, quanto influisce il saper riconoscere e scardinare quei meccanismi di convinzioni autolimitanti ed emozioni/pensieri di natura distruttiva che un po’ tutti noi celiamo all’interno della nostra psiche?
“Mens sana in corpore sano” è l’emblema della mia filosofia professionale.
Il Nuovo Fitness di cui sono pioniera e per la cui diffusione sto lavorando da tempo è basato su questa formula magica.
Gli antichi avevano una saggezza interiore che appartiene anche a noi: dobbiamo re-imparare ad ascoltarci.
Ascoltarsi significa saper correlare la mente e il corpo, ad esempio, se duole un dente anche la mente viene coinvolta.
Se si ha un pensiero infelice nella mente anche il corpo diventa infelice.

free-lady
Ora affrontiamo il tema delle convinzioni!
La psicologia delle convinzioni è determinante sia per ottenere che per non ottenere un risultato.
Le convinzioni auto-limitanti sono vere e proprie condizioni di stallo.
Rappresentano una sorta di cablaggio neurale che delimita e imprigiona le umane potenzialità sabotando il soggetto ad un adattamento alla scarsità fisica, mentale, emotiva e spirituale.
Normalmente le convinzioni che operano in noi sono influenzate dall’ambiente (luogo di nascita, ceto sociale, cultura, persone che ci condizionano credendo di fare il nostro bene) e dall’esperienza del nostro vissuto.
Tuttavia essendo dotati di libero arbitrio e portatori di una forte curiosità naturale c’è una parte di noi che ci spinge ad “intraprendere nuove strade”.
Il mio ruolo professionale interviene proprio qui: cioè quando la persona decide di intraprendere nuove strade e di guardare negli occhi le proprie convinzioni limitanti.

Facciamo un esempio pratico:
Convinzione limitante:
Se si è “convinti di non farcela e di non riuscire a cambiare” non ci si mette in gioco, non ci si impadronisce delle proprie potenzialità, ci si rifiuta di fare azioni nuove, si stagna nell’ozio per paura di iniziare un nuovo comportamento alimentare e poi mollare, si evita un’iscrizione in palestra pensando che tanto poi non la si sfrutterà per assenteismo.
Così facendo non si ottengono risultati e la convinzione limitante viene salvata attraverso la perversa consolazione di non aver rischiato nulla.

Convinzione potenziante:
Se si è convinti che la volontà, la caparbietà, la determinazione siano il capitale iniziale per avviare qualsiasi impresa vittoriosa si decidono gli obiettivi, si prepara il piano d’azione e ci si impegna seriamente facendo azioni precise e concrete.
Ad esempio: si decide di frequentare un corso o si contatta un coach per un percorso one to one.

Dedichiamoci ora alla bellezza del viso, tematica di grande attenzione per una donna.
La nostra redazione di Eccellenze Italiane è rimasta davvero impressionata dal raffronto “prima-dopo” delle foto di alcune sue clienti che hanno seguito il suo programma di ginnastica mirata alla tonificazione dei muscoli facciali.
Davvero uno sbalorditivo effetto lifting totalmente naturale!
Una persona con i lineamenti già compromessi (a causa di sbalzi di peso, nutrizione squilibrata, fumo, etc…) è dunque in grado di risollevare i propri zigomi senza più dover ricorrere al chirurgo plastico?
La risposta è assolutamente affermativa!
I muscoli del viso sono oltre una trentina, alcuni superficialissimi e delicati, altri profondi e di discreto spessore; al contrario dei muscoli scheletrici vengono chiamati cutanei o pellicciai perché si inseriscono direttamente sulla pelle – non sono quindi scollati dal derma – ed esercitano su di essa le loro trazioni e contrazioni. Ad esempio: per sorridere si mettono in movimento 17 muscoli, per accigliarsi 33!
Il viso, come ogni altra parte del corpo, subisce la forza di gravità cedendo verso il basso esattamente come i glutei o il seno ma attraverso specifici esercizi di contrazione – e in un tempo brevissimo – i risultati si vedono! Il viso e’ anche un rilevatore espressivo del benessere fisico ed emotivo.

Nutrirsi di cibi vegeti, cioè vivi, bere proporzionalmente al proprio peso (la formula è: 35ml x n. Kg di peso = quantità di acqua personalizzata. Esempio: se una persona pesa 70 Kg si calcola 35×70= 2,45. La persona dovrà quindi bere 2,45 lt di acqua al dì) e riuscire a gestire un equilibrio emozionale favorisce l’espressione di un viso disteso e sereno.

muscoli-faccialiDi seguito una panoramica dei principali muscoli del viso.
1) Frontale: solleva il sopracciglio e spalanca gli occhi.
2) Orbicolare dell’occhio: chiude la rima palpebrale.
3) Zigomatico del labbro superiore: tira la commessura delle labbra in alto e fuori, come nel sorriso.
4) Quadrato del labbro superiore: innalza il labbro superiore ed in parte l’ala del naso .
5) Canino: sotto al quadrato, solleva l’angolo della bocca.
6) Buccinatore della guancia: tira indietro la commessura labiale e nella masticazione comprime guancia e labbra contro l’arcata dentale.
7) Massetere: è un muscolo scheletrico deputato a sollevare la mandibola, come nella masticazione.
8) Orbicolare della bocca: chiude la bocca, restringe la rima buccale e corruga le labbra.
9) Quadrato del labbro inferiore: tira in basso e fuori il labbro. La sporgenza in avanti del labbro è favorita anche dall’azione del muscolo incisivo, sottostante al quadrato.
10) Muscolo mentale: innalza e raggrinza il mento, solleva il labbro inferiore e lo incurva in basso.
11) Platisma (muscolo pellicciaio del collo); porta leggermente in basso la mandibola e stira in basso il labbro inferiore fino a scoprire i denti. Evita anche lo schiacciamento delle vene superficiali del collo.
12) Sternocleidomastoideo: è un altro muscolo scheletrico che flette la testa, la inclina dal proprio lato e fa ruotare la faccia dal lato opposto.

Quanto tempo ogni giorno è necessario dedicare alla ginnastica facciale per un corretto mantenimento dei risultati ottenuti?
Una volta assimilati gli esercizi di contrazione della muscolatura bastano 15/20 minuti al giorno!

viso_prima_dopoRaffronto che mostra i sorprendenti risultati della ginnastica facciale
dopo solo mezzora d’allenamento!

Per maggiori informazioni:
www.legsprogramschool.com
www.legsprogramschool.com/ginnastica_facciale.php
www.facebook.com/legsprogramschool

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *