UE conferma Italia leader nel settore con 227 Dop e Igp

alt

L’Italia si dimostra una volta ancora il paese dell’originalità e della varietà enogastronomica. Il primo paese in Europa a vantare prodotti di alta qualità, vantando un nuovo primato con ben 227 prodotti tipici Dop e Igp. Una leadership che si mantiene salda all’interno del comparto enogastronomico europeo.

Il nostro “Bel Paese” con dieci nuovi riconoscimenti comunitari di prodotti agroalimentari e denominazione d’origine Dop Denominazione di origine protetta) e Igp (Indicazione geografica protetta) ottenuti nel 2011, rafforza la sua posizione di leader europeo dell’agroalimentare di qualità, esaltando ancora una volta il grande lavoro delle nostre eccellenze italiane. L’ultimo in ordine cronologico è stato aggiunto dalla Commissione Europea il 22 giugno scorso, inserendo nel Registro delle denominazioni di origine protetta e indicazione geografica: “Fichi di Cosenza”. Il nome viene aggiunto alla lista di oltre 1000 nomi di prodotti già protetti in virtu della legislazione sulla protezione delle specialità tradizionali.

Per il 48,5% degli italiani, secondo il rapporto mensile dell’Osservatorio nazionale del turismo, la degustazione di prodotti enogastronomici locali rappresenta infatti una delle principali attività vacanziere, preceduta dal relax del tracking (55%) e nettamente preferita alle visite a musei e monumenti (29%). Il presidente di Agriturist, Vittoria Brancaccio, afferma: “Se tante specialità agroalimentari italiane si fregiano dei marchi europei Dop e Igp il merito è soprattutto degli agricoltori che, nonostante la crisi, investono sulla certificazione d’origine e di processo produttivo, puntando soprattutto sulla cucina tradizionale, la ristorazione di qualità, il turismo, l’esportazione”.

I 227 prodotti agroalimentari italiani riconosciuti dall’Unione europea Dop e Igp costituiscono una avanguardia particolarmente qualificata e certificata, alle spalle della quale vi sono 4.511 prodotti tradizionali selezionati dalle Regioni, alcuni dei quali già in lista di attesa per ottenere dall’Unione europea il marchio Dop o Igp. Protagoniste di questo trend positivo per il settore sono soprattutto le ventimila aziende agrituristiche italiane che riscoprendo varietà vegetali e razze animali tipiche dei diversi territori, offrono ristorazione, vendendo le proprie specialità e spedendo in ogni parte del mondo ciò che i turisti ospitati hanno assaggiato e apprezzato durante il soggiorno nelle campagne italiane.

La classifica aggiornata per i prodotti Dop e Igp: Italia 227, Francia 183, Spagna 146.

Eccellenzeitaliane.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *