Marrone della Valle di Susa (IGP)

alt

alt

Regione: Piemonte
Riconoscimento CE:  2010

Art. 1
DENOMINAZIONE
L’indicazione geografica protetta “MARRONE della VALLE di SUSA” è riservata ai frutti allo
stato fresco ottenuti da alberi di Castagno (Castanea sativa Mill:), che rispondono alle condizioni
ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.
Art. 2
DESCRIZIONE DEL PRODOTTO
La denominazione “MARRONE della VALLE di SUSA” designa il frutto ottenuto con ecotipi:
locali correntemente designati col nome del comune di provenienza e precisamente sono Marrone
di San Giorio di Susa, Marrone di Meana di Susa, Marrone di Sant’Antonino di Susa, Marrone di
Bruzolo e Marrone di Villar Focchiardo.
2.1
CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO
Il “MARRONE della VALLE di SUSA” deve, possedere, le seguenti caratteristiche:
Numero di frutti per riccio in nessun caso superiore a tre
Forma elissoidale , apice poco pronunciato con presenza di tomento, terminante con residui stilari
(torcia) anch’essi tomentosi: ( con una faccia laterale tendenzialmente piatta, l’altra marcatamente
convessa);
Pericarpo di colore marrone – avana con tendenza al rossiccio, sottile, con striature fitte rilevate e di
colore più scuro, in numero variabile 25 – 30, (facilmente distaccabile dall’episperma);
Episperma di colore nocciola camosciato, poco invaginato e che si separa facilmente dal seme;
Cicatrice ilare (base) di forma ellittica che tende al rettangolare con dimensioni tali da non
debordare sulle facce laterali, generalmente piatta e di colore più chiaro del pericarpo, con residua
pelosità al contorno;
Raggiatura stellare medio – grande, evidente, i raggi arrivano fin quasi alla linea di contorno;
Pezzatura medio- grossa: non più di 85 frutti/kg, con tolleranza non superiore al 10% del numero di
frutti per Kg.
Il seme, uno per frutto, presenta polpa bianca o bianco – crema, croccante e di gradevole sapore
dolce con superficie quasi priva di solcature; limitati i frutti con seme diviso (settato) che non
devono essere superiori al 10% come non sono ammessi difetti interni ed esterni maggiori del 10%
(frutti bacati, ammuffiti, attaccati dal nerume).
Art. 3
ZONA DI PRODUZIONE
La zona di produzione del “MARRONE della VALLE di SUSA” comprende l’intero territorio dei
seguenti comuni in provincia di Torino: Almese, Avigliana, Borgone Susa, Bruzolo, Bussoleno,
Caprie, Chianocco, Chiomonte, Chiusa San Michele, Condove, Exilles, Giaglione, Gravere, Mattie,
Meana di Susa, Mompantero, Novalesa, Rubiana, Salbertrand, San Didero, San Giorio di Susa,
Sant’Ambrogio di Torino, Sant’Antonino di Susa, Susa, Vaie, Venaus, Villar Dora, Villar
Focchiardo.
Art. 4
PROVA DELL’ ORIGINE (tracciabilità)
Ogni fase del processo produttivo viene monitorato documentando per ognuna gli input e gli output.
In questo modo, e attraverso l’iscrizione in appositi elenchi, gestiti dalla struttura di controllo, delle
particelle catastali sulle quali avviene la produzione, dei produttori e dei condizionatori, nonché
attraverso la denuncia alla struttura di controllo dei quantitativi prodotti è garantita la tracciabilità
del prodotto.
Tutte le persone, fisiche o giuridiche, iscritte nei relativi elenchi, saranno assoggettate al controllo
da parte della struttura di controllo, secondo quanto disposto dal disciplinare di produzione e dal
relativo piano di controllo.
ART. 5
METODO DI OTTENIMENTO
Sono da considerarsi idonei i castagneti da frutto ubicati in una fascia prealpina situata a quote
comprese tra i 350 ed i 1.050 m.s.l.m., su terreni aventi giacitura a franapoggio con pendenze dal 5
al 65 %, esposizioni prevalenti di N/E – N/O – S/E e S/O e terreni ricchi in scheletro, sabbia e limo
glaciale, generalmente acidi e subacidi ,derivanti in prevalenza da calcescisti con rocce verdi,
gneiss e micascisti con sostanza organica ben incorporata.
Il numero di piante in produzione per ettaro non può superare le 120 unità nei vecchi impianti, con
forma di allevamento libera e le 150 nei nuovi impianti, con forme di allevamento a vaso o globo.
Per garantire le ottimali caratteristiche del prodotto, ogni anno deve essere effettuata un’accurata
pulizia del sottobosco che deve essere inerbito e periodicamente sfalciato e si deve procedere
all’eliminazione di cespugli, felci e altre piante prima della raccolta. A tal fine è proibito l’uso di
sostanze chimiche di sintesi quali i diserbanti.
La raccolta dovrà essere effettuata manualmente o con mezzi meccanici ( macchine raccoglitrici ),
tali comunque da salvaguardare l’integrità del prodotto; il periodo di raccolta ha inizio al 20 di
settembre per concludersi il 10 novembre.
E’ vietata negli impianti in produzione ogni somministrazione di fertilizzanti di sintesi, ad eccezione
di quanto è consentito per l’agricoltura biologica (Reg. CEE 2092/91), è consentita la concimazione
organica annuale.
Nei castagneti da frutto dovranno essere realizzate e mantenute efficienti le opere di sistemazione
idraulico forestale necessarie alla regimazione delle acque. Sono previste irrigazioni di soccorso, in
numero da 2 a 4 per ogni annata agraria negli impianti in produzione;
La resa produttiva è stabilita in un massimo di tonnellate 2,0 per ettaro.
La pezzatura minima ammessa è pari a un massimo di 85 frutti per chilogrammo netto allo stato
fresco.
La cernita viene effettuata per eliminare i frutti lesionati da patogeni o da altri fattori e viene svolta
manualmente.
La calibratura può essere eseguita anche prima della cernita e della eventuale curatura; può essere
effettuata manualmente o con apposite macchine calibratici.
Il prodotto che non viene immesso sul mercato entro 30 giorni dalla raccolta subisce l’operazione di
curatura.
La curatura dei frutti serve al mantenimento della serbevolezza del prodotto.
Deve essere eseguita esclusivamente mediante acqua, sia a freddo con immersione in acqua a
temperatura ambiente per un periodo dai 2 agli 8 giorni; sia a caldo, consistente nell’immersione dei
frutti in acqua calda a 48 C° per 50 minuti e successivamente tenuti in acqua fredda per altri 50
minuti. Tale processo non danneggia le caratteristiche tipiche del prodotto. Non è consentito in
alcun caso l’uso di additivi chimici.
Le operazioni di cernita, di calibratura, di curatura, del prodotto fresco devono essere effettuate
nella zona delimitata dall’articolo 3.
Art. 6
LEGAME CON L’AMBIENTE
Le caratteristiche pedologiche, quali la ricchezza in scheletro e sabbia dei suoli, la giacitura a franapoggio
degli strati rocciosi e la pendenza influiscono nel bilancio idrico della Valle di Susa e di conseguenza anche
sui castagneti. Da non sottovalutare è il ruolo di lento filtrante rappresentato dal limo glaciale presente nell’
abbondante copertura morenica e la tessitura tendenzialmente sabbiosa dei suoli su calcescisti che permettono
un considerevole immagazzinamento di acque, provenienti dallo scioglimento delle nevi, poi defluenti nel
fondovalle. Nel periodo estivo abbondanti acque solcano le pendici e quasi sempre attive sono le risorgive qua
e là presenti, la maggior parte di queste acque presenta decorso sotterraneo. Nonostante ciò molti suoli
denunciano siccità estiva , ancor più evidente dove l’erosione ha asportato gli orizzonti più superficiali. Questa
situazione , ha portato alla realizzazione di un sistema di canalizzazioni capillari che permette di irrigare vaste
superfici di castagneti, e ottenere in questo modo maggior pezzatura del prodotto e quindi migliore
produzione. Al riguardo è importante rilevare che la maggior parte dei castagneti nella Valle di Susa vegeta su
suoli bruni mesotrofici, acidi con materia organica ben incorporata, drenaggio libero, scheletro fino al 20%
minuto e medio, su pendenze > 50%, poco soggetti ad erosione.
L’andamento climatico, favorevole alla coltivazione del castagno, è caratterizzato da precipitazioni
non molto elevate per la posizione della Valle di Susa, incuneata tra le Valli Sangone e Lanzo e con
il massiccio dell’ Orsiera a Sud che ostacola l’afflusso delle masse di aria umida di origine
mediterranea.
La durata media della copertura nevosa va da meno di 2 mesi a Chiusa di San Michele ad una media
di 2 , 3-5 mesi a Salbertrand e di 4 mesi ad Oulx pur con oscillazioni annuali amplissime, tanto che
per quest’ultima stazione vi sono dati che registrano solo 40 giorni di copertura. E’ bene anche
rilevare l’estrema irregolarità di tutti i tipi di precipitazioni nei diversi anni.
Per quanto riguarda le temperature medie annue si va da valori compresi tra 11° e 12°C tra Susa ed
Alpignano ed i valori inferiori a 0°C sui rilievi più elevati (quote ? 2000 m). Nel fondovalle si
hanno 4 – 5 mesi freddi ed i dati indicano in genere valori medi minimi dei mesi invernali che
raramente raggiungono sotto lo zero, mentre in corrispondenza delle vette più alte si arriva a 12
mesi freddi. L’estate è piuttosto calda, ma senza grandi eccessi termici.
Le caratteristiche geologiche e pedologiche del territorio segusino oltre che l’andamento climatico
permettono ai castagneti da frutto di vegetare nelle migliori condizioni tanto che le piante appaiono
vigorose ( gli attacchi del mal dell’inchiostro sono sporadici ) e conferiscono alla produzione quelle
qualità organolettiche tipiche che contraddistinguono il Marrone della Valle di Susa, facendolo
apprezzare a tutti i livelli. La tradizione millenaria del castagno ne è la conferma.
La coltivazione vera e propria dei castagneti da frutto nella Valle di Susa può farsi risalire ad epoca
Romana, ma è dal Medioevo in poi che si hanno documenti e notizie certe sulla diffusione e
importanza che la coltura ha assunto, con particolare riferimento al marrone.
Tra i tanti castagneti merita di essere ricordato il “castagneretus de Templeriis”, appartenente
all’ordine dei Templari, in località Boarda situata nel comune di San Giorio, ove, ancora oggi,
appaiono esservi le più antiche ceppaie di marroni della Valle.
Alla fine dell’Ottocento sono numerosissime le testimonianze epistolari di privati che dal territorio
della Valle di Susa facevano giungere i marroni in altre regioni d’Italia e in molti paesi europei
come la Francia, ed oltre oceano negli Stati Uniti.
L’estendersi delle reti ferroviarie fu determinante per lo sviluppo dei commerci e la prima vera
esportazione dall’Italia in quantità rilevante di marroni, iniziò nel 1854.
A partire dagli anni’40 e fino agli anni’80 si è assistito ad un marcato spopolamento della
montagna, al cambiamento delle abitudini alimentari ed alla comparsa e diffusione del mal
dell’inchiostro e del cancro della corteccia, tutti fattori che hanno determinato la riduzione delle
superfici investite a castagneto, ma dalla metà degli anni’80 e tuttora, si verifica una diffusa ripresa
di questo settore, favorito non solo dalle buone condizioni di mercato dei marroni, ma anche dalla
consapevolezza che i castagneti costituiscono una fonte di reddito non trascurabile e un patrimonio
colturale estremamente importante dal punto di vista storico, dell’ambiente, del paesaggio e
turistico, peculiarità tipiche dei castagneti della Valle Susa.
Art. 7
CONTROLLI
Il controllo sulla conformità del prodotto al disciplinare è svolto da una struttura di controllo
conformemente a quanto stabilito dagli articoli 10 e 11 del Regolamento (CE) n. 510/2006.
Art. 8
ETICHETTATURA
L’immissione al consumo del “MARRONE della VALLE di SUSA” deve avvenire con le seguenti
modalità:prodotto confezionato in sacchetti in rete nelle confezioni da 1 – 2 – 2,5 – 3, 10 Kg ed in
sacchi per le confezioni da 5-10 – 25 e 50 Kg. chiusi ermeticamente.
Il prodotto fresco può essere immesso al consumo a partire dal 25 settembre dell’anno di
produzione.
Sulle confezioni dovrà essere apposto all’atto della chiusura delle stesse confezioni l’etichetta
recante la dicitura: INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA, “MARRONE della VALLE di
SUSA”, deve figurare in caratteri chiari ed indelebili nettamente distinguibile da altre scritte.
In etichetta è vietata l’indicazione di qualsiasi qualificazione diversa da quella prevista dal presente
disciplinare ivi compresi gli aggettivi ‘extra’,’superiore’,’fine’, ‘scelto’ ‘selezionato’ e similari. E’
vietato inoltre l’uso di indicazioni aventi significato laudativo ed atte a trarre in inganno il
consumatore.
E’ consentito specificare gli estremi atti ad individuare:
? nome, ragione sociale ed indirizzo del confezionatore;
? annata di produzione dei marroni contenuti;
? peso lordo all’origine.
Il logo della I.G.P. è costituito dalla rappresentazione di un sacco pieno di frutti, rovesciato in
avanti, aperto sul lato superiore, dal quale fuoriescono i marroni.
Il sacco e i frutti sono posti su uno sfondo di colore giallo paglierino; – sul sacco e sullo sfondo si
evidenzia la scritta “ della “ in nero, con carattere calligrafico esclusivo. Completa il marchio un
rettangolo di colore rosso scuro dove si evidenzia la scritta “ MARRONE VALLE SUSA “, in
bianco e la scritta “ di “, in nero, con caratteri calligrafici esclusivi.
E’ possibile stamparlo in:
? quadricromia (base colorimetrica cyan , magenta , giallo , nero ) ;
? monocromatico (stampa nera ) .
La forma è rettangolare (le dimensioni variabili in base alla confezione, ma sempre proporzionate –
RAPPORTO 1 : 1,10 ” esempio cm. 10 per 11 – cm. 3 per 3,30 ” ).
I caratteri usati per la scritta Indicazione Geografica Protetta sono:
? Futura Medium Bold 7 punti (pt) tranne che per le lettere iniziali delle 3 parole, per le quali
sono: Futura Bold 14 punti (pt);
? (caratteri maiuscoli e minuscoli di colore bianco).

alt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *