Nocciola Piemonte (IGP)

nocciola-del-piemonte

Art. 1
La indicazione geografica protetta “Nocciola Piemonte” è riservata ai frutti che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.
Art. 2
La denominazione “Nocciola Piemonte” designa il frutto della cultivar di nocciolo “Tonda Gentile delle Langhe”, coltivata nel territorio idoneo della regione Piemonte, definito nel successivo art. 3.
Art. 3
La zona di produzione della “Nocciola Piemonte” comprende il territorio della regione Piemonte atto alla coltivazione della nocciola ed è così determinato: Provincia di Alessandria – intero territorio dei seguenti comuni Acqui Terme, Albera Ligure, Alessandria, Alfiano Natta, Alice Bel Colle, Altavilla Monferrato, Arquata Scrivia, Avolasca Basaluzzo, Belforte Monferrato, Bergamasco, Berzano di Tortona, Bistagno, Borghetto di Borbera,.Borgoratto Alessandrino, Bosco Marengo, Bosio, Brignano Frascata, Cabella Ligure, Camagna, Camino, Cantalupo Ligure, Capriata d’Orba, Carbonara Scrivia, Carentino, Carezzano, Carpaneto, Carrega Ligure, Carrosio, Cartosio, Casal Cermelli, Casaleggio Boiro, Casale Monferrato, Casasco, Cassano Spinola, Cassine, Cassinelle, Castelliania, Castellazzo Bormida, Castelletto D’Erro, Castelletto D’Orba, Castelletto Merli, Castelletto Monferrato, Castelnuovo Bormida, Castelspina , Cavatore, Cellamonte, Cereseto Monferrato, Cerreto Grue, Cerrina, Conzano, Costa Vescovato, Oremolino, Cuccaro Monferrato, Denice, Dernice, Fabbrica Curone, Felizzano, Fraconalto, Francavilla Bisio, Frascaro, Frassinello Monferrato, Fresonara, Frugarolo, Fubine, Gabiano, Gamalero, Garbagna, Gavazzana, Gavi, Gremiasco, Grognardo, Grondona, Lerma, Lu, Malvicino, Masio, Melazzo, Merana, Mirabello Monferrato, Molare, Mombello Monferrato, Momperone, Moncestino, Mongiardino Ligure, Monleale, Montacuto, Montaldeo, Montaldo Bormida, Montechiaro d’Acqui, Montegioco, Montemarzino, Morbello, Mornese, Morsasco, Murisengo, Novi Ligure, Odalengo Grande, Odalengo Piccolo, Olivola, Orsara Bormida, Ottiglio, Ovada, Oviglio, Ozzano Monferrato, Paderna, Pareto, Parodi Ligure, Pasturana, Pecetto di Valenza, Pontestura, Ponti, Ponzano Monferrato, Ponzone, Pozzol Groppo, Pozzolo Formigaro, Prasco, Predosa. Quargnento, Quattordio, Ricaldone, Rivalta Bormida, Roccaforte Ligure, Rocca Grimalda, Rocchetta Ligure, Rosignano Monferrato, Sala Monferrato, San Cristoforo, San Giorgio Monferrato, San Salvatore Monferrato, San Sebastiano Curone, Sant’ Agata Fossili, Sardigliano, Sarezzano, Serralunga Di Crèa, Serravalle Scrivia, Sezzadio, Silvano D’Orba, Solero, Solonghello, Spigno Monferrato, Spineto Scrivia, Stazzano, Strevi, Tagliolo Monferrato, Tassarolo, Terruggia, Terzo, Tortona, Treville, Trisobbio, Valenza, Vignale Monferrato, Vignole Borbera, Villadeati, Villalvenia, Villamiroglio, Villaromagnano, Visone, Volpedo, Volpeglino, Voltaggio.
Provincia di Asti – intero territorio dei seguenti comuni: Agliano, Albugnano, Antignano, Aramengo, Asti, Azzano d’Asti, Baldichieri, Belveglio, Berzano di San Pietro, Bruno, Bubbio, Buttigliera d’Asti, Calamandrana, Calliano, Calosso, Camerano Casasco, Canelli, Cantarana, Capriglio, Casorzo, Cassinasco, Castagnole delle Lanze, Castagnole Monferrato, Castel Boglione, Castell’Alfero, Castellero, Castelletto Molina, Castello di Annone, Castelnuovo Belbo, Castelnuovo Calcea, Castelnuovo Don Bosco, Castel Rocchero, Cellarengo, Celle Enomondo, Cerreto d’Asti, Cerro Tanaro, Cessole, Chiusano d’Asti, Cinaglio, Cisterna d’Asti, Coazzolo, Cocconato, Colcavagno, Corsione, Cortandone, Cortanze, Cortazzone, Cortiglione, Cossombrato, Costigliole d’Asti, Cunico, Dusino San Michele, Ferrere, Fontanile, Frinco, Grana, Grazzano Badoglio, Incisa Scapaccino, Isola d’Asti, Loazzolo, Maranzana, Maretto, Moasca, Mombaldone, Mombaruzzo, Mombercelli, Monale, Monastero Bormida, Moncalvo, Moncucco Vorinese, Mongardino, Montabone, Montafia, Montaldo Scarampi, Montechiaro d’Asti, Montegrosso d’Asti, Montemagno, Montiglio, Moransengo, Nizza Monferrato, Olmo Gentile, Passerano Marmorito, Penango, Piea, Pino D’Asti, Piovà Massaia, Portacomaro, Quaranti, Refrancore, Revigliasco d’Asti, Roatto, Robella, Rocca d’Arazzo, Roccaverano, Rocchetta Palafea, Rocchetta Tanaro, San Damiano d’Asti, San Giorgio Scarampi, San Martino Alfieri, San Marzano Oliveto, San Paolo Solbrito, Scandeluzza, Scurzolengo, Serole, Sessame, Settime, Soglio, Tigliole, Tonco, Tonengo, Vaglio Serra, Valtenera, Vesime, Viale d’Asti, Viarigi, Vigliano, Villafranca d’Asti, Villanova d’Asti, Villa San Secondo, Vinchio.
Provincia di Cuneo – intero territorio dei seguenti comuni: Aisone, Alba, Albaretto della Torre, Alto, Arguello, Bagnasco, Bagnolo Piemonte, Baldissero d’Alba, Barbaresco, Barge, Barolo, Bastia Mondovi, Battifollo, Beinette, Belvedere Langhe, Bene Vagienna, Benevello, Bergolo, Bernezzo, Bonvicino, Borgomale, Borgo San Dalmazzo, Bosia, Bossolasco, Boves, Bra, Briaglia, Brondello, Brossasco, Busca, Camerana, Camo, Canale, Caprauna, Caraglio, Caramagna Piemonte, Carde, Carrù, Catignano, Casalgrasso, Castagnito, Castellar, Castelletto Uzzone, Castellinaldo, Castellino Tanaro, Castelnuovo di Ceva, Castiglione Falletto, Castiglione Tinella, Castino, Cavallermaggiore, Ceresole d’Alba, Cerreto Langhe, Cervasca, Cervere, Ceva, Cherasco, Chiusa di Pesio, Ciglié, Cissone, Clavesana, Corneliano d’Alba, Cortemilia, Cossano Belbo, Costigliole Saluzzo, Cravanzana, Cuneo, Demonte, Diano d’Alba, Dogliani, Dronero, Envie, Farigliano, Faule, Feisoglio, Fossano, Frabosa Soprana, Frabosa Sottana, Frassino, Gaiola, Gambasca, Garessio, Gorzegno, Gottasecca, Govone, Grinzane Cavour, Guarene, Igliano, Isasca, La Morra, Lequio Berna, Lequio Tanaro, Lesegno, Levice, Lisio, Maghano Alfieri, Magliano Alpi, Mango, Manta, Marene, Margarita, Marsaglia, Martiniana Po, Melle, Molola, Mombarcaro, Mombasiglio, Monastero di Vasco, Monasterolo Casotto, Monchiero, Mondovì, Monesiglio, Monforte d’Alba, Montà, Montaldo di Mondovì, Montaldo Roero, Montanera, Montelupo Albese, Montemale di Cuneo, Monterosso Grana, Monteu Roero, Montezemolo, Monticello d’Alba, Morozzo,.Murazzano, Narzole, Neive, Neviglie, Niella Belbo, Niella Tanaro, Novello, Nucetto, Ormea, Paesana, Pagno, Pamparato, Paroido, Perletto, Perlo, Peveragno, Pezzoio Valle Uzzone, Pianfei, Piasco, Piobesi d’Alba, Piozzo, Pocapaglia, Polonghera, Priero, Priocca, Priola, Prunetto, Racconigi, Revello, Rifreddo, Rittana, Roaschia, Roascio, Robilante, Roburent, Roccabruna, Rocca Ciglié, Rocca De’ Baldi, Roccaforte Mondovi, Roccasparvera, Roccavione, Rocchetta Belbo, Roddi, Roddino, Rodello, Rossana, Sale delle Langhe, Sale San Giovanni, Saliceto, Salmour, Saluzzo, San Benedetto Belbo, San Damiano Macra, Sanfré, Sanfront, San Michele Mondovì, Sant’Albano Stura, Santa Vittoria d’Alba, Santo Stefano Belbo, Santo Stefano Roero, Scagnello, Serralunga d’Alba, Serravalle Langhe, Sinio, Somano, Sommariva del Bosco, Sommariva Perno, Torre Bormida, Torre Mondovi, Torresina, Treiso, Trezzo Tinella, Trinità, Valdieri, Valgrana, Valloriate, Valmala, Venasca, Verduno, Verzuolo Vezza d’Alba, Vicoforte, Vignolo, Villanova Mondovi, Villar San Costanzo, Viola.
Provincia di Novara – intero territorio dei seguenti comuni: Agrate Conturbia, Ameno, Arona, Bellinzago Novarese, Boca, Bogogno, Bolzano Novarese, Borgomanero, Borgo Ticino, Briga Novarese, Cameri, Castelletto Sopra Ticino, Cavallino, Colazza, Comignago, Cureggio, Divignano, Dormelletto, Fontaneto d’Agogna, Galliate, Gattico, Ghemme, Gozzano, Grignasco Invorio, Lesa, Maggiora, Marano Ticino, Massino Visconti, Meina, Mezzomerico, Nebbiuno, Oleggio, Oleggio Castello, Paruzzaro, Pisano, Pogno, Pombia, Prato Sesia, Romagnano Sesia, San Maurizio d’Opaglio, Sizzano, Soriso, Varallo Pombia, Veruno.
Provincia di Torino – intero territorio dei seguenti comuni: Aglìé, Albiano d’Ivrea, Alice Superiore, Almese, Alpignano, Andezeno Arignano, Avigliana, Azeglio, Bairo, Balangero, Baldissero Canavese, Baldissero Torinese, Banchette, Barbania, Barone Canavese, Bibiana, Bollengo, Borgiallo, Borgofranco d’Ivrea, Borgomasino, Borgone di Susa, Bosconero, Bricherasio, Brozolo, Bruino, Brusasco, Bruzolo, Buriasco, Burolo, Busano, Bussoleno, Buttigliera Alta, Cafasse, Cambiano, Campiglione Fenile, Candia Canavese, Canischio, Cantalupa, Caprie, Caravino, Carmagnola, Casalborgone, Caselette, Castagneto Po, Castellamonte, Castelnuovo Nigra, Castiglione Torinese, Cavagnolo, Cavour, Chianocco, Chiaverano, Chieri, Chiesanuova, Chiomonte, Chiusa San Michele, Ciconio, Cintano, Cinzano, Coassolo Torinese, Coazze, Colleretto Castelnuovo, Colleretto Giacosa, Condove, Cono, Cossano Canavese, Cuceglio, Cumiana, Cuorgné, Exilles, Favria, Feletto, Fiano, Fiorano Canavese, Forno Canavese, Front, Frosbasco, Garziglianà, Gassino Torinese, Germagnano, Giaveno, Givoletto, Gravere, Grosso, Inverso Pinasca, Isolabella, Issiglio, Ivrea, La Cassa, Lanzo Torinese, Lauriano, Lessolo, Levone, Loranzè, Lugnacco, Luserna .San Giovanni, Lusernetta, Lusiglié, Macello, Maglione, Marentino, Mathi, Mattie, Mazzé, Meana di Susa, Mercenasco, Moncalieri, Montaldo Torinese, Montalenghe, Montalto Dora, Monteu da Po, Moriondo Torinese, Nole, Nomaglio, Oglianico, Orio Canavese, Osasco, Ozegna, Palazzo Canavese, Parella, Pavarolo, Pavone Canavese, Pecco, Pecetto Torinese, Perosa Argentina, Perosa Canavese, Pertusio, Pinasca, Pinerolo, Pino Torinese, Piossasco, Piverone, Poirino, Porte, Pcalormo, Prarostino, Prascorsano Quagliuzzo, Rivalba, Riva Presso Chieri, Rivara, Rivarolo Canavese, Rivarosso, Rocca Canavese, Roletto, Romano Canavese, Rosta, Rubiana, Rueglio, Salassa, Salerano Canavese, Samone, San Benigno Canavese, San Colombano Belmonte, San Didero, Sangano, San Germano Chisone, San Giorgio Cànavese, San Giorgio di Susa, San Giusto Canavese, San Martino Canavese, San Mauro Torinese, San Pietro VaI di Lemma, San Ponso, San Raffaele Cimena, San Sebastiano da Po, San Secondo di Pinerolo, Sant’Ambrogio di Torino, Sant’Antonino di Susa, Santena, Scarmagno, Sciolze, Settimo Rottaro, Settimo Vittone, Strambinello, Strambino, Susa, Torino, Torre Canavese, Trana, Trofarello, Vaie, Val della Torre, Valgioie, Vallo Torinese, Valperga, Varisella, Vauda Canavese, Verrua Savoia, Vestigné, .Vialfré, Vidracco, Villanova Canavese, Villarbasse, Villar Dora, Villar Focchiardo, Villar Perosa, Villastellone, Vistrorio, Volpiano.
Provincia di Vercelli – intero territorio dei seguenti comuni: Alice Castello, Biella, Bioglio, Borgosesia, Borriana, Brusnengo, Camburzano, Candelo, Casapinta, Castelletto Cervo, Cavaglia, Cellio, Cerreto Castello, Cerrione, Cossato, Crosa, Curino, Gaglianico, Gattinara, Ghislarengo, Lenta, Lessona, Lozzolo, Magnano, Masserano, Mezzana Mortigliengo, Moncrivello, Mongrando, Mosso Santa Maria, Mottalciata, Occhieppo Interiore, Occhieppo superiore, Roasio, Ronco Biellese, Roppolo, Sala Biellese, Sandigliano, Serravalle Sesia, Soprana, Sostegno, Strona, Ternengo, Tollegno, Torrazzo, Valdengo, Valduggia, Vallanzengo, Valle Mosso Valle San Nicolao, Vigliano Biellese, Villa del Bosco, Viverone, Zimone, Zubiena, Zumaglia.
Art. 4
Le condizioni ambientali di coltura dei noccioleti destinati alla produzione di “Nocciola Piemonte” devono essere quelle tradizionali della zona, e comunque atte a conferire, al prodotto che ne deriva, le specifiche caratteristiche di qualità. I sesti di impianto e le forme dì allevamento devono essere quelli in uso generalizzato e riconducibili alla coltivazione a “cespuglio” ed, eccezionalmente, monocaule, con una densità per Ha variabile tra 250 e 400 piante. Le cure colturali ed i sistemi di potatura e di raccolta devono essere quelli generalmente usati e, in special modo per i nuovi impianti, devono essere atti a non modificare le caratteristiche dei frutti La produzione unitaria massima consentita di “Nocciola Piemonte” è fissata in 35 ql/Ha di coltura specializzata; nell’ambito di questo limite la regione Piemonte, tenuto conto dell’andamento stagionale e delle condizioni ambientali di coltivazione, fissa annualmente entro il 15 agosto, in via indicativa, la produzione media unitaria della “Nocciola Piemonte” e la data di inizio della raccolta, dopo aver sentito il parere delle Organizzazioni professionali e degli Enti ed Istituti interessati.
La eventuale conservazione della “Nocciola Piemonte”, al fine di dilazionarne la commercializzazione, deva essere effettuata secondo i metodi tradizionali.
Art. 5
La sussistenza delle condizioni tecniche d’idoneità di cui al precedente art. 4 è accertata dalla regione Piemonte.
I noccioleti idonei alla produzione della “Nocciola Piemonte” saranno inseriti in un apposito Albo tenuto, attivato, aggiornato e pubblicato dalle Camere di commercio industria, artigianato ed agricoltura competenti per territorio. Copia di tale Albo deve essere depositata presso tutti i comuni compresi nel territorio di produzione.
Il Ministero per il coordinamento delle politiche agricole alimentari e forestali in merito all’attivazione del suddetto Albo ed alla modulistica da adottarsi per le iscrizioni, le denunce annuali di produzione e le certificazioni conseguenti emanerà, per un corretto ed opportuno controllo della produzione riconosciuta e commercializzata annualmente con la indicazione. geografica, apposita normativa.
Art. 6
La “Nocciola Piemonte” deve rispondere alle seguenti caratteristiche merceologiche: forma della nocula: sub-sferoidale o parzialmente sub-sferoidale-trilobata; dimensioni: non molto uniformi, con calibri prevalenti da 17 a 21 mm.; guscio: di medio spessore, di color nocciola mediamente intenso, di scarsa lucentezza, con tomentosita diffuse all’apice e striature numerose, ma poco evidenti; seme: di forma variabile (sub-sferoidale, tetraedrica e talvolta ovoidale); colore più scuro del guscio; per lo più ricoperto da fibre, con superficie corrugata e solcature più o meno evidenti; dimensioni più disformi rispetto alla nocciola in guscio; perisperma di medio spessore ma di eccellente distaccabilita alla tostatura; tessitura compatta e croccante; sapori ed aromi finissimi e persistenti; resa alla sgusciatura variabile, ma comunque compresa tra 40% e 50 %.
Art. 7
La commercializzazione della “Nocciola Piemonte” deve avvenire secondo le seguenti modalità: a) per prodotto in guscio: in sacchi di tessuto idoneo; b) per prodotto sgusciato: in sacchi di carta o di tessuto idoneo, od in scatole di cartone.
In tutti i casi i contenitori in cui avviene la commercializzazione dovranno essere sigillati in modo tale da impedire che il contenuto possa essere estratto senza la rottura del sigillo.
Sui contenitori stessi dovranno essere indicate, in caratteri di stampa delle medesime dimensioni, le diciture: “NOCCIOLA PIEMONTE” e “INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA”, oltre agli estremi atti ad individuare: – nome, ragione sociale ed indirizzo del confezionatore; – annata di produzione delle nocciole contenute; – peso lordo all’origine.
A richiesta dei produttori interessati può essere autorizzato un simbolo grafico relativo all’immagine artistica, eventualmente compresa la base colorimetrica, del logo figurativo o logotipo specifico ed univoco da utilizzare in abbinamento inscindibile con l’indicazione geografica.
Dovrà figurare inoltre la dizione “PRODOTTO IN ITALIA”, per le partite destinate all’esportazione.
Art. 8
È fatto divieto di usare, con la denominazione di cui all’art. 1, qualsiasi altra denominazione ed aggettivazione aggiuntiva, fatta salva la menzione varietale “Tonda Gentile delle Langhe”.
Art. 9
Chiunque produce, pone in vendita, o comunque utilizza per la trasformazione, con la denominazione “Nocciola Piemonte”, un prodotto che non risponda alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione, é punito a norma degli artt. 515 e 516 del Codice Penale e dell’art.18 del Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n.109.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *